Mondo assicurativo 28 marzo 2017

Come vengono stabilite dalle Compagnie di Assicurazione le tariffe delle polizze di responsabilità professionale sanitaria?

Sono un medico chirurgo specialista; preferisco non fare alcun riferimento alla mia specializzazione in quanto desidero assolutamente evitare che la mia questione non appaia una polemica personale per il mio interesse nei confronti di alcuno, siano essi assicuratori, società scientifiche ovvero organizzazioni sindacali. Vengo ai fatti: sono da alcuni anni assicurato per la mia responsabilità professionale […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un medico chirurgo specialista; preferisco non fare alcun riferimento alla mia specializzazione in quanto desidero assolutamente evitare che la mia questione non appaia una polemica personale per il mio interesse nei confronti di alcuno, siano essi assicuratori, società scientifiche ovvero organizzazioni sindacali. Vengo ai fatti: sono da alcuni anni assicurato per la mia responsabilità professionale con una compagnia leader di mercato. Verso un premio annuo di notevole valore in quanto, mi è stato spiegato, la mia specializzazione è considerata ad alto rischio. Qualche settimana fa ho ricevuto un messaggio da una organizzazione sindacale di categoria nel quale mi veniva offerta la medesima, forse anche migliore, copertura assicurativa ad un prezzo scontato in maniera rilevante (circa il 30%). Ho chiesto al mio assicuratore di poter accedere alla stessa agevolazione senza per altro essere costretto ad iscrivermi al sindacato in quanto per principio non ho mai aderito a tali organizzazioni. La risposta è stata negativa in quanto, mi è stato detto, quelle speciali condizioni sono state riservate a quella specifica Convenzione sulla base di una raccolta di adesioni molto numerosa (circa n.4.000 professionisti su un totale di circa 8.000 specialisti nella materia). Questa risposta mi ha generato un’altra domanda che mi permetto di girare a Lei: Ma allora le compagnie di assicurazione come le stabiliscono le loro tariffe? quali sono i parametri ed i sistemi che adottano?

 

 

Egregio dottore, in primo luogo complimenti per la domanda e grazie per avermi dato l’occasione di entrare in un’area non raramente governata da un po’ di approssimazione e molta spinta commerciale. Piuttosto che illustrarle come le compagnie stabiliscono le loro tariffe tenterò di spiegarle in qual modo le tariffe dovrebbero essere stabilite. Non è detto infatti che le due modalità coincidano in maniera precisa! L’Assicurazione è mutualità; in altre parole l’Assicuratore raccoglie i contributi (il premio) dai membri di categorie omogene (per esempio nel suo caso: i medici che esercitano la medesima specializzazioni) e quindi provvedono a pagare i danni eventualmente denunciati da qualcuno di questi membri. Poiché gli Assicuratori devono risarcire tutti i danni, anche per somme superiori ai premi incassati, è evidente che l’elemento critico per loro è quello di determinare tariffe remunerative che consentano l’equilibrio dei loro bilanci, compreso l’utile industriale. Queste tariffe, ovvero i premi, sono composte di una serie di componenti (le spese di gestione, di acquisizione e di liquidazione dei danni, l’imposta governativa) tra i quali il più critico nella sua misurazione è la parte destinata al pagamento dei danni attesi. Per stabilire questo fattore critico le Compagnie usano informazioni riguardanti l’andamento storico dei sinistri accaduti riferiti a quella categoria di rischio sia per la loro numerosità (c.d. frequenza) che per il loro valore monetario. Queste statistiche (più grande è l’universo alle quali si riferiscono è maggiormente sono attendibili)sono analizzate da specialisti (attuari e tecnici assicurativi) che utilizzando anche fattori esterni ( economici, legislativi, sociali) stabiliscono alla fine del loro lavoro il premio remunerativo da adottare.

