Mondo assicurativo 18 ottobre 2016

L’importanza della clausola di continuità quando si cambia assicurazione

Sono un odontoiatra libero professionista da alcuni anni assicurato con una compagnia italiana. Mi è stata ora proposta una nuova polizza che effettivamente sembra molto conveniente sia dal punto di vista del prezzo che delle garanzie. Un mio collega, al quale ho mostrato la proposta, ha condiviso il mio parere ma mi ha anche suggerito […]

di Ennio Profeta -

Sono un odontoiatra libero professionista da alcuni anni assicurato con una compagnia italiana. Mi è stata ora proposta una nuova polizza che effettivamente sembra molto conveniente sia dal punto di vista del prezzo che delle garanzie. Un mio collega, al quale ho mostrato la proposta, ha condiviso il mio parere ma mi ha anche suggerito di stare attento alla “clausola di continuità”; ha tentato di spiegarmi in cosa consista questa clausola ma confesso di non essere certo di aver ben compreso. Posso chiedere a lei di chiarirmi cosa sia e quanto effettivamente sia importante questa clausola?

Cerco di spiegarmi nella maniera più semplice possibile. L’importanza della clausola di continuità è collegata alla formula di efficacia temporale adottata nelle polizze di responsabilità professionale, la ormai stranota “Claims made”. Questa clausola stabilisce che il sinistro non è “l’evento dannoso” bensì la “richiesta di risarcimento” la quale, per essere valida ai fini della copertura, deve pervenire durante il periodo di vigenza della polizza e riferirsi a un evento accaduto nello stesso periodo.

Rammentato questo aspetto, accade che nel caso in cui l’assicurato cambia polizza, la conseguenza è che ha inizio un nuovo periodo di assicurazione ed un evento (accaduto precedentemente alla stipula della nuova polizza) che sarebbe stato in garanzia con la precedente polizza non lo è più nella nuova. Per evitare questa pesante insidia esiste però un antidoto; in primo luogo si può acquistare un periodo di efficacia della garanzia relativo al passato (la Retroattività) ovvero richiedere la clausola della continuità (che significa ottenere la conferma del periodo di efficacia delle garanzie già previsto nella polizza precedente). In questo modo non si avrà alcuna soluzione di continuità nella copertura assicurativa. Le preciso però che non tutte le compagnie sono disponibili a prestare questa condizione. Ho visto purtroppo casi nei quali addirittura il rinnovo di una polizza con la stessa compagnia non prevedeva la clausola di continuità.

In conclusione, io ritengo che “guardarsi in giro” alla ricerca di condizioni migliori sia un’ottima cosa; tuttavia la bontà di una offerta deve essere valutata nella sua globalità. Ed in questa valutazione il supporto di un consulente esperto diventa essenziale.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...