OMCeO, Enti e Territori 19 aprile 2017

Approvato il piano per la prevenzione e la tutela della salute in Lombardia

Il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato il nuovo piano per la prevenzione, la promozione e la tutela della salute. Tra gli obiettivi da raggiungere nel quinquennio 2014/2018 figurano la promozione della formazione e l’informazione sull’efficacia dei vaccini, la riduzione del carico di malattia, nuovi investimenti sul benessere dei giovani, il rafforzamento del patrimonio comune di […]

Il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato il nuovo piano per la prevenzione, la promozione e la tutela della salute. Tra gli obiettivi da raggiungere nel quinquennio 2014/2018 figurano la promozione della formazione e l’informazione sull’efficacia dei vaccini, la riduzione del carico di malattia, nuovi investimenti sul benessere dei giovani, il rafforzamento del patrimonio comune di pratiche preventive e la riduzione del numero dei bambini nati pretermine. Tra i programmi regionali inseriti nel piano viene posta particolare attenzione alla salute negli ambienti di lavoro, alla salute del bambino e della mamma, agli stili di vita e screening oncologici, alla prevenzione di dipendenze, controllo di malattie infettive, sicurezza alimentare e sanità pubblica veterinaria; infine è prevista una campagna per una sana e corretta alimentazione nelle scuole e il potenziamento della presenza di laureati in igiene e prevenzione.

Articoli correlati
Lombardia, parla l’assessore al Welfare Giulio Gallera: «Serve più autonomia per le regioni virtuose. Piano cronicità è modello che salverà Ssn»
«La centralizzazione del sistema sanitario è stata bocciata dagli italiani con l’ultimo referendum. Basta pagare per le inefficienze di altri», spiega il forzista riconfermato nella Giunta Fontana. Poi aggiunge: «Servirebbero presìdi della polizia nei pronto soccorso contro le aggressioni al personale sanitario»
Presa in carico cronicità: i sistemi innovativi di Iniziativa Medica Lombarda, la più grande cooperativa di MMG
È la cooperativa di medici di famiglia più grande d’Italia. Riunisce 700 camici bianchi che hanno in carico oltre un milione di cittadini lombardi. Un terzo dei quali è affetto da patologie croniche. Si chiama Iniziativa Medica Lombarda (IML) e sabato 7 aprile inaugura la sua nuova sede centrale con un innovativo Centro Servizi per la presa […]
Regionali: il Lazio a Zingaretti, in Lombardia vince Fontana
L'ex sindaco di Varese doppia Giorgio Gori con il 53%. Più staccato Dario Violi (M5S) con il 19,7%. Più combattuta la corsa per la Pisana: il presidente uscente è al 34,4%, dietro di lui Parisi (30,2%) e Lombardi (26,9%)
Lombardia, Federfarma incontra Gori: «Potenziare ruolo sanitario e sociale farmacie»
In vista delle regionali, il candidato del centrosinistra si rivolge ai farmacisti lombardi: «Siete soggetto idoneo a erogare anche nuovi servizi di valenza sociale che devono rientrare a pieno titolo nella rete del sistema sanitario». La presidente Racca: «Momento di confronto importante»
Referendum Lombardia e Veneto, vince il sì. Cosa cambia per la sanità?
I risultati della consultazione confermano la volontà dei cittadini delle due Regioni di maggiore autonomia e maggiori risorse, anche per la tutela della salute. Ecco che cosa succederà adesso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»