Mondo 24 febbraio 2015

La sanità americana “scoppia di salute” grazie alle App

Le utilizzano l’80% dei medici: ne beneficiano i pazienti e anche l’economia

Immagine articolo

Otto medici su dieci utilizzano le App per la loro professione. Ovviamente questo avviene negli Stati Uniti, dove l’utilizzo delle nuove tecnologie è già talmente diffuso da giustificare una percentuale così elevata.

E anche molto lontana dalla realtà europea e da quella italiana, dove – nonostante investimenti e progressi –  non si va oltre la soglia del 60%. Per i camici bianchi americani è diventato un must visualizzare contenuti professionali sullo smartphone o sul tablet. Ed è in crescita anche l’e-prescribing, ovvero la prescrizione dei farmaci e la verifica delle interazioni. Tra i principali “effetti collaterali” del ricorso alle App per la professione medica ci sono gli importanti risvolti economici: molte aziende, sempre negli States, stanno manifestando forte interesse e ciò è testimoniato anche da un investimento sul settore, che nel 2014 è stato di 6,5 miliardi di dollari con un incremento del 125% rispetto all’anno precedente.

La rivoluzione copernicana che sta investendo la tecno-salute, ormai su scala globale, dimostra di avere delle potenzialità enormi anche per il rilancio economico della professione, senza restare circoscritta nel triangolo comunque virtuoso costituito da Mobile Health, Telemedicina e Fascicolo Sanitario Elettronico. La tecnologia, applicata in sanità, alza il livello qualitativo delle cure, migliora la comunicazione e l’interazione medico-paziente e pare in grado pure di dare una scossa all’industria di settore e consentire ai professionisti di fronteggiare la crisi. E di farlo con una fiducia rinnovata dalle innovative strumentazioni, che vanno ad aggiungersi – e non a sostituirsi – al bisturi e agli altri “ferri” del mestiere; e soprattutto alla professionalità e alle capacità intuitive, che neppure il più avanzato sistema operativo è in grado di riprodurre.

Afferrata la grande opportunità, ora sono proprio i medici ad aver “preso per le corna il toro” innescando la miccia e facendo da traino: negli Stati Uniti solo il 16% non ha ancora installato software dedicati sui propri dispositivi mobili: soltanto un anno prima erano il 33%. I contenuti maggiormente consultati sono di tipo clinico e specialistico (61%), seguiti da informazioni sui farmaci (53%). La tendenza più rilevante, emersa nello scorso anno, è però l’impennata di accessi – attraverso device mobili – alle cartelle cliniche elettroniche; mentre un medico su due si è già “convertito” alle prescrizioni elettroniche. Difficile per il resto del mondo tenere il passo degli americani, ma è ipotizzabile che – anche in questo ambito – in Europa ed in Italia arriverà presto l’onda lunga di questa rivoluzione. D’altronde appare inevitabile cedere alla possibilità di far decollare la propria professione afferrando il volano di App e nuove tecnologie.

Tags

Articoli correlati
Il Sistema Sanitario USA è il peggiore, l’NHS inglese il migliore: lo studio
È quanto emerge dai risultati di uno studio che ha confrontato i sistemi sanitari di undici paesi dell’area più sviluppata del mondo. Paragonando diversi dati, ottenuti da fonti quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’OCSE e questionari compilati da pazienti e medici, emerge infatti che il sistema sanitario statunitense è peggiore di quello degli altri stati […]
Goodbye Obamacare. La rivincita di Trump: «Una riforma catastrofica che finalmente è morta»
La Camera approva l'abrogazione della riforma sanitaria vessillo della presidenza di Obama. 217 favorevoli contro 213 contrari. ora Trump all'esame del Senato
Obiettori visti dagli Usa
Con grande attenzione ho seguito la vicenda del bando e assunzione di due ginecologi non obiettori da parte dell’Ospedale San Camillo. Premetto che l’intera vicenda è di difficile interpretazione da parte di osservatori esterni o da parte di chi, come me, da anni esercita la professione all’estero e ha una conoscenza limitata di leggi o […]
di Claudio Loffreda-Mancinelli
Tom Price, il ritratto del Ministro della Sanità all’epoca di Trump
Con 52 voti a favore e 47 contrari Tom Price è stato confermato alla direzione del Dipartimento della Sanità degli Stati Uniti d’America, dipartimento HHS (Health and Human Services). Dopo essere stato nominato da Donald Trump in qualità di Ministro della Salute il 29 novembre 2016, Price, il 10 febbraio 2017, ha visto confermato il […]
Usa: costi della sanità fuori controllo, ma Trump apre all’Obamacare
Claudio Loffreda-Mancinelli, anestesista italiano da trent’anni in Pennsylvania, racconta a Sanità Informazione i punti deboli del Sistema Sanitario americano all’indomani del passaggio di consegne per la Casa Bianca
di Claudio Loffreda-Mancinelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...