Mondo assicurativo 4 aprile 2017

La nuova legge Gelli e la colpa grave dei sanitari che operano nelle strutture private

Sono un odontoiatra che lavora presso uno grande studio dentistico di Milano. Il mio rapporto di lavoro è regolamentato da un rapporto di collaborazione continuativo con pagamento del mio compenso a presentazione di fattura. Avevo aderito a questa formula in quanto, appena dopo la specializzazione, ritenevo di poter integrare i miei guadagni con una parallela […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un odontoiatra che lavora presso uno grande studio dentistico di Milano. Il mio rapporto di lavoro è regolamentato da un rapporto di collaborazione continuativo con pagamento del mio compenso a presentazione di fattura. Avevo aderito a questa formula in quanto, appena dopo la specializzazione, ritenevo di poter integrare i miei guadagni con una parallela attività libero professionale con miei clienti personali che il titolare dello studio mi aveva permesso di ricevere in studio entro un limite temporale giornaliero. Purtroppo i clienti personali non sono arrivati e quindi in pratica oggi sono un dipendente dello studio remunerato in base alle prestazioni da me effettivamente eseguite. Per altro nell’accordo stipulato  a suo tempo con il titolare è previsto che io debba provvedere a mie spese alla copertura assicurativa della mia responsabilità professionale. Ho letto in questi giorni che la nuova legge Gelli avrebbe innovato qualcosa in termini di obbligo assicurativo. Mi può spiegare di cosa si tratta e se l’innovazione riguarderà anche la mia posizione?

 

Sì. La Legge Gelli in effetti la riguarda direttamente in quanto innoverà parecchio riguardo non soltanto l’ampiezza della responsabilità del professionista ma anche relativamente ai suoi obblighi assicurativi.

In questo senso l’art. 10 comma 1. della legge risulta chiarissimo. Esso recita in questo modo “le strutture sanitarie […] devono essere provviste di copertura assicurativa per la responsabilità civile […] anche per danni cagionati dal personale a qualunque titolo operante presso le strutture…”

Questo significa che la sua struttura dovrà provvedere con oneri a suo carico a stipulare una copertura assicurativa comprensiva della responsabilità personale di ogni professionista sanitario a qualsiasi titolo operante al suo interno, quindi comprese le posizioni come la sua.

Il medesimo art. 10 al comma 3. stabilisce inoltre che ciascun operatore sanitario attivo all’interno di una struttura sanitaria, essendo comunque responsabile dei danni cagionati a terzi in caso di colpa grave, deve munirsi obbligatoriamente di una polizza di responsabilità limitata proprio al caso di rivalsa per colpa grave esercitata dall’azienda o dall’assicuratore aventi interesse a recuperare quanto versato al danneggiato.

In sostanza il legislatore, su questo tema, ha equilibrato le posizioni del professionista sanitario non distinguendo tra ambito pubblico e privato.

Ma, concludo, la legge non è attualmente operativa in quanto siamo in attesa di un decreto attuativo che ne regolamenti ogni aspetto, ivi compreso quello della colpa grave. D’altra parte, se Lei provasse oggi a chiedere ad un Assicuratore la stipula di una polizza di Rc per la sua colpa grave, lei si sentirebbe rispondere che questo tipo di copertura non è ancora disponibile.

Aspettiamo pertanto con pazienza la emissione di questo decreto attuativo, non mancando di pregare che esso non subisca la sorte di quelle della legge del 2011, atteso invano per 6 anni.

Articoli correlati
Legge Gelli, Giorgio Moroni (Aon): «Nodo assicurazioni? I premi stanno diminuendo, ma aspettiamo decreti attuativi»
«La legge agevola il ritorno degli assicuratori in Italia ma questo è fortemente legato all’approvazione dei decreti attuativi». Il parere dell’esperto Giorgio Moroni di Aon, una delle aziende leader nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa
Legge Gelli, parla il chirurgo: «Valutare caso per caso, a volte il rischio è necessario»
In attesa dei decreti attuativi, il punto di vista del professor Valentino Valentini, chirurgo Maxillo-Facciale: «Quello che viene definito ‘errore’, spesso è un tentativo di salvare la vita del paziente»
«Il 50% dei magistrati ancora non applica Legge Gelli sulla nomina dei consulenti»
Il Professor Macrì: «Molti magistrati stanno vanificando le innovazioni della Legge. Medici e cittadini hanno diritto ad avere un vaglio tecnico di qualità, negato dalle nomine di un solo un consulente»
Legge Gelli, in arrivo i decreti attuativi. L’avvocato Hazan: «Saranno pronti prima del termine legislatura»
«Dopo un incontro al Ministero con tutti gli stakeholder della sanità, siamo riusciti a strappare una promessa…», così ai nostri microfoni l’esperto della riforma della Responsabilità professionale in sanità
Forum Risk Management: «Ecco cosa sta cambiando con la Legge Gelli»
A Firenze il Forum Risk Management in Sanità, rassegna sulle tecnologie applicate alla sicurezza del paziente, giunta alla sua dodicesima edizione. L’avvocato Hazan: «Una norma che premia tutti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...