Mondo assicurativo 8 settembre 2015

Il mondo delle assicurazioni

La copertura effettiva della polizza di colpa grave dei medici

di Assicurazione

Ricevo ormai con troppa frequenza lamentele da medici che ritengono di essere stati “raggirati” dal proprio assicuratore con i quali hanno stipulato una polizza di responsabilità professionale.
Questi medici, tutti dipendenti del Ssn, avendo ricevuto una richiesta di risarcimento hanno denunciato il caso al loro assicuratore e si sono sentiti rispondere che la compagnia non avrebbe preso in carico il sinistro in quanto il fatto a termini di polizza (la richiesta di risarcimento) non rappresentava un sinistro risarcibile.
Cerchiamo di analizzare la situazione che in realtà risulta meno preoccupante di quanto appaia alla prima analisi. La copertura della responsabilità dei medici pubblici per colpa grave si fonda su una legge dello Stato per la quale il pubblico dipendente non è responsabile – meglio: non è tenuto a risarcire – per un danno cagionato a terzi salvo che esso sia dipeso da comportamento con sua colpa grave; in questo caso la Pubblica Amministrazione deve richiedere ed ottenere dal dipendente la somma versata al terzo danneggiato.
La c.d. polizza di colpa Grave infatti garantisce proprio il caso di richiesta della P.A. (anche tramite la Corte dei Conti) di rivalsa al medico dipendente. In sostanza si concretizza il sinistro non al momento della richiesta di risarcimento del terzo danneggiato ma quando la P.A. richiede la rivalsa per colpa grave. Si comprende la diversa portata delle due situazioni ed anche il motivo per il quale la polizza per colpa grave ha un costo decisamente ridotto in confronto a quello della polizza del libero professionista.
Pertanto il rifiuto dell’Assicuratore non è assoluto in quanto, nel caso in cui dall’evento ne scaturisse una richiesta di rivalsa da parte della P.A., allora il fatto sarebbe pienamente garantito.
Quindi nessun raggiro da parte di quegli assicuratori che indicano ai loro clienti la formula più economica ed adatta ad un medico del Ssn. Soltanto il suggerimento di illustrare molto chiaramente la portata delle garanzie ai loro clienti. Eviteranno eventuali evitabili tensione successive in caso di sinistro.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Gelli: «La Legge 24/17 ha costruito un ponte tra diritto e sanità»
«La Legge ha ottenuto un ottimo riscontro anche in altri Paesi. C'è chi vuole trarre esempio dall’Italia e districare la questione». Così l'ex deputato al convengo in Cassazione
Il medico è responsabile per l’omessa o incompleta informazione anche se il paziente era consapevole delle conseguenze della terapia?
La Corte di Cassazione con la sentenza 7516 del 27 marzo 2018 ha specificato che il medico non può astenersi dall’informare un paziente anche quando quest’ultimo abbia le conoscenze mediche necessarie per conoscere i rischi di una terapia (nel caso di specie si trattava di un’infermiera che svolgeva le sue mansioni proprio nel reparto dell’ospedale […]
Legge Gelli, parla il chirurgo: «Valutare caso per caso, a volte il rischio è necessario»
In attesa dei decreti attuativi, il punto di vista del professor Valentino Valentini, chirurgo Maxillo-Facciale: «Quello che viene definito ‘errore’, spesso è un tentativo di salvare la vita del paziente»
«Il 50% dei magistrati ancora non applica Legge Gelli sulla nomina dei consulenti»
Il Professor Macrì: «Molti magistrati stanno vanificando le innovazioni della Legge. Medici e cittadini hanno diritto ad avere un vaglio tecnico di qualità, negato dalle nomine di un solo un consulente»
Legge Gelli: prime applicazioni giurisprudenziali. Gaudio, Rettore Sapienza: «Finalmente medico torna a fare il medico»
«La Legge Gelli ha determinato anche un grosso risparmio per il sistema, la medicina difensiva ha dei costi notevoli ed è un bene che si esca da questo terreno paludoso» lo dichiara Eugenio Gaudio, Magnifico Rettore dell’Università Sapienza di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...