Mondo 12 gennaio 2018

La Linea Verticale: «Ospedali pubblici e medici modello di un’altra Italia possibile»

Su Rai3 parte il 13 gennaio alle 21.45 la serie tv interamente ambientata in un reparto di urologia oncologica. È lì che, con tono surreale e satirico, si svolgono le vicende dei medici e pazienti protagonisti della fiction (tra i tanti, Valerio Mastandrea, Giorgio Tirabassi, Greta Scarano) ed emerge un bel ritratto della sanità pubblica italiana. GUARDA LE IMMAGINI

Immagine articolo

Il primario considerato da tutti mezzo uomo e mezzo Dio; l’infermiera materna che disprezza tutti i medici; il paziente appassionato di medicina che si aggira per il reparto dispensando a tutti pareri e diagnosi; il medico spocchioso, teatrale nei gesti e nei monologhi; la caposala gentile, ma cattivissima. Nella nuova serie scritta e diretta da Mattia Torre ‘La Linea Verticale’, dal 13 gennaio in onda ogni sabato alle 21.45 su Rai 3, sono presenti tutti i personaggi che animano la vita di ogni ospedale italiano.

La serie percorre, in tono surreale e satirico, la vita quotidiana del reparto di urologia oncologica di un ospedale italiano, affrontando vicende molto realistiche da un punto di vista clinico e presentando, pure in un contesto spesso doloroso e tragico, la malattia come occasione di crescita, di apprendimento, e persino di riscatto. Raccontata dal punto di vista dei pazienti, l’intera vicenda si svolge all’interno del reparto, che diventa quindi palcoscenico: un microcosmo fuori dal mondo, che ha regole e gerarchie proprie con rapporti di forza che vengono messi alla prova ogni giorno.

Il protagonista è Luigi, interpretato da Valerio Mastandrea, che scopre di avere un tumore e per questo deve sottoporsi a un delicato intervento chirurgico. Entra così in un mondo di cui tutti conosciamo approssimativamente le regole ma che, esplorato in profondità, riserva straordinarie e tragicomiche sorprese.

L’ospedale «è sempre identico eppure muta sempre – nota il regista e sceneggiatore Mattia Torre -. Cambiano i pazienti, fanno i turni medici e infermieri, vive di gioie, di dolori lancinanti, ma anche di grande (e talvolta involontaria) comicità; e di amicizie che poi durano per sempre. La vita, la morte, la sofferenza, la malattia: tutto viene sistematizzato in una routine a cui ci si abitua presto, e che pure rappresenta una formidabile esperienza umana».

«”La linea verticale” nasce da un’esperienza ospedaliera autobiografica – prosegue Torre -, ma più che dall’esigenza di raccontare una vicenda personale, il desiderio è stato di raccontare, nell’Italia di oggi, un reparto oncologico di un ospedale pubblico di assoluta eccellenza, capitanato da un chirurgo che ribalta il cliché del primario barone arrogante e scollato dalla realtà, e che anzi rappresenta, per gentilezza, generosità e amore verso il proprio mestiere, l’idea di un’altra Italia possibile».

Ma oltre ai medici e alla visione positiva che emerge del nostro Servizio Sanitario pubblico, sono i pazienti i protagonisti della storia. Non solo Luigi, ma anche i suoi improbabili compagni di viaggio: un iraniano dalle convinzioni radicali, un ristoratore che sa tutto di medicina, un prete in crisi, un intellettuale taciturno, decine di anziani «cattivi perché in cattività». E poi c’è il personale del reparto: dal professor Zamagna, chirurgo di fama e genio assoluto, nonché primario del reparto, fino ai vari addetti. Tutti sono operativi, tutti in lotta, ognuno con i propri mezzi. I medici e gli infermieri per curare i pazienti, i pazienti per guarire e per vivere la vita.

Molti i punti in comune tra “La linea verticale” e “Boris”, che condividono non solo lo stesso regista e sceneggiatore (in “Boris” affiancato da Luca Vendruscolo e Giacomo Ciarrapico), ma anche molti attori che ritroviamo nei panni di medici o pazienti: da Paolo Calabresi a Ninni Bruschetta, da Antonio Catania a Federico Pacifici a Giorgio Tirabassi, cui si aggiunge Greta Scarano che interpreta la moglie di Mastandrea. «Come in Boris – conclude Mattia Torre – gli attori sono, oltre che interpreti di razza, anche persone che hanno condiviso gli intenti del racconto, ne sono stati garanti, e ne hanno consentito la riuscita. Insieme abbiamo cercato di eseguire la commedia in maniera serissima, senza ammicchi né compiacimenti, in modo mai farsesco, e con appassionata precisione. È lavorando con loro che sono riuscito a trovare la temperatura emotiva della mia serie».

Tutti gli episodi della serie sono già disponibili su Rai Play a questo link.

 

Articoli correlati
Aggressioni medici, Grillo: «Arriva un ddl con pene più severe e aumenterà la vigilanza delle forze di polizia»
«L’ennesimo, gravissimo episodio di violenza nei confronti di una dottoressa accaduto al pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele di Catania, desta nuovo sconcerto e grande preoccupazione. Purtroppo non sono casi rari e isolati, sta diventando ormai una pericolosa costante che non ha e non può avere spiegazioni in qualsiasi modo accettabili». Con queste parole, il ministro […]
ASL Roma 1, un concorso di idee per “Curare lo Spirito” negli ospedali
Pubblicato il bando della ASL Roma 1 in partnership con il Tavolo Interreligioso di Roma e con la collaborazione dell’ordine degli Architetti di Roma e Provincia per l’ideazione di uno spazio di meditazione, silenzio e preghiera aperto a tutte le fedi all’interno dell’ospedale San Filippo Neri e Santo Spirito. Valutare le migliori proposte progettuali per […]
Sanità, i consigli dell’ex Ministro Sirchia al nuovo governo: «Senza prevenzione salta Ssn. Medici emarginati, fermare concezione aziendalistica»
L’immunoematologo, per quattro anni alla guida del dicastero di Lungotevere Ripa, chiede di tornare allo spirito originario del Ssn: «È diventato una sorgente di profitto per gli enti e questo non va bene. Necessario rivedere intramoenia»
Rapporto Istat, Italia divisa in due: 1 su 4 da Sud a Nord per curarsi. A Bolzano in salute fino a 70 anni
Il documento annuale dell’Istituto di Statistica sottolinea che gli italiani si collocano al di sotto della media europea quando si considera la qualità degli anni vissuti. Molise, Basilicata e Calabria regioni con più alto tasso di mobilità ospedaliera
ISS: in Italia 7000 decessi collegati a infezioni ospedaliere
«In Italia ci sono settemila decessi evitabili collegati alle infezioni ospedaliere, con un costo aggiuntivo pari ad un miliardo di euro». Così Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, al Policlinico Universitario Agostino Gemelli, a margine dell’inaugurazione della XIV edizione del Master universitario “Sepsi in Chirurgia” promosso dall’Universita’ Cattolica. «Sono sostanzialmente i costi umani, sanitari ed […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...