Mondo 17 novembre 2017

Ema, Lorenzin: «Siamo pienamente in partita». Gentiloni: «Una sfida competitiva ma abbiamo ottime carte»

Scaccabarozzi (Farmindustria): «Per il Financial Times siamo in pole position». Boldrini: «Sarebbe un’ottima opportunità». Lunedì la scelta definitiva della nuova sede dell’Agenzia Europea del Farmaco

Immagine articolo

«Non voglio pronunciarmi perché sono scaramantica, ma per l’Ema siamo pienamente in partita» lo dichiara il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin a margine dell’evento ‘Salute, sport e movimento fisico’ presso la sede ministeriale a Lungotevere.

«In queste ore ho incontrato colleghi ministri di altri paesi e ci hanno garantito ulteriori voti» il Ministro è ottimista sul trasloco dell’Agenzia Europea del Farmaco che lunedì prossimo conoscerà la sede prescelta dal Consiglio Affari Generali formato dai 27 stati membri UE riuniti presso la Commissione europea nella città fiamminga.

Stesso ottimismo anche il Premier Paolo Gentiloni che, in questi giorni a Goteborg (Svezia), a margine del Summit sociale dei insieme ai capi di Stato e di governo Ue, dichiara: «La partita è molto competitiva ma l’Italia ha delle buone carte da giocare».

«Abbiamo incassato l’ok da parte del Portogallo, della Slovenia ed ora, sembra, anche dalla Germania, ed i bookmakers inglesi ci danno a 1.2» spiega il Presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, in occasione della presentazione del ‘Rapporto sulle biotecnologie del settore farmaceutico in Italia 2017’. «Anche l’autorevole Financial Times ha messo Milano al primo posto per l’assegnazione della sede Ema». Dunque, ha concluso Scaccabarozzi, «resto fiducioso e spero di essere lunedì prossimo sotto il Pirellone a festeggiare».

«Siamo tutti in attesa mi auguro che ci sia una risposta positiva» ha detto il Presidente della Camera, Laura Boldrini, secondo la quale «Milano è una città europea che svolgerebbe molto bene il proprio ruolo sarebbe una buona opportunità per questa città che è già una città molto aperte e che ha delle expertise molto riconosciute».

Ma come avverrà la scelta? Per aggiudicarsi la partita, l’Italia che ha candidato Milano come città prescelta per ospitare l’Agenzia, deve ottenere almeno 14 voti su 27 voci. Se nessuna delle città candidata dovesse arrivare a 14 preferenze, le prime tre più votate andranno al ‘ballottaggio’ e ogni Stato potrà obbligatoriamente avanzare una sola preferenza.

Articoli correlati
Sanità, il ministro Lorenzin nomina componenti Osservatorio nazionale sicurezza in sanità
«Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in attuazione dell’art. 3 della legge n. 24 del 2017, recante “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, ha nominato i componenti dell’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza in Sanità –  fa sapere il ministero. Sono […]
In farmacia di notte? Il supplemento raddoppia, aumentano anche i galenici
7,50 euro anziché 3,87. Dal mese di novembre, è quasi doppio il supplemento che pagherà chi avrà bisogno di una farmacia di notte, secondo quanto stabilito dal decreto del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Sull’adeguamento e l’aggiornamento delle tariffe della fascia notturna e dei galenici, ferme dal ‘93,  interviene Federfarma sul suo sito: «Ѐ stato soltanto adeguato un […]
EMA ad Amsterdam: Maroni: «Con appoggio della Spagna avremmo vinto». Lorenzin: «Delusione grandissima»
«Con l’appoggio della Spagna avremmo vinto». Lo ha sottolineato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, parlando della partita per portare EMA, l’Agenzia europea del farmaco, a Milano. «A me hanno detto che la trattativa c’e’ stata ma alla fine il governo italiano ha detto di no e per ripicca, forse, la Spagna ha votato […]
EMA, beffata Milano: Amsterdam vince al sorteggio
L'agenzia europea per il farmaco sara' trasferita da Londra ad Amsterdam. La decisione e' stata presa a sorteggio, con il lancio della monetina, dopo il risultato di parita' all'ultimo turno di votazione
Divorzio Brexit e trasloco Ema: «Ecco cosa succederà ai medici italiani in UK». L’intervista a un medico italiano a Londra
«Il National Health Service è già fiaccato dal taglio degli investimenti voluti dal precedente Primo Ministro David Cameron. La Brexit è il colpo di grazia per tutti i professionisti sanitari italiani in Gran Bretagna... speriamo che gli accordi mitighino la forza di questo tsunami» così Luca Molinari, pediatra italiano che da 15 anni lavora a Londra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...