Mondo assicurativo 19 maggio 2015

Il mondo delle assicurazioni, responsabilità professionale: facciamo chiarezza

L’importanza degli atti e delle dichiarazioni precontrattuali

di Assicurazione

Sono una pediatra libera professionista ed esercito presso un’azienda ospedaliera pubblica. Alcuni mesi fa ho sottoscritto una polizza assicurativa per la responsabilità professionale con la stessa compagnia con cui ho assicurato la mia macchina. La polizza copre la mia attività di pediatra libero professionista. Prima di sottoscriverla ho risposto ad un questionario che l’Assicuratore mi ha posto. Di recente ho ricevuto un avviso di garanzia per un grave problema su un bimbo prematuro verificatosi in sala parto, dove ero presente, ma esclusivamente per eventuali interventi di terapia intensiva. Ho denunciato l’accaduto inviando copia dell’avviso di garanzia ricevuto alla Compagnia, ma questa mi ha comunicato di non poter prendere carico del sinistro, essendo la mia attività diversa da quella dichiarata in sede di stipula della polizza. Io risposi in modo preciso a quel questionario: dove ho sbagliato, se ho sbagliato? Come posso difendermi?

Lei non ha sbagliato in nulla, purché abbia compilato in maniera completa e veritiera il questionario che le è stato sottoposto, e che le attività complementari da Lei esercitate subito dopo il parto siano coerenti alla specializzazione di pediatra. E’ normale che le Compagnie di assicurazione raccolgano, prima della stipula della polizza, tutte le informazioni che ritengono necessarie ed utili per la miglior identificazione e valutazione del rischio. Sulla base di tale questionario la Compagnia ha “assunto il rischio”. Ferme le due condizioni sopra descritte, lei non è responsabile di non aver risposto a domande che non le sono state poste. Lei quindi ha il diritto/dovere di resistere alla decisione della Compagnia. Pertanto, se venisse citata dai genitori del bimbo in sede civile dovrà costituirsi in giudizio chiamando “in manleva la Compagnia di assicurazione; in altre parole coinvolgendo nella causa l’Assicuratore con il quale ha coperto la sua responsabilità professionale. Spesso, purtroppo, l’intermediario non è adeguato al compito che sta svolgendo e, come in questo caso, ci si accorge di questo solo quando arriva la richiesta di risarcimento. Senza entrare nel merito, la vendita di polizze Auto è materia diversa dalla consulenza sui rischi professionali. E’ opportuno, pertanto, che un medico si rivolga ad uno specialista del settore. Questo non si limiterà a far compilare e sottoscrivere un questionario ma avrà l’obbligo di comprendere la situazione di rischio effettiva  del professionista coniugandola con le esigenze informative della Compagnia.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Ddl n°2224: ecco tutti gli emendamenti approvati al Senato
In totale sono 6 gli articoli modificati dagli emendamenti presentati nel corso della discussione di Palazzo Madama, tra cui la modifica del titolo del documento. Cambia anche il limite alla misura di rivalsa e la tutela del professionista che opera in una struttura in regime libero professionale
Guido Alpa: «Cambia l’onere della prova. Sarà un argine al contenzioso»
Il professore e Presidente della Commissione per la Responsabilità Professionale, commenta il Ddl passato al Senato: «Con approvazione definitiva si avrà maggior chiarezza su responsabilità di professionista e struttura sanitaria»
«Bene il Ddl ma lavorare su rapporto con i pazienti». Le reazioni del mondo della Sanità
Enti, Associazioni e Sindacati medici hanno accolto con favore l’approvazione, da parte del Senato, del testo sulla responsabilità professionale. FIMMG: «Bene legge Responsabilità, ma indispensabile fiducia pazienti»; Consulcesi: «Per i medici tutela legale e consulenze assicurative aggiornate in linea con le novità legislative»; CIMO: «Aspettavamo da tempo»
Emilia De Biasi: «Ora nuovo intervento normativo sulle assicurazioni mediche sullo stile Rc Auto»
«Sanata la stortura che prevedeva fino a 20mila euro di premio assicurativo per un giovane medico». Ai nostri microfoni il Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato: «Molte imprese decidono di non assicurare né camici bianchi né ospedali per paura e la non credibilità del sistema. Sull’Atteso nuovo intervento normativo sullo stile della Rc Auto»
Il relatore Federico Gelli: «Vicini ad una riforma storica per superare definitivamente medicina difensiva»
Per la trasformazione in legge serve solo l’ok della Camera. Il Responsabile Sanità del Pd e primo firmatario del testo: «Aumenteranno le tutele per i professionisti che potranno tornare a svolgere con serenità il proprio lavoro nell'esclusivo interesse dei pazienti, senza dover ricorrere alla medicina difensiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...