L’associazione “Nonno ascoltami!” celebra a Roma la terza giornata dell’udito

La “III Giornata dell’udito”, voluta e organizzata dall’associazione “Nonno ascoltami!”, con il patrocinio del Ministero della Salute, sarà celebrata il 2 marzo in occasione del “World Hearing Day”, indetto ogni anno dall’OMS (Organizzazione mondiale della sanità). A moderare l’incontro il giornalista del TG5 Salute, Luciano Onder, che già nella scorsa edizione era intervenuto accendendo i […]

La “III Giornata dell’udito”, voluta e organizzata dall’associazione “Nonno ascoltami!”, con il patrocinio del Ministero della Salute, sarà celebrata il 2 marzo in occasione del “World Hearing Day”, indetto ogni anno dall’OMS (Organizzazione mondiale della sanità). A moderare l’incontro il giornalista del TG5 Salute, Luciano Onder, che già nella scorsa edizione era intervenuto accendendo i riflettori sul tema della prevenzione e ribadendo l’importanza di un’azione mirata e tempestiva.

Secondo i dati OMS, Eurotrack e Censis, in Italia sono 7 milioni le persone con problemi di udito, corrispondenti all’11,7% della popolazione. Nel nostro Paese l’ipoacusia riguarda una persona su tre (tra gli over 65) e solo il 31% della popolazione ha effettuato un controllo dell’udito negli ultimi 5 anni, mentre il 54% non l’ha mai fatto.

Ad aprire i lavori della giornata, il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e l’OMS con un intervento sul World Hearing Day 2018,Ascolta il futuro”, con cui l’Organizzazione mondiale richiama l’attenzione sull’aumento previsto del numero di persone con problemi di udito in tutto il mondo. Sarà poi consegnato il riconoscimento di “Ambasciatore della Prevenzione 2018” all’attore Lino Banfi che grazie alla sua sensibilità, contribuirà a diffondere il messaggio di prevenzione dell’Associazione.

A seguire, la presentazione della campagna “Nonno ascoltami!”, giunta quest’anno alla nona edizione, con oltre 35 città coinvolte in tutta Italia e oltre 10mila persone che hanno eseguito i controlli dell’udito. «La perdita uditiva comporta costi altissimi per l’intero sistema socio-sanitario – spiega Mauro Menzietti, fondatore di “Nonno ascoltami!” –. I problemi di sordità “non affrontati”, infatti, ci costano ogni anno 750 miliardi di dollari nel mondo, per un totale di 360 milioni di persone che ne soffrono. L’OMS indica le strategie preventive per arginare il fenomeno e delineare le misure per garantire a tutti l’accesso ai servizi di riabilitazione».

Parteciperanno all’iniziativa oltre 60 tra i maggiori esperti italiani nel campo dell’udito, a confronto sui principali temi legati alla prevenzione dei disturbi uditivi. Meeting che si concluderà con la firma congiunta del “Manifesto della prevenzione” – edizione 2018. I lavori della giornata proseguiranno poi con la presentazione del libro “Io sento”, che raccoglie i disegni dei ragazzi protagonisti dell’ultima edizione di “Nonno ascoltami!”. Nel corso del meeting, l’associazione consegnerà il premio “Ambasciatore della Prevenzione 2018”, a Lino Banfi e alla memoria di Cino Tortorella (Mago Zurlì).

Nel corso della mattinata, il dott. Gaetano Paludetti, Direttore del Dipartimento di Scienze chirurgiche delle testa e del collo – Policlinico universitario “A. Gemelli” di Roma –  insieme all’equipe del Policlinico, effettuerà controlli gratuiti dell’udito ai dipendenti del Ministero della Salute.

 

 

Articoli correlati
Aggressioni medici, pioggia di adesioni al sit in dell’OMCeO Palermo
Da Cittadinanzattiva Sicilia all'Associazione diabetici Palermo fino al Comitato consultivo dell'azienda Arnas Civico di Palermo: tante le realtà presenti alla manifestazione in in Piazza Politeama. Amato: «Sensibilizzare i cittadini investendo nella comunicazione»
Dal robot-paziente alle protesi in 3D, le tecnologie del futuro a Exposanità
Al Salone internazionale della sanità il simulatore SimMan 3G: può diventare cianotico, simulare spasmi e convulsioni, lamentarsi e urlare di dolore. Alex Zanardi ha presentato l’handy bike progettata da lui
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
OMCeO Palermo, sit-in contro aggressioni ai medici
Basta violenza, basta aggressioni. Questo è il senso del sit-in organizzato dall’ordine dei medici di Palermo domani alle 15.30, in piazza Politeama. L’obiettivo è rilanciare l’appello a tutti i medici siciliani, professionisti della sanità, rappresentanti istituzionali, sindacali e associazioni di pazienti, a manifestare pacificamente contro ogni forma di aggressione, a partire dalle violenze che si […]
La SIN (Società Italiana di Neurologia) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna
Anche quest’anno la Società Italiana di Neurologia (SIN) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna organizzata dal Ministero della Salute, per sensibilizzare e promuovere i progressi della ricerca scientifica per la cura delle patologie neurologiche femminili e allestirà sabato 21 aprile un gazebo informativo presso il Villaggio della Salute della Donna. Le malattie neurologiche, […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...