Mondo 1 settembre 2014

La Svizzera “fa leva” sull’Italia per arginare la Sanità pubblica

Le assicurazioni private prendono di mira il Ssn del Belpaese in vista del referendum del 28 settembre

Svizzera divisa in due in vista del referendum sul servizio sanitario pubblico. Il 28 settembre i cittadini elvetici saranno chiamati ad esprimersi sulla proposta di una cassa mutua unica avanzata dal Partito Socialista.

La richiesta è quella di una cura che non sia gestita dalle sessantuno assicurazioni private presenti sul territorio, ma sia garantita da un istituto pubblico che si prenda cura soprattutto delle classi meno agiate. Secondo le proiezioni appare difficile che la consultazione popolare provochi una rivoluzione.

In ogni caso sia il Governo che le associazioni private stanno mantenendo alta la guardia. Le autorità federali di Berna hanno diffuso una nota ufficiale nella quale si sostiene che “la concorrenza incentiva modelli e prestazioni innovative”.  Di diverso tenore l’approccio alla querelle da parte di Economiesuisse. Quella che è una sorta di super Confindustria, per convincere i propri connazionali a votare contro la proposta ha pensato d’indicare come spauracchio il sistema sanitario italiano. Una pressante campagna mediatica che da internet ai giornali, passando per tv e manifesti, ha sfruttato un’immagine un po’ retrò degli ospedali italiani, utilizzando persino il professor Guido Tersilli, personaggio interpretato da Alberto Sordi ne “Il medico della mutua”.

Il Belpaese si è visto, insomma, tirato di nuovo per la giacchetta. Dal coro si sono, però, dissociati in tanti. A partire dall’associazione degli industriali del Canton Ticino. Secondo il presidente Stefano Moderini “se si vuole raccogliere un facile consenso da queste parti a quanto pare basta parlare male dei vicini italiani”. Ma a quanto pare questa è una consuetudine: si potrebbe tornare indietro di tre anni ricordando quando gli italiani che andavano a lavorare nel Canton Ticino erano stati apostrofati come “ratti famelici” o ricordarsi del polverone sollevato solo pochi mesi fa con la vicenda dei transfrontalieri. Probabilmente l’accostamento dell’Italia con eventi negativi funziona nonostante il personale delle rinomate cliniche di Lugano e dintorni provenga in larga misura da Lombardia e dal Piemonte.

Articoli correlati
Medicina complementare: in Svizzera approvata la nuova legge sulla rimborsabilità
Via libera del Consiglio Federale ai rimborsi per le prestazioni di medicina antroposofica, medicina tradizionale cinese, omeopatia e fitoterapia
Svizzera, il referendum non ferma (per ora) il boom di giovani medici italiani
Dall’Italia con furore i camici bianchi si trasferiscono in Ticino. In otto anni il numero si è quadruplicato e continua a incrementarsi. Luraschi, responsabile Ente Ospedaliero Ticino: «Dieci anni fa il numero di italiani impiegati negli ospedali del Ticino era inferiore al 20% e ora supera il 40%»
Expo, si comincia: con l’alimentazione protagonista la salute
Prova del nove per le strutture sanitarie milanesi, si prevede affluenza record
Il “Jet Set” della sanità europea a Milano
Le telecamere di Sanità Informazione all'atteso summit: protagonisti tutti i ministri della Salute della Ue e le grandi organizzazioni internazionali in ambito sanitario
Quando il cuore grande della solidarietà batte per i più piccoli 
Da oltre dieci anni il prof. Giovanni Stellin cura le malformazioni cardiache dei bimbi eritrei
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...