OMCeO, Enti e Territori 29 agosto 2018

Carenza Specialisti, AAROI-EMAC: «Affrontare emergenza ma con regole e corretta programmazione»

In Italia – ormai è un dato di fatto – la carenza di Medici Specialisti Ospedalieri, tra i quali gli Anestesisti Rianimatori, sta mettendo a rischio i LEA. Alle Organizzazioni Sindacali di categoria oggi viene chiesto di collaborare per una soluzione che nell’immediato possa assicurare ai cittadini che questo rischio sia allontanato ricorrendo all’utilizzo dei […]

In Italia – ormai è un dato di fatto – la carenza di Medici Specialisti Ospedalieri, tra i quali gli Anestesisti Rianimatori, sta mettendo a rischio i LEA. Alle Organizzazioni Sindacali di categoria oggi viene chiesto di collaborare per una soluzione che nell’immediato possa assicurare ai cittadini che questo rischio sia allontanato ricorrendo all’utilizzo dei medici giunti perlomeno all’ultimo anno di formazione specialistica, quindi non ancora specializzati.

L’emergenza in atto, tuttavia, non deve portare a scelte che ledano i diritti dei pazienti e che mettano a rischio l’operato dei Medici, sia specializzandi sia specialisti. Da questo punto fermo l’AAROI-EMAC partirà nell’incontro tecnico al Ministero della Salute previsto per domani sulla carenza di Medici specialisti e sulla formazione post laurea, dove l’Associazione presenterà le proprie considerazioni sull’ipotesi di coprire la carenza di specialisti attraverso l’inserimento di specializzandi nel SSN.

«La proposta delle Regioni e del Ministero riguardo all’inserimento dei Medici in Formazione nel Sistema Sanitario Nazionale, così come percepita (in attesa di una stesura scritta) presenterebbe diverse criticità, alcune delle quali richiederebbero sostanziali e soprattutto preliminari modifiche legislative – sottolinea Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC – ; ci vengono date rassicurazioni generiche in merito al proposito che quest’utilizzo non diverrebbe strutturale al SSN, ma resterebbe limitato al periodo di tempo strettamente necessario affinché una programmazione finalmente corretta dei fabbisogni di medici specialisti ospedalieri, una volta avviata, possa colmare le carenze di personale esistenti».

«L’idea non è nuova – prosegue Vergallo – Successivamente all’introduzione, ormai quasi trent’anni fa, dell’obbligo di specializzazione per i medici ospedalieri, più volte negli anni le Istituzioni di governo del SSN, a livello sia centrale sia decentrato, hanno pensato di tamponare in qualche modo gli esiti di una cattiva programmazione dei fabbisogni ospedalieri di personale medico specialista, ottusamente perpetrata per decenni, nonostante tutti gli allarmi e gli appelli lanciati dal mondo sindacale medico. Nel passato più recente – correva il 2014 – addirittura tentando di sdoganare un inquadramento contrattuale dei giovani medici in formazione specialistica allo stesso livello degli infermieri “caposala”. Il tentativo fallì, come del resto era prevedibile, per le sue evidenti distorsioni sia ideative sia, ancor peggio, applicative».

Un punto che l’AAROI-EMAC porrà a base del confronto di domani 30 Agosto – anche in quanto più volte negli anni sottolineato dall’Associazione – è quello specifico degli ambienti e nei contesti ad alta criticità (Sale Operatorie e Terapie Intensive Polivalenti e/o Specialistiche) in cui – a garanzia della sicurezza nel percorso diagnostico, clinico, terapeutico e assistenziale – dovrà comunque essere presente, oltre allo specializzando, almeno un Tutor/Dirigente Medico strutturato. Né si ritiene possibile che in tali ambienti e contesti i Medici in formazione possano decidere da soli un percorso clinico-terapeutico specifico sul Paziente senza averlo condiviso, ed in un certo qual modo senza averne avuta autorizzazione, con i Dirigenti medici specialisti della disciplina.

Occorrerebbe comunque, preliminarmente e con modalità strettamente uniformi su tutto il territorio nazionale, codificare le attività assistenziali che i Medici in Formazione potrebbero esercitare, secondo il crescente livello di autonomia e responsabilità, all’interno delle strutture dei vari Sistemi Sanitari Regionali, senza lasciare che le singole Regioni e financo le singole Aziende Ospedaliere italiane possano ancora una volta dar libero sfogo a fantasie applicative di regole nazionali.

Ma un altro ancora, tanto più semplice concettualmente quanto più complicato, forse, da potersi garantire ed applicare, è il punto che per l’AAROI-EMAC è irrinunciabile: l’immediato e corretto ricalcolo dei fabbisogni di Medici specialisti, con relativo ed immediato aumento di tutte le Borse di studio che servono nelle discipline che ne hanno bisogno. In assenza di un adeguato ricalcolo, per l’Associazione qualunque soluzione si dimostrerebbe un fallimento già in partenza.

«Sebbene esistano diverse criticità e numerose perplessità che riteniamo necessario approfondire – conclude il Presidente AAROI-EMAC –, non è nostra intenzione opporci a priori all’ipotesi del Ministero della Salute riguardo all’ingresso dei Medici in Formazione nel SSN, naturalmente anche attraverso il giusto coinvolgimento del mondo accademico cui afferiscono gli ambiti specialistici che la nostra Associazione rappresenta sindacalmente. Tuttavia, se non fossero sciolti i tanti interrogativi e fissate le regole inderogabili che poniamo a base della collaborazione richiesta, per quanto ci compete la strada risulterebbe impercorribile».

Articoli correlati
Carenza infermieri, la proposta FNOPO: «Restituiamo a sole ostetriche la cura delle donne nelle aree materno-infantili»
La strategia della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica punta alla razionalizzazione delle risorse umane in sanità e all'utilizzo “appropriato” dei professionisti sanitari. «L'ostetrica può offrire da sola l’80% delle cure ostetriche, come certificato dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità»
Emergenza-urgenza, l’allarme della Simeu: «Nei Pronto soccorso italiani mancano oltre mille medici»
Il dato emerge da una raccolta dati. Ogni anno i medici dell’emergenza effettuano 4 milioni e mezzo di visite in più rispetto agli standard nazionali, definiti dalle società scientifiche
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
Medici, Anaao pronta a 72 ore di sciopero: «Inarrestabile peggioramento condizioni di lavoro, contratto scomparso da agenda politica»
Duro documento della Direzione nazionale del sindacato: pronto stato di agitazione e manifestazione nazionale: «Il blocco priva medici e dirigenti sanitari dipendenti di un fondamentale strumento di cambiamento delle condizioni di lavoro, che restituisca dignità e sicurezza ai professionisti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...