OMCeO, Enti e Territori 4 ottobre 2016

Dal caso ENPAM Sicura al caos ENPAM

Tutte le colpe dei meccanismi di rappresentanza della Professione e di quello statuto che tiene la Fondazione lontana dai suoi contribuenti; appello ai parlamentari della Commissione XII della Camera per affrontare tali problemi già attraverso la revisione del Ddl sulla riforma degli ordini professionali 

Da qualche giorno ENPAM, la Fondazione con finalità di interesse pubblico che ha lo scopo statutario di tutelare tutti i medici e odontoiatri italiani attraverso gli strumenti dell’assistenza e della previdenza, è su tutti i giornali a causa di infuocate e non più sotterranee lotte intestine all’interno degli organi di governo.

Casus belli la presunta mala gestione della Srl “ENPAM Sicura” e i presunti danni economici che ne sarebbero derivati a soli dodici mesi dalla trionfale apertura della controllata di unica proprietà di ENPAM nata con la mission di aprire le attività dell’Ente al mercato del brokeraggio assicurativo.

Molte voci si stanno affannando nelle ultime ore per dire la propria su questa vicenda, quasi tutte provenienti dal mondo dei sindacati medici. Curioso, però, che proprio gli accordi tra sindacati medici siano stati non solo l’humus da cui è nata e poi abortita ENPAM Sicura Srl, presieduta dall’ormai ex segretario FIMMG Milillo e dotata di un CdA appaltato ai segretari dei principali potentati sindacali, bensì rappresentino l’impalcatura stessa sulla quale si regge, grazie allo statuto approvato soltanto due anni fa, l’intera macchina di governo di una Fondazione che amministra gli oltre 18 miliardi di patrimonio di proprietà di tutti i medici e odontoiatri italiani.

Nell’ultimo anno spesso ENPAM è finita sotto i riflettori e sulle pagine dei giornali, non solo con ENPAM Sicura: ricordiamo le polemiche estive scatenate dall’apparente volontà della Fondazione di cedere alle lusinghe del Governo per investire nel fondo Atlante 2 nonché le notizie riportate in articoli a firma di analisti ed esperti finanziari che, descrivendo i deludenti risultati degli ingenti investimenti immobiliari fatti intempestivamente in Gran Bretagna nel bel mezzo del referendum sul Brexit, stanno negli ultimi giorni generando preoccupazione tra i contribuenti.

Non entriamo nel merito, attendiamo che la questione ENPAM Sicura venga chiarita nelle sedi opportune così come attendiamo le spiegazioni che il Presidente ENPAM vorrà dare all’Assemblea Nazionale sui temi in questione durante la prossima adunanza.

Di sicuro, però, solleviamo il tema strutturale: l’Ente Nazionale Previdenza e Assistenza Medici non può esimersi dal correre ai ripari e dotarsi di strumenti di certificazione di accountability e trasparenza degni di tal nome né di essere territorio di esclusivo appalto di minoranze organizzate come quelle rappresentate dal mondo sindacale medico che, attraverso il controllo di maggioranze relative presso gli OMCeO provinciali nonché delle rappresentanze elette secondo i dettami di un pessimo nuovo statuto, tengono sotto scacco in modo autoreferenziale un patrimonio che appartiene a tutti i medici e odontoiatri italiani.

I Giovani Medici (S.I.G.M.) in più occasioni avevano richiesto l’adozione di un sistema maggioritario per l’elezione degli organi di governo della Fondazione a suffragio universale, al pari di quanto avviene per le Casse Previdenziali Private di altre professioni, con la convinzione che tale iniziativa potesse favorire non solo la partecipazione attiva delle giovani generazioni di contribuenti alla definizione delle Politiche Previdenziali dell’ENPAM bensì anche una strutturazione dell’intera Fondazione a reale somiglianza dei suoi contribuenti.

In ogni caso il problema non si conclude né si circoscrive in ENPAM, i venti di guerra che stanno soffiando sui convegni di FIMMG e dei principali sindacati medici ne sono la dimostrazione.

<<È necessario intraprendere ogni azione utile per interrompere alla radice la pericolosa connivenza tra potentati e ruoli di rappresentanza ovvero la confusione che sussiste tra la variegata costellazione delle sigle del mondo sindacale e gli organi di governo e rappresentanza della Professione. Siamo convinti che ciò che sta accadendo in ENPAM sia solo la manifestazione di una malattia ben più diffusa>> dichiarano i Giovani Medici SIGM.

<<Chiediamo ai parlamentari della Commissione XII della Camera, che stanno lavorando sul testo del Ddl sulla riforma degli ordini professionali, di tenere conto di tali criticità e favorire meccanismi che affrontino e risolvano il problema applicando una reale riforma delle istituzioni di rappresentanza delle professioni e non un mero restyling come finora avvenuto>> concludono i Giovani Medici SIGM.

ASSOCIAZIONE ITALIANA GIOVANI MEDICI (SIGM)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...