Mondo assicurativo 28 giugno 2016

Responsabilità professionale sanitaria, la polizza prevede l’estensione alla funzione di direttore sanitario?

Sono un medico anestesista ed esercito la mia attività in Campania come dipendente presso una clinica privata. Recentemente la proprietà mi ha affidato la funzione di Direttore Sanitario della clinica. Da una parte sono compiaciuto per la nomina, dall’altra sono abbastanza preoccupato in quanto ho notato che la mia polizza di responsabilità professionale esclude la […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un medico anestesista ed esercito la mia attività in Campania come dipendente presso una clinica privata. Recentemente la proprietà mi ha affidato la funzione di Direttore Sanitario della clinica. Da una parte sono compiaciuto per la nomina, dall’altra sono abbastanza preoccupato in quanto ho notato che la mia polizza di responsabilità professionale esclude la copertura di tale funzione. Può dirmi se si tratta di una esclusione normale, la motivazione della stessa e se posso superarla includendola tra le garanzie. Grazie.

L’esclusione del rischio della funzione di direttore sanitario risponde ad una logica assicurativa per la quale il contraente assicurato è coperto esclusivamente per le conseguenze dei suoi comportamenti diretti e non per quelli dei propri colleghi e/o collaboratori. In effetti, la responsabilità del direttore sanitario è sempre mediata in relazione a comportamenti colposi attivati da soggetti dei quali esso deve rispondere, spesso anche di natura esclusivamente contabile organizzativa e non sanitaria. Questo non significa che il rischio della Direzione Sanitaria non possa essere assicurato come estensione alla polizza che lei ha in corso. Si rivolga quindi al suo assicuratore per ottenere questa integrazione. Mi permetta comunque di darle un suggerimento supplementare: è apprezzabile il fatto che lei abbia ritenuto di stipulare una propria polizza di responsabilità personale. Le rammento tuttavia che Lei, nella sua qualità di dipendente di una struttura sanitaria privata, ha diritto in forza del contratto nazionale di lavoro di ottenere dal suo datore di lavoro una adeguata copertura assicurativa per la responsabilità professionale riferita alle attività da lei svolte nella struttura, quindi compresa la funzione di direttore sanitario. Questo obbligo da parte del suo datore di lavoro, oggi di natura contrattuale, sarà sancito per legge quando il DL Gelli diventerà legge dello stato. Tutto ciò fino al limite del caso di colpa grave, il cui rischio Lei dovrà provvedere a garantirsi autonomamente.

Articoli correlati
Anelli (Omceo Bari): «Per ECM servono qualità, indipendenza e innovazione. Puntare su casi simulati e nuove tecnologie»
Sergio Bovenga (FNOMCeO): «Sempre più il sistema giudiziario e delle assicurazioni porranno la loro attenzione sullo stato di aggiornamento dei professionista eventualmente coinvolto in un contenzioso professionale e farsi trovare impreparati, ovvero non in regola con le norme Ecm, non aiuterà di certo". Un motivo in più per fare formazione e tenersi sempre aggiornati
Sanità digitale: 32% dei medici usa app per screening. Intervista alla direttrice Osservatorio Innovazione Digitale Sanità
«L'Osservatorio è ormai un punto di riferimento per la ricerca sull’innovazione digitale perché permette un confronto e una collaborazione tra i diversi attori del settore sanitario. L'Italia è ancora indietro rispetto all’Europa. Il problema? Mancano gli investimenti». Queste le parole della direttrice dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano, Chiara Sgarbossa
Nasce la Casa della Salute Valdese. Saitta: «Sarà un modello»
«Il nostro obiettivo era sanare una ferita della nostra città, e nel farlo abbiamo deciso di riprendere un elemento caratterizzante dell’ospedale Valdese: la presa in carico del paziente. Non a caso si chiamerà Casa della Salute Valdese». Lo ha sottolineato questa mattina l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta intervenendo all’apertura della Casa della Salute di […]
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
La polizza di responsabilità civile sanitaria garantisce soltanto nei casi di danno fisico?
Sono il direttore di un laboratorio di analisi e ricerca di un Istituto Pubblico. Alcuni giorni orsono ho ricevuto una citazione da un paziente che mi imputa, nella mia qualità di responsabile del laboratorio, la perdita di documentazione sanitaria non ripetibile chiedendomi un risarcimento per il danno subito, valutato di forti dimensioni in quanto l’indisponibilità […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...