Mondo assicurativo 25 luglio 2016

L’assicurazione estesa alla colpa lieve serve anche ai medici del Ssn?

Sono un medico legale operante presso una azienda sanitaria pubblica. Le richiedo cortesemente un parere circa una proposta che ho ricevuto, su segnalazione della mia associazione, riguardante la stipula di una polizza di assicurazione per la mia responsabilità professionale. I medici legali dipendenti delle ASL vengono correntemente coperti dall’assicurazione delle ASL per eventuali danni per responsabilità […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un medico legale operante presso una azienda sanitaria pubblica. Le richiedo cortesemente un parere circa una proposta che ho ricevuto, su segnalazione della mia associazione, riguardante la stipula di una polizza di assicurazione per la mia responsabilità professionale. I medici legali dipendenti delle ASL vengono correntemente coperti dall’assicurazione delle ASL per eventuali danni per responsabilità civile lieve, ma non quando venga riconosciuta la colpa grave (ad oggi non ho mai avuto sinistri per danni dopo 18 anni di servizio). Ciò comporta che la ASL, o la sua assicurazione, assume la difesa del medico dipendente comunque sin dal primo grado di giudizio. La copertura assicurativa propostami invece copre la responsabilità civile sia lieve che grave; essa infatti prevede che l’assicurato debba dare avviso del sinistro all’assicuratore per qualunque richiesta formale di risarcimento come pure per qualsiasi eventuale atto/citazione giudiziario avanzato da terzi all’assicurato assumendo conseguentemente la Compagnia la gestione della vertenza a nome dell’assicurato tanto in sede stragiudiziale che giudiziale.

Io sarei interessato ad aderire alla proposta ricevuta sia perché mi sembra buona dal punto di vista economico, sia perché contiene una serie di interessanti garanzie ivi compresa la estensione della copertura al danno patrimoniale (mi riferisco a quello che si non si verifica in conseguenza di un danno biologico). Tuttavia non capisco, essendo io un medico dipendente Asl, come si possa conciliare la difesa eventualmente assunta dalla mia assicurazione con quella certamente assunta dalla assicurazione della ASL o dalla ASL stessa (per previsione in tal senso del CCNL). Non vorrei quindi che la mia adesione a questa proposta generasse questioni, conflitti potenziali con la mia Azienda. Lei cosa ne pensa? Le mie perplessità sono fondate? Le invio la copia della polizza propostami e ringrazio anticipatamente per il cortese riscontro.

 

Ho letto con la necessaria attenzione il testo della polizza che mi ha fatto avere. Il mio parere è che si tratti di una buona polizza per altro proposta ad un premio competitivo. E’ questo un esempio di un buon lavoro fatto in applicazione di quanto la legge sulla obbligatorietà ha suggerito circa la stipula di Convenzioni agevolate tramite gli Ordini e gli Organi rappresentativi dei medici. Condivido inoltre con Lei circa l’utilità della previsione del c.d. Danno Patrimoniale Puro al quale il medico legale è esposto forse in misura maggiore del caso di danno biologico. Ritengo che l’idea di prevedere la copertura sia della colpa grave che di quella lieve nasca dalla osservazione dell’universo composito dei medici legali operanti in diverse posizioni e ruoli. Si è pensato quindi ad un complesso di coperture che, fermo il contenimento del costo, fosse valido per ogni situazione soggettiva del medico assicurato, sia questi un libero professionista che un dirigente del SSN.

In aggiunta l’esperienza sul campo ha suggerito di proporre comunque ai medici del SSN una copertura che li tenesse garantiti non solo in caso di ”invito a dedurre da parte della corte dei Conti per presunta colpa grave” ma anche in caso di citazione da parte di un terzo. Infatti spesso le situazioni risultano più complesse di quanto sia prevedibile nella normalità dei casi. Mi riferisco al caso del latente conflitto di interessi tra Azienda sanitaria e medico (situazione che può richiedere strategie difensive autonome) ovvero ai casi nei quali l’Ente essendo in regime di c.d. Autoassicurazione mostra qualche debolezza nella gestione del danno a tutto svantaggio anche del medico. Quanto ho espresso più sopra testimonia che non esiste alcuna contradizione per il dirigente medico del SSN nella sottoscrizione di una polizza estesa alla colpa lieve. Al contrario tale scelta, quando sostenibile con un premio contenuto, realizza una garanzia totale per il medico in ogni fase della vertenza, in sede civile ovvero presso la Corte dei Conti. Per altro la presenza di una copertura assicurativa personale del medico può costituire un vantaggio anche per l’Azienda sanitaria la quale, in base alla norma del codice civile che prevede il concorso delle due coperture nel pagamento del danno, ottiene un contenimento immediato dell’esborso risarcitorio.

Articoli correlati
Sanità. Piemonte guadagna la vetta, Calabria si conferma la più malata
E’ il Piemonte, la regione in testa per efficienza del sistema sanitario italiano, strappando la prima posizione al Trentino Alto Adige, mentre la Calabria si conferma la regione “più malata” del paese. In totale sono quattro le realtà territoriali definite “sane”, nove le aree “influenzate” e ben sette le regioni “malate”. Crolla il Lazio che […]
Esenzioni ticket, Regione proroga per evitare caos
Una proroga di tre mesi per le esenzioni ticket. La decisione della Regione è finalizzata ad evitare il caos generato l’anno scorso quando migliaia di persone, poco prima della scadenza, si erano trovate in coda agli sportelli della Asl per compilare l’autocertificazione e ottenere nuovamente il certificato annuale che consente di non pagare visite specialistiche, esami e […]
Intersindacale disapprova modalità di calcolo Ministero-Regioni e chiede chiarimento
Nella lettera ai Ministri della Salute e dell'Economia e alle Regioni, l'Intersindacale medica, veterinaria e sanitaria (ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC –FVM – FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR) – CISL MEDICI – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI) ha chiesto un incontro per una puntuale informazione sulla metodologia tecnica utilizzata per calcolare il fabbisogno dei medici, veterinari e sanitari del Ssn. Contestati il metodo e il merito del lavoro del gruppo Ministero-Regioni.
Ma cosa c’entra un medico del Ssn con la responsabilità contabile amministrativa?
Il mio assicuratore, il quale cura e gestisce le mie polizze personali compresa quella per la colpa grave, mi ha suggerito di stipulare anche una polizza per la mia responsabilità amministrativa. Io sono il direttore di farmacia di un’azienda ospedaliera pubblica in Toscana. Il mio assicuratore mi ha parlato dell’importanza di questa ulteriore assicurazione riferendosi […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Accorpamento Asl. Sempre meno Aziende e sempre più grandi
Il comparto sanitario italiano sta lentamente trasformandosi. Nonostante il No alla Riforma Costituzionale il profilo della sanità si sta modificando e a dimostrarlo l’imminente processo di accorpamento delle Asl. Una centralizzazione inevitabile che negli ultimi 5 anni ha visto una riduzione del 35% il numero delle Aziende che risultano essere sempre più raccolte, uniche e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...