Mondo 3 giugno 2015

Web e App salvano medici e pazienti, aumentano le ricette elettroniche

Negli Usa le prescrizioni elettroniche superano quota un miliardo: ecco le App più usate in UK e Italia

Continua ad aumentare negli Stati Uniti il numero di prescrizioni elettroniche emesse da medici e farmacisti. È quanto emerge dai dati diffusi da Surescripts, ovvero il network informativo più utilizzato negli USA. Rispetto al 2013, infatti, lo scorso anno si è registrato un grande aumento nel numero di ricette elettroniche emesse dai professionisti americani: una differenza in positivo di circa 200 milioni. Secondo le informazioni raccolte dall’istituto statunitense la quasi totalità delle farmacie americane (ovvero il 95%) e più della metà dei camici bianchi (il 56%) hanno infatti elaborato un miliardo e 200 milioni di ricette elettroniche. Nei dodici mesi precedenti la cifra non aveva superato il miliardo. Questo dato è relativo soltanto alla rete gestita da Surescripts e rappresenta circa il 67% della totalità delle prescrizioni effettivamente emesse. Meno evidente la crescita del numero dei professionisti che hanno fatto ricorso a questo tipo di ricetta: dal 55% del 2013 si è passati al 56% dell’anno scorso.

I dati parlano insomma chiaro e dimostrano quanto sia crescente, all’interno del settore sanitario internazionale, l’interesse verso una progressiva “smaterializzazione” dell’attività medica in favore di soluzioni sempre più smart. Accade lo stesso anche nel mondo delle App mediche per device quali smartphone e tablet. In Inghilterra, ad esempio, attraverso questo tipo di strumenti è possibile collegare i pazienti a migliaia di ospedali e professionisti. Attraverso una semplice applicazione è infatti possibile per i medici consultare le cartelle cliniche contenenti tutte le informazioni relative ai pazienti affetti da patologie croniche e permettergli dunque di essere seguiti costantemente e senza eccessive perdite di tempo e di denaro. L’App consente inoltre di tenere sotto controllo i valori di pressione sanguigna, i grafici di esercizio e altre informazioni che necessitano dell’immediato inserimento nelle cartelle dei pazienti da parte dei medici generici. L’Applicazione è stata creata dal gruppo Emis, una tra le più importanti società di sviluppo software britanniche. La cura del rapporto medico-paziente assume, dunque, un ruolo sempre più importante grazie alle tecnologie di ultima generazione. Proprio in questa direzione va MyDott, soluzione studiata ad hoc per aumentare il numero di pazienti attraverso una comunicazione al passo con i tempi.

Articoli correlati
SSN: è possibile ‘fare economia’ senza tagliare servizi? «La soluzione è l’HTA» l’intervista al Presidente Cicchetti (Sihta)
Risorse pubbliche e tecnologie sanitarie sul piatto della bilancia: se ne parla al 10° Congresso della Società italiana di Health Technology Assessment international. «Un confronto indispensabile in un momento in cui il Def ci apre gli occhi sulla situazione finanziaria del nostro Paese» ai nostri microfoni Americo Cicchetti, Presidente Sihta
Congresso Nazionale Goal: l’oculista territoriale tra presente e futuro
Primo appuntamento con l’innovazione per la società scientifica Goal (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi) che organizza a Milano il 29 ed il 30 settembre, presso lo Starhotels Rosa Grand, il congresso nazionale dal titolo “L’oculista territoriale, il presente e il futuro”. Il Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi nasce per valorizzare il ruolo dell’oculista territoriale nel sistema sanitario nazionale e […]
Leopolda 2017: il “Futuro” della salute tra innovazione e nuove tecnologie
Il 29 e 30 settembre è in programma alla Leopolda di Firenze il Forum della Sostenibilità e Opportunità nel Settore della Salute, lo spazio di confronto nazionale sul sistema sanitario italiano e sul suo futuro. Conferenze, workshop e dialoghi per definire lo stato attuale e pianificare le nuove rotte di domani analizzando se e come il nostro sistema sanitario […]
Premio “Innova S@lute2017”: prorogata al 10 agosto la scadenza
A seguito delle numerose richieste, è stata prorogata al 10 agosto la scadenza per partecipare al “Premio Innova S@lute2017”, l’iniziativa di FPA promossa con il supporto incondizionato di Teva Italia all’interno del Forum dell’innovazione per la salute e finalizzata a raccogliere i migliori progetti in grado di dare risposte concrete a crescenti bisogni di salute. […]
Innovazione in salute, se ne parla a ‘Futuro Anteriore’, l’evento Roche dedicato alla ricerca
L’innovazione a tutto tondo è stata il tema dell’incontro “Futuro Anteriore” organizzato a Roma nei giorni scorsi da Roche. Rappresentanti delle istituzioni, del settore della salute, della ricerca e della cultura hanno cercato di definire cosa sia l’innovazione e di prevedere le sfide che ci attendono per il futuro. «E’ necessario riflettere sulle sfide presenti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione