Mondo 26 gennaio 2016

Beneficenza da “trenta e lode”: le voci dei vincitori

Le storie e i protagonisti della gara di solidarietà targata Consulcesi Onlus

Immagine articolo

Si è conclusa con una triplice vittoria la grande gara di solidarietà indetta da Consulcesi Onlus, che con il bando 30 e lode ha disposto lo stanziamento di un fondo di 30mila euro per sostenere progetti umanitari particolarmente meritevoli.


Tantissime le iniziative in gara, e grande soddisfazione da parte dei tre finalisti “promossi a pieni voti”, i cui progetti benefici potranno contare sul supporto finanziario della Onlus di Consulcesi.

Tra questi c’è Parent Project, un progetto che nasce nel 1996 per riunire i genitori con figli affetti dalla distrofia muscolare di Duchenne. Si tratta di una malattia genetica rara, che coinvolge un bambino su 3.500, e di cui, ad oggi, non si conosce una cura.
«Ci occupiamo di finanziare la ricerca scientifica per trovare una cura a questa patologia – spiega Silvia Starita, Responsabile istituzionale Parent Project – e per sostenere le famiglie in cui c’è un caso di distrofia di Duchenne. Il progetto, proposto a Consulcesi Onlus, nasce proprio dall’esigenza di migliorare la qualità della vita di questi ragazzi attraverso la possibilità di curarsi rimanendo nella propria Regione e nella propria casa. Quello che abbiamo chiesto è un kit di strumentazioni che servono a monitorare da remoto la respirazione dei pazienti, per evitare alle famiglie di doversi spostare da una Regione all’altra».

Altra vincitrice, l’associazione Amici del Montenegro Onlus, che da oltre 25 anni opera per supportare l’ospedale Danilo I di Cetinje.
«Durante l’ultimo viaggio che abbiamo fatto – racconta Maria Coculo, presidente dell’Associazione – abbiamo donato del materiale per il personale medico e paramedico di questo ospedale, ci hanno espresso l’esigenza di avere un lettino ginecologico per la sala parto. Quando mi è stata data la possibilità di partecipare a questo concorso l’ho fatto con tutto l’animo sperando di realizzare quest’esigenza dell’ospedale Danilo I di Cetinje. Finora abbiamo sempre contato solo sulle nostre forze, oggi Consulcesi Onlus ha scelto di inserirci tra le realtà più meritevoli di finanziamenti e questo ci riempie di felicità e orgoglio».

Infine, ad aggiudicarsi il podio, c’è l’iniziativa di Emergenza sorrisi.
«E’ un progetto – racconta l’avvocato Francesca Toppetti, responsabile legale dei progetti internazionali – che affonda le sue radici in una grande esperienza e passione: quella del suo fondatore, Fabio Benavoli, che opera i bambini dei Paesi in via di sviluppo affetti da malformazioni, esiti di guerra, ustioni. Regalare il sorriso ai bambini che non possono farlo per via di queste malformazioni è una gioia inimmaginabile ed è bello sapere di poter contare sull’appoggio e sulla sinergia di una realtà come Consulcesi Onlus».

Articoli correlati
Rock Song is a Love Song: la beneficenza a ritmo di musica
Beneficenza a suon di musica. L’appuntamento con la JC Band (gruppo rock composto da dipendenti Janssen Italia, guidati dal frontman Massimo Scaccabarozzi, Presidente e Amministratore Delegato di Janssen Italia e Presidente di Farmindustria) è per giovedì 23 novembre – ore 21:00  – presso la discoteca Planet a Roma con un concerto a sostegno di Diabete Ricerca Onlus. Una serata speciale […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...