Mondo assicurativo 22 giugno 2016

Odontoiatria e trattamenti estetici, quando la polizza di responsabilità professionale è efficace?

Sono un odontoiatra ed esercito la mia attività presso il mio studio professionale ove mi avvalgo anche di due giovani colleghi che hanno introdotto tra i servizi messi a disposizione della clientela anche piccoli interventi di carattere estetico. Non nascondo che questa innovazione è stata ben accolta dalla mia clientela di ogni età e sesso. […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un odontoiatra ed esercito la mia attività presso il mio studio professionale ove mi avvalgo anche di due giovani colleghi che hanno introdotto tra i servizi messi a disposizione della clientela anche piccoli interventi di carattere estetico. Non nascondo che questa innovazione è stata ben accolta dalla mia clientela di ogni età e sesso. L’attività del mio studio sta beneficiando di questa innovazione sia in relazione all’incremento dei pazienti che del suo fatturato. Ho chiesto al mio assicuratore di essere tranquillizzato circa la sussistenza della copertura assicurativa relativamente a questa attività che noi consideriamo collaterale a quella odontoiatrica. La risposta dell’assicuratore mi ha un po’ sorpreso: «I piccoli interventi di natura estetica rientrano nella garanzia della polizza solo in quanto correlati alla implantologia». Non capisco il senso di questa risposta in quanto la nostra attività di carattere estetico è a tutti gli effetti pienamente legittima. Lei cosa ne pensa?

Spazzo via in primo luogo la questione riguardo la condizione di legittimità del trattamento estetico eseguito da un odontoiatra al fine della efficacia della copertura assicurativa. In realtà tutte le polizze di assicurazione condizionano comunque la copertura assicurativa al fatto che le prestazioni sanitarie siano eseguite in linea con le norme di legge relative all’esercizio della professione medica, generica e/o specialistica. Ma una cosa è la legittimità un’altra è la assicurabilità. La questione riguarda invece la valutazione del rischio e la sua relativa tassazione; cioè la determinazione del relativo premio. Gli assicuratori includono l’attività estetica alla implantologia perché la considerano, quando necessaria, strettamente strumentale alla prima. Gli Assicuratori invece considerano gli interventi estetici un rischio diverso quando questi risultano indipendenti dalla attività odontoiatrica. Insomma, si tratta di un altro dei tanti casi nel quali l’Assicurazione è rimasta un po’ indietro rispetto alla evoluzione tecnologica e sociale. La questione si potrebbe risolvere semplicemente applicando il premio più alto di polizza  previsto per le due attività (odontoiatria e trattamenti estetici). Proponga Lei stesso al suo Assicuratore questa soluzione: Ritengo che verrà accolta.

Articoli correlati
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
A Bari Giornata contro violenza operatori sanitari. Questionario FNOMCeO: 50% medici aggredito in ultimo anno
Tra i camici bianchi prevale rassegnazione e sfiducia. I dati del sondaggio preoccupano il Presidente Filippo Anelli: «Questo porta con sé gravi effetti collaterali come la mancata denuncia alle autorità, l’immobilismo dei decisori, ma anche il burnout dei professionisti, con esaurimento emotivo»
Stretta a spot e cibi grassi da distributori: nuove misure contro obesità infantile. D’Arrando (M5S): «Serve educazione alimentare»
Nel testo della risoluzione presentata in Commissione Affari Sociali l’idea di vietare l'utilizzo dei personaggi dei cartoon e delle trasmissioni televisive per promuovere il cibo ad alto contenuto di grassi, zuccheri e sale. E poi l’ipotesi di etichette che indichino il rischio obesità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...