OMCeO, Enti e Territori 29 settembre 2015

Anzio-Nettuno, un reparto pediatrico nuovo di zecca

Attrezzature rinnovate grazie alle donazioni benefiche di Consulcesi Onlus e Aisic

Immagine articolo

Svariati reparti e una mole enorme di pazienti. E’ questa la realtà degli ospedali polivalenti, e sono questi i motivi per cui tali istituti risentono spesso di carenze strutturali e organizzative maggiori rispetto alle strutture specialistiche.


Un paradosso, se si pensa che sono le prime ad offrire, in prima istanza, cure e aiuto ai cittadini. Supportare le strutture ospedaliere polivalenti sul territorio, attraverso l’implementazione dei servizi e dei macchinari, è l’obiettivo di un progetto portato avanti da associazioni benefiche come Consulcesi Onlus e Aisic (Associazione Italiana contro lo Stress e l’Invecchiamento Cellulare), i cui sforzi congiunti si sono indirizzati, proprio di recente, per aiutare gli Ospedali Riuniti di Anzio e Nettuno. Con il supporto delle due organizzazioni, il suo reparto pediatrico è stato appena dotato di attrezzature nuove di zecca.

«Questi aiuti e queste donazioni sono una manna del cielo – afferma il dott. Michele Di Paolo, direttore sanitario -. Per noi è difficile dover accettare, a volte, di non poter offrire agli utenti un servizio all’altezza della domanda. La nostra è infatti l’unica struttura del litorale, è facile capire come d’estate la domanda sanitaria aumenti in modo esponenziale. E’ importante che le strutture polivalenti dimostrino eccellenza su tutte le linee di attività».

«Il reparto pediatrico dell’ospedale di Anzio ha un enorme numero di accessi – spiega il primario, dottor Mauro Persiani – e questo richiede una particolare attenzione. Adesso arriverà il picco epidemico e la popolazione locale, di 150mila abitanti, avrà bisogno di un’assistenza adeguata».

«Ci tengo a ringraziare la Consulcesi Onlus per il suo appoggio fondamentale in questo progetto – interviene Cinzia de Vendictis, presidente dell’associazione Aisic, protagonista di questa bella iniziativa che ha aiutato a colmare una lacuna delicata. Il nostro motto è ‘Andiamo dove serve, portiamo cosa serve’. Quello che ci gratifica in particolar modo è che ora sono gli ospedali a chiamare noi, a cercarci e a chiederci di andare da loro. Significa che il nostro progetto sta lasciando un segno importante. Le strutture polivalenti sono più numerose di quelle specialistiche ma meno strutturate, soprattutto in periodi come questo, di tagli e fondi che vengono meno. Interveniamo per aiutare queste strutture a garantire ai cittadini un servizio uniforme e di qualità, in tutti i reparti».

Articoli correlati
Sisma, come procede l’attività sanitaria? Il Ministro risponde…
Il Ministero della Salute ha attivato dalle prime ore dopo il terremoto il monitoraggio per la verifica dei danni subiti dalle strutture ospedaliere delle aree del sisma. Il lavoro viene svolto in costante coordinamento con il Dipartimento della Protezione Civile. Il Centro Nazionale Sangue ha attivato i protocolli per la gestione di eventuali emergenze. Le […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...