Mondo 23 dicembre 2014

La “Terrazza dell’Infanzia” regala un Natale di solidarietà ai bambini del Congo

Completata la realizzazione della scuola, ora si punta a costruire un dispensario. Intervista al dottor Emanuele Ausili

Immagine articolo

Una scuola sotto l’Albero per i bambini del villaggio di Kinta. Il dottor Emanuele Ausili,  presidente de “La Terrazza dell’Infanzia” e pediatra dell’ospedale “Gemelli” di Roma, è infatti riuscito a portare a termine il suo progetto: quello di costruire una scuola in uno dei villaggi della zona periferica di Kinshasa, la capitale della Repubblica Democratica del Congo.

Raggiunto questo obiettivo la Onlus, nata nel 2005, si è già prefissata un nuovo obiettivo: costruire un dispensario nell’ara di Kimbondo.

Dottor Ausili, è stata inaugurata la scuola nel villaggio di Kinta: grazie a sacrificio, impegno e abnegazione siete riusciti a realizzare il sogno di tanti bambini che vivono in quell’area.
L’abbiamo inaugurata poche settimane fa insieme a padre Hugo Rios, che ha avuto un ruolo fondamentale. La scuola è stata realizzata con il sostegno, davvero indispensabile, di Consulcesi Onlus che ha appoggiato il nostro progetto sin dalle prime fasi. La realizzazione ha richiesto circa 18 mesi: Kinta si trova lontano dal centro abitato, in una zona di difficile accesso per il trasporto dei materiali. I banchi e le sedie sono stati costruiti con il legname, che abbonda in quella zona. Abbiamo usato il più possibile risorse locali: Kinta fa parte dell’area di Kimbondo, sede dell’ospedale pediatrico ed orfanotrofio di Kinshasa. Molti degli ex bambini – ormai adulti – dell’orfanotrofio hanno lavorato con noi alla costruzione della scuola. La struttura raccoglierà circa cinquecento bambini, suddivisi in turni mattutini e pomeridiani.

Realizzata questa opera ne avete già messa in cantiere un’altra.
È un progetto ancora più ambizioso oltre che necessario perché la sanità, insieme all’istruzione, rappresenta una delle principali criticità di quell’area visto che si deve far fronte alle esigenze sanitarie dei circa diecimila abitanti della zona. Abbiamo già studiato un progetto per la costruzione di un dispensario, fissando in 24 mesi i tempi di realizzazione. Siamo pronti a partire anche se non abbiamo ancora a disposizione l’intero budget. E’ prevista la presenza di una sala parto, di un’area ricovero, di un’area pediatrica per i casi più gravi, e di una farmacia.

La “Terrazza dell’Infanzia” è da tempo in prima linea in Africa, contribuendo ad affrontare le continue emergenze, soprattutto sanitarie, che si registrano continuamente. In questo periodo l’attenzione è calamitata dall’Ebola: come la sta vivendo la popolazione e quali sono, a suo avviso, le azioni da mettere in campo?
Il virus Ebola prende il nome proprio dal villaggio situato in Congo dove vennero registrati i primi casi. Il ceppo attualmente diffuso in Liberia è diverso da quello che ha colpito la Repubblica Democratica, dove l’emergenza è meno grave e tenuta sotto controllo. Credo che aiutare le popolazioni africane e non abbandonarle a sé stesse sia doveroso da parte della comunità internazionale.

Articoli correlati
Assistenza migranti, minori e soggetti vulnerabili: cresce la rete di OIS Onlus e Sanità di Frontiera
Pietro Bartolo, medico simbolo di Lampedusa: «Tanti i progetti che Ois sta portando avanti per l’assistenza, sanitaria e non, nei confronti di chi arriva dall’altra parte del Mediterraneo, dedicandosi agli ultimi, ai più deboli: anche i nostri poveri hanno bisogno del nostro sguardo e della nostra attenzione»
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
La storia di Rose, l’infermiera ugandese che salvò la vita a centinaia di donne malate di Aids. Come? Costruendo una scuola
Il progetto della Ong AVSI “Uganda come a casa”, appoggiato da Consulcesi Onlus e raccontato da Andrea Nembrini, Education Advisor e responsabile della scuola primaria di Kampal, è finalizzato alla costruzione di scuole che abbiano anche una funzione sociale, diventando punti di accoglienza oltre che di formazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...