Mondo assicurativo 3 luglio 2017

La polizza di responsabilità civile sanitaria garantisce soltanto nei casi di danno fisico?

Sono il direttore di un laboratorio di analisi e ricerca di un Istituto Pubblico. Alcuni giorni orsono ho ricevuto una citazione da un paziente che mi imputa, nella mia qualità di responsabile del laboratorio, la perdita di documentazione sanitaria non ripetibile chiedendomi un risarcimento per il danno subito, valutato di forti dimensioni in quanto l’indisponibilità […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono il direttore di un laboratorio di analisi e ricerca di un Istituto Pubblico. Alcuni giorni orsono ho ricevuto una citazione da un paziente che mi imputa, nella mia qualità di responsabile del laboratorio, la perdita di documentazione sanitaria non ripetibile chiedendomi un risarcimento per il danno subito, valutato di forti dimensioni in quanto l’indisponibilità di tale documentazione ha reso più complessa se non impossibile la formulazione della diagnosi e relativa terapia. In termini di prova la posizione del paziente è particolarmente forte in quanto lo stesso ha in suo possesso la ricevuta dell’effettivo ricevimento da parte del mio laboratorio del plico contenente la documentazione.  

Ho subito presentato una denuncia di sinistro al mio assicuratore. Sono infatti titolare di una polizza che non si limita alla copertura della semplice Colpa Grave. Credevo che in questo modo sarei stato garantito in maniera più che completa. L’Assicuratore tuttavia mi ha rifiutato il sinistro motivando tale decisione con il fatto la polizza non copre questo tipo di avvenimenti. Potrebbe dirmi se il comportamento della compagnia   è corretto e cosa debba io fare per tutelarmi?

In effetti il comportamento della compagnia risulta corretto. La polizza di responsabilità sanitaria copre soltanto nel caso in cui l’operatore sanitario abbia cagionato un danno fisico al paziente. In tal caso la polizza risarcirà il paziente sia per il danno biologico subito sia per gli eventuali danni patrimoniali conseguenti al danno fisico (per esempio la ridotta capacità lavorativa a seguito del danno fisico). Nel caso da Lei esposto l’eventuale danno non afferisce assolutamente ad una menomazione di natura fisica. Riguardo poi  cosa lei debba fare per tutelarsi le rispondo in due modi: a) in qualità di dirigente sanitario pubblico il suo CCNL lo tutela in quanto il suo Istituto deve prendere in carico la sua difesa; per altro in forza di una legge dello Stato Lei potrà essere chiamato a rispondere di questo danno solo nel caso in cui l’Organo giudiziario competente accerterà la sua colpa grave; cosa che nella fattispecie descritta mi sembra assai improbabile. b) la informo comunque che esiste la possibilità, con una polizza specifica il cui costo è veramente modesto, di assicurarsi anche dalle conseguenze di comportamenti colposi che hanno provocato un danno al paziente senza che questo sia stato l’espressione di un danno fisico. Mi creda: la casistica anche per i medici è ben più ampia di quanto si possa pensare!

Articoli correlati
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
La clausola dei fatti noti rischia di neutralizzare l’efficacia della garanzia retroattiva?
Sono un medico libero professionista assicurato fino ad un paio di anni fa con una polizza per la responsabilità professionale stipulata tramite il mio agente di fiducia con il quale ho in corso anche altri contratti assicurativi. Proprio un paio di anni fa ho disdetto questa polizza per aderire ad un’offerta pervenutami da un altro […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Quali sono le specializzazioni più a rischio per errori e/o incidenti?
Nei reparti di Ortopedia si registra il maggior numero di incidenti (13,3%), seguito da quelli di Pronto Soccorso (12,6%), Chirurgia Generale (10,4%), Ostetricia e Ginecologia (7,5%), Medicina Generale (3%) e Anestesia (2,6%). Il campione si riferisce ai reparti e non ai singoli specialisti. La malpractice è spesso infatti l’effetto combinato di errori o disattenzioni attribuibili, […]
Andare in pensione continuando a lavorare? Ecco cosa fare dell’assicurazione
Sono un medico chirurgo del SSN ormai prossimo alla pensione. Il mio progetto è quello di tornare al mio paese di origine, nel Friuli, e continuare comunque la professione collaborando in una Residenza socio sanitaria per anziani alla cui costituzione ho contribuito tanti anni fa. Il mio intendimento è quello di cogliere una serie di […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Cambio attività sanitaria: conservare integra copertura assicurativa per fatti pregressi
Sono un ortopedico del SSN. Fino ad oggi ho operato in libera professione con attività chirurgica, sia nella mia qualità di dirigente sanitario del SSN che di libero professionista. Ho deciso in questo ultimo periodo di limitare il mio impegno libero-professionale all’attività ambulatoriale riservando quella chirurgica all’area ospedaliera del SSN. Mi è stato riferito che […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...