In conclusione senza statistiche serie ed attendibili non è praticabile un adeguato sistema di tariffazione. Un tempo l’Associazione delle Assicurazioni private garantiva la raccolta e  l’accesso a queste informazioni. Attualmente, a quanto mi risulta, il sistema statistico nel rischio sanitario per una serie di motivazioni (legge sulla concorrenza, presenza di compagnie non iscritte all’associazione o che comunque non collaborano nella fornitura delle informazioni) non costituisce un elemento pienamente affidabile. Allora è legittimo chiedersi in qual modo le compagnie di assicurazioni creino e propongano le loro tariffe. La risposta non è univoca in quanto può dipendere dal posizionamento e/o dalle finalità di ciascuna azienda. Attualmente vengono utilizzate quindi statistiche internazionali, ovvero quelle parziali nazionali, ovvero quelle aziendali. A mio parere tutte queste informazioni risultano oggi non sufficientemente attendibili in quanto relative a esperienze e realtà estranee ovvero ad un universo di assicurati modesto per numerosità. In aggiunta gli Assicuratori possono adottare legittimamente politiche tariffarie di incentivazione (riduzione di premio) per i rischi graditi e sistemi di disincentivazione (aumento di premio) per quelli meno graditi. Non conosco invece come si comportano gli assicuratori difronte a modifiche di fattori che pur esterni che possono comunque avere un effetto diretto sull’andamento dei rischi (un caso attuale: la nuova legge Gelli influenzerà senz’altro l’andamento dei sinistri e quantomeno il loro valore).

Dopo questa lunga e noiosa spiegazione concludo ovviamente con una nota critica sulla politica tariffaria adottata dalla sua compagnia. In effetti un universo del 50% di un gruppo omogeneo richiede l’applicazione di una tariffa tecnica remunerativa. A parte altri aspetti di politica commerciale, comunque nel caso in questione non condivisibili, io ritengo che nel caso da Lei illustrato due possano essere le alternative. La prima alternativa è questa: la tariffa applicata alla convenzione è tecnicamente equilibrata; conseguentemente i suoi colleghi che hanno aderito alla Convenzione pagano un giusto premio; invece tutti quelli che, come Lei, hanno sotto scritto polizze individuali pagano un premio pesantemente più caro del dovuto; invece la Compagnia guadagna ben oltre il punto di equilibrio tecnico!

La seconda alternativa è questa: la tariffa applicata alle polizze sottoscritte individualmente è tecnicamente equilibrata; conseguentemente lo sconto del 30% prevista dalla Convenzione costituisce uno disequilibrio tecnico di notevole peso economico in relazione alla numerosità relativa dei soggetti assicurati; prima o poi la Compagnia dovrà rivedere la sua politica tariffaria. E rimane comunque la difficoltà di rispondere alla sua domanda: ma in pratica come le stabiliscono le Compagnie e loro tariffe?

 

Articoli correlati
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
Cosa si intende per “atti invasivi”?
Gli “atti invasivi” sono quelle procedure che comportano il prelievo cruento di tessuti per indagini istologiche e quelli che comportano una cruentazione dei tessuti per l’introduzione di idoneo strumentario all’interno dell’organismo ai soli fini diagnostici. La maggior parte delle compagnie tende a prevedere polizze di RC professionale più onerose per il medico che nella sua […]
La clausola dei fatti noti rischia di neutralizzare l’efficacia della garanzia retroattiva?
Sono un medico libero professionista assicurato fino ad un paio di anni fa con una polizza per la responsabilità professionale stipulata tramite il mio agente di fiducia con il quale ho in corso anche altri contratti assicurativi. Proprio un paio di anni fa ho disdetto questa polizza per aderire ad un’offerta pervenutami da un altro […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Legge Gelli: linee guida escludono responsabilità solo se corrispondono al caso concreto
La Corte di Cassazione Penale con la sentenza n. 28187 depositata il 7 giugno 2017 coglie l’occasione per un’interpretazione approfondita del nuovo testo normativo sulla responsabilità professionale. I passaggi più interessanti della lunga disamina della Corte riguardano, in particolare, le linee guida e l’applicabilità temporale della norma. Per quanto riguarda le linee guida, i giudici […]
Andare in pensione continuando a lavorare? Ecco cosa fare dell’assicurazione
Sono un medico chirurgo del SSN ormai prossimo alla pensione. Il mio progetto è quello di tornare al mio paese di origine, nel Friuli, e continuare comunque la professione collaborando in una Residenza socio sanitaria per anziani alla cui costituzione ho contribuito tanti anni fa. Il mio intendimento è quello di cogliere una serie di […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...