OMCeO, Enti e Territori 14 febbraio 2018

CCNL Sanità, Bonazzi FSI-USAE : «Ѐ una questione di giustizia professionale, chi ha competenze va valorizzato»

La contrattazione in Aran per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro della sanità pubblica si è svolta con l’esame delle proposte relative alla costituzione dei fondi e di un primo articolato per le varie indennità. Documenti che si sono subito rivelati insoddisfacenti per la F.S.I.-U.S.A.E. (Federazione Sindacati Indipendenti e Unione Sindacati Autonomi Europei) ed altre organizzazioni […]

La contrattazione in Aran per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro della sanità pubblica si è svolta con l’esame delle proposte relative alla costituzione dei fondi e di un primo articolato per le varie indennità. Documenti che si sono subito rivelati insoddisfacenti per la F.S.I.-U.S.A.E. (Federazione Sindacati Indipendenti e Unione Sindacati Autonomi Europei) ed altre organizzazioni sedute al tavolo.

«In realtà prima di esaminare tali proposte una discreta porzione di tempo è stata dedicata alle richieste di chiarimenti  circa la diffusione a mezzo stampa di un documento che non è mai stato fornito alle organizzazioni sindacali e di cui le stesse hanno chiesto una smentita ufficiale da parte dell’Aran.  Richieste a cui Aran ha fornito risposte non esaustive che hanno  innescato una discussione, a tratti anche animata, circa gli obiettivi  della contrattazione e le rispettive posizioni delle organizzazioni sindacali rappresentative e di alcune altre organizzazioni sedute al tavolo» fa sapere la FSI-USAE.

«Una discussione che ha poi portato, ovviamente, in fase  di prima disamina dei documenti odierni, la nostra federazione a non focalizzarsi solo sui documenti proposti ma a fare ragionamenti più ampi e ad allargare le considerazioni anche ad altri temi più  cogenti della contrattazione come l’adeguamento del valore economico delle indennità, il finanziamento e la portata dei nuovi incarichi professionali, la revisione della classificazione del personale e il recepimento del sapere professionale nelle progressioni di carriera,  l’inquadramento e l’estensione delle indennità  per gli O.S.S. e le specificità del sistema incentivante del Ssn. La nostra organizzazione inoltre ha pesantemente stigmatizzato il modo di procedere dell’agenzia dichiarando il proprio assoluto dissenso per il palese tentativo di destabilizzare contrattualmente la sanità pubblica, cercando di introdurre norme contrattuali analoghe a quelle già inserite nel contratto degli statali delle Funzioni Centrali; norme che non hanno alcuna attinenza con le peculiarità tipiche del comparto della sanità: unico comparto in cui il 70% del personale lavora su turni H24 sette giorni su sette ed unico comparto ad avere una componente di lavoro femminile molto alta e vicina ai 2/3 del personale. Unico comparto in cui il lavoro notturno delle donne è autorizzato in deroga a tutte le norme vigenti per gli altri settori».

A questo proposito il Segretario Generale, Adamo Bonazzi, ha dichiarato: «L’Aran deve partire dall’impianto contrattuale esistente che è specifico e non fare voli pindarici verso normative che distruggerebbero il sistema della sanità pubblica. Aran deve pensare ad un impianto normativo leggero con poche ma significative modifiche delle norme esistenti che recepiscano le innovazioni  professionali ed organizzative  del pianeta sanitario ospedaliero e territoriale, con significativi interventi invece sull’impianto della scala parametrica contrattuale che recepiscano le nuove professioni introdotte nel sistema negli ultimi 15 anni (come ad esempio gli Operatori Socio Sanitari) e che diano la giusta soddisfazione a quei professionisti della sanità che hanno investito il proprio tempo e in molti casi il proprio denaro per acquisire formazione supplementare e nuove competenze. I professionisti della sanità sono a tutti gli effetti dei Quadri e questo gli deve essere riconosciuto. Non è solo una questione economica. Ѐ una questione di giustizia professionale: chi ha delle competenze va valorizzato. Ma l’Aran deve anche pensare a compensare adeguatamente i vari disagi, partendo di chi lavora su turni o da chi resta a disposizione del sistema con la pronta disponibilità» conclude.

 

 

Articoli correlati
Aggressioni medici, pioggia di adesioni al sit in dell’OMCeO Palermo
Da Cittadinanzattiva Sicilia all'Associazione diabetici Palermo fino al Comitato consultivo dell'azienda Arnas Civico di Palermo: tante le realtà presenti alla manifestazione in in Piazza Politeama. Amato: «Sensibilizzare i cittadini investendo nella comunicazione»
Dal robot-paziente alle protesi in 3D, le tecnologie del futuro a Exposanità
Al Salone internazionale della sanità il simulatore SimMan 3G: può diventare cianotico, simulare spasmi e convulsioni, lamentarsi e urlare di dolore. Alex Zanardi ha presentato l’handy bike progettata da lui
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
OMCeO Palermo, sit-in contro aggressioni ai medici
Basta violenza, basta aggressioni. Questo è il senso del sit-in organizzato dall’ordine dei medici di Palermo domani alle 15.30, in piazza Politeama. L’obiettivo è rilanciare l’appello a tutti i medici siciliani, professionisti della sanità, rappresentanti istituzionali, sindacali e associazioni di pazienti, a manifestare pacificamente contro ogni forma di aggressione, a partire dalle violenze che si […]
La SIN (Società Italiana di Neurologia) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna
Anche quest’anno la Società Italiana di Neurologia (SIN) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna organizzata dal Ministero della Salute, per sensibilizzare e promuovere i progressi della ricerca scientifica per la cura delle patologie neurologiche femminili e allestirà sabato 21 aprile un gazebo informativo presso il Villaggio della Salute della Donna. Le malattie neurologiche, […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...