Mondo 3 settembre 2018

Sicurezza, accessibilità e tracciabilità dei dati in sanità? La risposta potrebbe essere nella blockchain

Dalle cartelle cliniche alla filiera del farmaco, passando per le assicurazioni sanitarie ed i trial clinici, gli ambiti di applicazione della nuova tecnologia sono innumerevoli, così come infiniti sono i vantaggi che promette al mondo sanitario

Immagine articolo

Quanto costa la violazione dei dati contenuti nella cartella clinica di un paziente? 325 euro. I dati sanitari sono, per ovvie ragioni, tra i più sensibili, e si calcola che la loro violazione sia più cara di circa due volte e mezzo rispetto ad altri settori. E se pensiamo che il costo medio della violazione dei dati di una grande compagnia avvenuto nel 2017 è di 3,62 milioni di dollari, è chiaro che stiamo parlando di cifre molto alte. Sono i risultati di uno studio condotto dall’IBM e dal Ponemon Institute e riportato da Forbes, che propone una possibile soluzione al rischio di violazione di dati sanitari e cartelle cliniche: la blockchain.

La nuova tecnologia a blocchi consente infatti di coniugare accessibilità e sicurezza dei dati. Se le informazioni vengono archiviate nella blockchain, una rete di blocchi immutabili e collegati tra loro ai quali si accede solo con dei codici, i vantaggi per medici, pazienti, istituzioni e aziende sono quindi innumerevoli. Ed è proprio Forbes ad elencarne i principali, che vanno dalla sicurezza e tracciabilità delle cartelle cliniche alla lotta contro i farmaci contraffatti, passando per i risvolti assicurativi e i trial clinici.

LEGGI ANCHE: MIRKO DE MALDÈ (COO LYNKEUS): «COME PROTEGGERE I NOSTRI DATI SANITARI? CON LA BLOCKCHAIN»

CARTELLE CLINICHE SICURE E CONSULTABILI OVUNQUE

Probabilmente l’esempio più calzante e più vicino a tutti è quello che riguarda le cartelle cliniche: la blockchain ne assicurerebbe infatti la sicurezza e l’inalterabilità; al contempo, tuttavia, consentirebbe a diversi medici o ospedali di averne accesso, se precedentemente autorizzati dai pazienti. Se, ad esempio, un paziente deve essere trasferito da una struttura ospedaliera all’altra, la blockchain permetterebbe alla nuova equipe che lo prende in cura di consultare tutti i suoi dati sanitari e avere facilmente a portata di mano la sua storia clinica completa. Inoltre, eliminerebbe qualunque trasferimento di dati tradizionale e maggiormente rischioso: può essere sufficiente che un impiegato lasci acceso il suo computer per esporre al rischio di violazione l’intero database. Eventualità che non può verificarsi con la blockchain.

LA SICUREZZA DELLA FILIERA DEL FARMACO  

Le aziende farmaceutiche devono costantemente tracciare gli spostamenti dei medicinali. Se tali spostamenti sono registrati sulla blockchain, la possibilità che vengano rubati è infinitamente inferiore. Al contempo, la tecnologia attesterebbe a chi assumerà quel farmaco la provenienza ed il percorso fatto prima di arrivare sullo scaffale della farmacia. Ovviamente, questo ha importanti risvolti anche nella riduzione dei farmaci contraffatti.

TRIAL CLINICI TRACCIABILI

I trial clinici sono spesso condotti in diversi Paesi del mondo. Tuttavia, il più delle volte gli studi non vengono inseriti in un unico database. La blockchain, invece, assicurerebbe non solo la disponibilità dei risultati, ma anche la possibilità di combinarli in modo sicuro e dimostrarne l’efficacia in modo più semplice.

LA LOTTA CONTRO LE FRODI ASSICURATIVE

Si calcola che nei soli Stati Uniti le frodi sulle assicurazioni sanitarie costino 60 miliardi di dollari l’anno. Si verificano ogni volta che operatori e pazienti poco onesti richiedono il rimborso di prestazioni che in realtà non hanno effettuato o la dichiarazione della necessità di un accertamento medico di cui in realtà non si ha bisogno. Gran parte di questi problemi potrebbe essere superato con la blockchain: operatori e pazienti inseriscono i loro dati e informazioni nella catena per essere verificate e registrate, quindi le compagnie assicurative vi accedono e provvedono al rimborso delle prestazioni effettivamente eseguite o necessarie.

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, OLIVETI (ENPAM): «CON QUESTA TECNOLOGIA GIUSTO RICONOSCIMENTO E REMUNERAZIONE (ANCHE PREVIDENZIALE)»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Alzheimer, la memoria virtuale alleata dei malati
Ricordi che cominciano a sbiadire, dai nomi dei familiari al posto in cui si vive e al come ci si arriva, confusione con tempi e luoghi, richiesta delle stesse informazioni più volte: questi tra i primi sintomi con cui si manifesta l’Alzheimer, il mostro silenzioso che affligge oltre 600mila italiani e i loro familiari. Per […]
Rete 5G, rischi e opportunità per le connessioni del futuro. I medici ISDE: «Danni a fertilità. Niente ‘crociate’ ma applicare principio di precauzione»
Sarà commercializzata nel 2020, già partita l'asta. Il segretario dell’Associazione dei Medici per l’Ambiente Italia spiega i dubbi sulla rete di quinta generazione: «Ci sarà una moltiplicazione dei ripetitori. Servono pratiche di monitoraggio parallele a questa enorme dilatazione dell’esposizione all’elettromagnetismo»
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
Blockchain, Oliveti (Enpam): «Con questa tecnologia giusto riconoscimento e remunerazione (anche previdenziale)»
«Medici e odontoiatri sono professionisti liberali, dunque è giusto che venga tutelato il frutto della loro attività. Ecco, la Blockchain può farlo in trasparenza e nel rispetto della privacy» così il Presidente della cassa previdenziale dei medici e degli odontoiatri
Così la Blockchain salverà il Made in Italy in tavola (e la nostra salute)
Andrea Tortorella, autore di "Criptosvelate" e CEO di Consulcesi Tech: «Con la Blockchain la filiera alimentare diventa completamente tracciabile: ‘parmesan’ e ‘mozzarille’ costano al nostro Paese 65 miliardi di euro ogni anno ma la tecnologia renderà impossibile ingannare i consumatori»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...