Mondo 4 luglio 2017

Il piccolo Charlie cerca cure, Lorenzin: «Dovesse arrivare in Italia, daremmo il supporto necessario»

Il Ministro della Salute chiarisce: «Medici e famiglia faranno le loro valutazioni ma il Governo non dice nulla». Lana (Presidente Unione Forense per i Diritti dell’Uomo): «Scelta drammatica e discutibile quella di porre fine alla vita di un bambino»

«Se Charlie dovesse venire in Italia noi come governo daremmo il supporto necessario, ma è una valutazione che spetta ai medici, alla famiglia e all’ospedale. Noi assistiamo tanti pazienti in condizioni disperate da tutto il mondo ma queste sono sempre valutazioni tecniche». Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, a margine del convegno Health City Forum svoltosi all’Ara Pacis di Roma, commenta così l’eventualità che il bambino inglese malato di mitocondriopatia, a cui i medici vorrebbero interrompere il supporto dei macchinari che lo tengono in vita, venga in Italia. Mariella Enoc, Presidente del Consiglio d’Amministrazione dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, ha infatti verificato con il “Great Ormond Street Hospital” di Londra, dove è attualmente ricoverato il bambino, se vi siano le condizioni sanitarie per un eventuale trasferimento di Charlie a Roma.

Anche Papa Francesco ha twittato in modo indiretto sulla vicenda: «Difendere la vita umana, soprattutto quando è ferita dalla malattia, è un impegno d’amore che Dio affida ad ogni uomo», cui fa eco il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che sempre su twitter si è reso disponibile ad aiutare il piccolo Charlie offrendo eventuali strutture idonee ad ospitare il bambino negli Stati Uniti.

Charlie Gard, 10 mesi, soffre di una malattia genetica rara e grave per la quale non ci sono terapie efficaci. Da molto tempo il bambino vive solo grazie ai macchinari a cui è attaccato. I medici inglesi hanno provato varie soluzioni terapeutiche ma ritengono che non ci sia più nulla da fare per salvarlo. I genitori sperano ancora in una cura, magari sul piano sperimentale negli Stati Uniti, e si sono rivolti a tutti i gradi della giustizia inglese e alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo chiedendo di mantenere in vita il bambino. Tutti i ricorsi interni sono stati rigettati e la Corte Europea ha ritenuto irricevibile la domanda dei genitori.

Ad entrare nel dettaglio della decisione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, spiegandone le motivazioni ai microfoni di Sanità Informazione, l’avvocato Antonio Giulio Lana, Presidente dell’Unione Forense per i Diritti dell’Uomo: «La Corte ha sostanzialmente ritenuto che le autorità mediche inglesi, avessero adottato tutte le misure volte a provare a salvare la vita di questo bambino e ha valutato che i giudici inglesi avessero valutato con estrema cautela e attenzione tutta l’attività posta in essere sul piano sanitario del Regno Unito. Dall’altro lato ha ritenuto che non vi fosse un consenso fra i paesi membri e neppure all’interno del sistema inglese e quindi ha deciso di dichiarare irricevibile la domanda presentata da parte dei genitori del bambino. Si tratta evidentemente di una vicenda molto delicata nella quale la Corte ha ragionato in punta di diritto secondo un orientamento consolidato: quando si ha a che fare in materia di bioetica, di fine vita e di inizio della vita, la Corte tende a fare un passo indietro».

«In materia di bioetica – prosegue l’Avvocato – la Corte lascia agli stati un margine particolarmente ampio, ossia la Corte dice sostanzialmente che in queste materie dove non c’è un consenso molto ampio all’interno dei 47 paesi membri del Consiglio d’Europa o anche all’interno dell’ordinamento di un dato sistema paese, la Corte cerca di non ingerirsi in maniera molto forte ma lascia appunto uno spazio di libertà e di movimento agli stati abbastanza ampio».

Ritornando sulla vicenda del piccolo Charlie, l’avvocato Lana conclude: «Certamente è una storia drammatica. Pensare che un medico possa assumersi la responsabilità di porre fine alla vita di un bambino, quando forse c’è una possibilità sul piano sperimentale negli Stati Uniti di continuare a sperare, è una scelta veramente discutibile oltre che drammatica».

Articoli correlati
Bologna, M5S: «Riconoscere l’estetica oncologica»
«La Regione Emilia-Romagna chieda al ministero della Salute di riconoscere la figura professionale in estetica oncologica». Ѐquesta la richiesta di Silvia Piccinini, capogruppo regionale del Movimento 5 stelle contenuta in una risoluzione che sarà discussa nelle prossime sedute dell’Assemblea legislativa. «Visto che ad una nostra interrogazione presentata qualche settimana fa, che chiedeva appunto l’inserimento dei tatuaggi medici tra i […]
Raggi a Lorenzin: «A scuola anche i bimbi non vaccinati»
Rispettare la continuità didattica ed educativa. Con questa motivazione, l’assemblea capitolina ha approvato nei giorni scorsi la mozione con cui la sindaca Virginia Raggi propone di far restare a scuola i bambini da 0 a 6 anni iscritti all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia regolarmente ma non ancora vaccinati. Immediata la risposta contraria della ministra della salute Beatrice Lorenzin […]
Legge Lorenzin, Nausicaa Orlandi (Presidente Consiglio Nazionale dei Chimici): «Riconosciuta valenza dei Chimici per tutela della salute»
Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge Lorenzin, si apre una nuova era per i Chimici italiani. La Legge n. 3 dell’11 gennaio 2018 (“Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonché disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie  e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute”) porterà dal 15 febbraio 2018, […]
Infezioni sessualmente trasmissibili in aumento: a rischio la fascia tra 15 e 24 anni
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, a livello globale, l’incidenza delle infezioni sessualmente trasmissibili è calcolata in un milione di nuove infezioni al giorno. In Italia, la fascia d’età più a rischio è quella dei giovani tra i 15 e i 24 anni, poco informati su come prevenirle, come si contraggono e come si curano. Per questo, nasce la […]
Celiachia, Ministero Salute: «Casi in aumento, soprattutto tra le donne»
La celiachia è ormai considerata una malattia cronica che costringe chi ne soffre ad escludere rigorosamente il glutine dalla sua dieta. «Ad un anno dall’entrata in vigore del nuovo protocollo diagnostico e confrontando i dati nel triennio 2014-2016 emerge un incremento delle diagnosi di celiachia più spinto, forse favorito dalla maggiore sensibilizzazione ma anche dai nuovi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...