Mondo 8 novembre 2016

Usa, la vittoria di Trump: come cambia la sanità? Un medico italiano a Pittsburgh lo racconta a Sanità Informazione

Presidenziali americane, trionfa Donald Trump. Campagna elettorale aspra e programmi sulla sanità incerti, Loffreda-Mancinelli, anestesista italiano negli Usa sulle proposte in campo: «Hillary voleva rafforzare l’Obamacare, ma con quali fondi? Trump invece ha un programma confuso»

Immagine articolo

Donald Trump taglia il nastro d’arrivo. Il testa a testa tra i due sfidanti alla casa Bianca è terminato. Il magnate americano trionfa sull’ex first lady dopo una campagna aspra e densa di colpi di scena. I due candidati si sono affrontati su vari campi di battaglia, ma il comparto della sanità è stato indubbiamente il terreno più scivoloso. Hillary durante la sua campagna ha sostenuto il mantenimento dell’Obamacare, la riforma promulgata da Obama nel 2010: «L’assistenza sanitaria a prezzi accessibili è un diritto umano fondamentale» ha più volte dichiarato la candidata. Trump invece ha da sempre sostenuto la totale abrogazione del sistema: «Da sostituire con qualcosa di migliore, la riforma di Obama è una vera catastrofe» ha spiegato senza tanti giri di parole.

Alla luce del risultato finale dello scrutinio presidenziale possiamo affermare con certezza che  nella storia della politica statunitense non ci sono mai stati due candidati tanto impopolari quanto Trump e Clinton. Una campagna violenta, piena di colpi bassi e rivelazioni scomode che ha contribuito a creare un clima ostile intorno ai due candidati. L’America ha scelto il male minore e a confermare l’insoddisfazione generale ci pensa Claudio Loffreda-Mancinelli, medico anestesista italiano, da oltre trent’anni impiegato a Pittsburgh, presidente della Membership Committee dell’American College of Medical Quality che ci racconta il suo punto di vista non solo da cittadino ma anche da operatore sanitario.

«Campagna deludente, scandali sessuali, email, gossip, ben poco si è discusso di sanità o di altri problemi – spiega il medico -. Certamente la Obamacare ha avuto il merito di offrire a milioni di cittadini quell’assistenza sanitaria che prima non avevano.  La riforma di Obama ha un’importanza non solo nelle emergenze, ma anche nella copertura sanitaria di patologie croniche o preesistenti, o nella prevenzione». Tuttavia è un dato di fatto, prosegue Loffreda-Mancinelli, che «attualmente il 90% dei costi della riforma vengono coperti dal governo federale, almeno fino al 2020. Il problema è che tali costi sono aumentati notevolmente negli ultimi tre anni e questo rappresenta un dilemma di difficile risoluzione per pianificare i futuri sussidi federali oltre il 2020» fa notare.

«Se avesse vinto la Clinton avremmo assistito ad una ulteriore fase di sviluppo dell’Obamacare, con la necessaria ricerca di ulteriori fondi per finanziare il sistema. Tagli alla scuola o altri servizi? Le tasse sarebbero state più pressanti? – si chiede il medico -. Proprio per questi problemi finanziari la proposta democratica di Hillary, offrire Medicare a cittadini oltre i 55 anni, e così anticipando il presente limite di dieci anni, non ha avuto successo».

Ancor meno chiaro è il futuro della sanità con Donald Trump alla guida del Paese, prosegue Loffreda-Mancinelli. Il programma del repubblicano è volto alla liberalizzazione associata a una defiscalizzazione delle polizze. «Il candidato repubblicano vuole eliminare completamente l’Obamacare, ma ci si chiede come potrà attuare questo proposito e quale eventuale soluzione alternativa potrà trovare. Come faranno i circa 20 milioni di cittadini, oggi beneficiari dell’Obamacare, che, dall’oggi al domani, si troveranno senza assistenza sanitaria?».

 

Articoli correlati
Bambini strappati alle famiglie al confine USA-Messico: la condanna della SIPPS
«La SIPPS non può rimanere indifferente di fronte al grido di dolore di bambini separati dai genitori appena varcato il confine e considerati erroneamente minori migranti non accompagnati, come sta avvenendo nella zona tra il Messico e gli Stati Uniti». E’ quanto dichiara il Dottor Leo Venturelli, membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana di […]
USA, la sanità sarà decisiva per le elezioni di metà mandato di novembre
La sanità avrà un ruolo fondamentale nelle elezioni americane di metà mandato del prossimo novembre. A rivelarlo, un sondaggio dell’HuffingtonPost/YouGov, secondo il quale per il 30% degli elettori la sanità è il settore ritenuto più importante per l’esito delle prossime elezioni. A seguire, economia, armi e immigrazione. Una buona notizia per i Democratici, visto che la […]
Il calore per trattare il diabete, al Gemelli parte la nuova sperimentazione
Il calore per trattare il diabete: è in pieno svolgimento una nuova sperimentazione per dimostrare l’efficacia di una terapia non farmacologica che potrebbe consentire la guarigione definitiva. Si tratta di una promettente cura che “ringiovanisce il duodeno”, porzione dell’intestino considerata nevralgica nello sviluppo di questa grave malattia metabolica sempre più diffusa. In corso al Policlinico A. […]
L’Oregon propone diritto all’assistenza sanitaria in Costituzione. Primo stato USA
L’Oregon potrebbe essere il primo stato degli USA ad introdurre il diritto alla sanità nella propria Costituzione. L’Assemblea legislativa ha infatti approvato un emendamento costituzionale volto ad introdurre, per ogni residente dello stato, il diritto fondamentale ad un servizio sanitario appropriato e accessibile. La proposta approderà ora al Senato dello stato e, qualora venisse approvato, […]
L’Aiop Giovani studia il sistema sanitario americano
L’Aiop Giovani quest’anno ha scelto come meta dei suoi Study tour New York, negli Stati Uniti d’America. Lo Study Tour di New York (USA) è durato cinque giorni ed è nato per cogliere appieno la visione del Sistema sanitario degli Stati Uniti di America che sta vivendo un periodo di cambiamento. E’ un sistema che si […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...