Mondo 24 febbraio 2015

La sanità americana “scoppia di salute” grazie alle App

Le utilizzano l’80% dei medici: ne beneficiano i pazienti e anche l’economia

Immagine articolo

Otto medici su dieci utilizzano le App per la loro professione. Ovviamente questo avviene negli Stati Uniti, dove l’utilizzo delle nuove tecnologie è già talmente diffuso da giustificare una percentuale così elevata.

E anche molto lontana dalla realtà europea e da quella italiana, dove – nonostante investimenti e progressi –  non si va oltre la soglia del 60%. Per i camici bianchi americani è diventato un must visualizzare contenuti professionali sullo smartphone o sul tablet. Ed è in crescita anche l’e-prescribing, ovvero la prescrizione dei farmaci e la verifica delle interazioni. Tra i principali “effetti collaterali” del ricorso alle App per la professione medica ci sono gli importanti risvolti economici: molte aziende, sempre negli States, stanno manifestando forte interesse e ciò è testimoniato anche da un investimento sul settore, che nel 2014 è stato di 6,5 miliardi di dollari con un incremento del 125% rispetto all’anno precedente.

La rivoluzione copernicana che sta investendo la tecno-salute, ormai su scala globale, dimostra di avere delle potenzialità enormi anche per il rilancio economico della professione, senza restare circoscritta nel triangolo comunque virtuoso costituito da Mobile Health, Telemedicina e Fascicolo Sanitario Elettronico. La tecnologia, applicata in sanità, alza il livello qualitativo delle cure, migliora la comunicazione e l’interazione medico-paziente e pare in grado pure di dare una scossa all’industria di settore e consentire ai professionisti di fronteggiare la crisi. E di farlo con una fiducia rinnovata dalle innovative strumentazioni, che vanno ad aggiungersi – e non a sostituirsi – al bisturi e agli altri “ferri” del mestiere; e soprattutto alla professionalità e alle capacità intuitive, che neppure il più avanzato sistema operativo è in grado di riprodurre.

Afferrata la grande opportunità, ora sono proprio i medici ad aver “preso per le corna il toro” innescando la miccia e facendo da traino: negli Stati Uniti solo il 16% non ha ancora installato software dedicati sui propri dispositivi mobili: soltanto un anno prima erano il 33%. I contenuti maggiormente consultati sono di tipo clinico e specialistico (61%), seguiti da informazioni sui farmaci (53%). La tendenza più rilevante, emersa nello scorso anno, è però l’impennata di accessi – attraverso device mobili – alle cartelle cliniche elettroniche; mentre un medico su due si è già “convertito” alle prescrizioni elettroniche. Difficile per il resto del mondo tenere il passo degli americani, ma è ipotizzabile che – anche in questo ambito – in Europa ed in Italia arriverà presto l’onda lunga di questa rivoluzione. D’altronde appare inevitabile cedere alla possibilità di far decollare la propria professione afferrando il volano di App e nuove tecnologie.

Tags

Articoli correlati
USA, la sanità sarà decisiva per le elezioni di metà mandato di novembre
La sanità avrà un ruolo fondamentale nelle elezioni americane di metà mandato del prossimo novembre. A rivelarlo, un sondaggio dell’HuffingtonPost/YouGov, secondo il quale per il 30% degli elettori la sanità è il settore ritenuto più importante per l’esito delle prossime elezioni. A seguire, economia, armi e immigrazione. Una buona notizia per i Democratici, visto che la […]
Al via la terza edizione del Premio eHealth4all patrocinato dall’ISS
Secondo quanto comunicato dal Presidente Walter Ricciardi, l’Istituto Superiore di Sanità patrocinerà la terza edizione del Premio eHealth4all per il biennio 2017-19 che seleziona la migliore applicazione digitale per la prevenzione. Il concorso è nato nel 2013 nell’ambito del ClubTI e coordinato da Ornella Fouillouze, attuale vicepresidente di ClubTi Assolombarda, ed è destinato al miglior progetto informatico per la […]
Il calore per trattare il diabete, al Gemelli parte la nuova sperimentazione
Il calore per trattare il diabete: è in pieno svolgimento una nuova sperimentazione per dimostrare l’efficacia di una terapia non farmacologica che potrebbe consentire la guarigione definitiva. Si tratta di una promettente cura che “ringiovanisce il duodeno”, porzione dell’intestino considerata nevralgica nello sviluppo di questa grave malattia metabolica sempre più diffusa. In corso al Policlinico A. […]
#SconnessiDay, Ricky Memphis e Massimo Tortorella: «L’abuso del web? La malattia del nostro tempo»
L’attore protagonista del Film "Sconnessi" e il Presidente Consulcesi lanciano l’iniziativa dedicata a medici e pazienti per formarsi e informarsi sulle dipendenze da Internet e social network
Carenza medici, l’Enpam ripropone la App: il part-time per i medici vicini alla pensione se affiancati da giovani
L'anticipazione della prestazione pensionistica (App) prevede la diminuzione dell'attività lavorativa dei medici di famiglia vicini alla pensione, a fronte dell'immediato inserimento di un giovane medico di medicina generale. Ma per applicarla, la App deve essere contemplata dall’Accordo collettivo nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...