Mondo assicurativo 12 luglio 2016

Copertura assicurativa, ampiezza e tipicità delle responsabilità di un direttore sanitario

Sono un medico internista, da qualche mese nominato direttore sanitario presso una grande clinica privata ove da tempo opero come dirigente medico. Ho immediatamente richiesto ed ottenuto dal mio assicuratore l’adeguamento della mia copertura assicurativa in relazione all’ampliamento delle mie funzioni presso la struttura, versando un supplemento di premio abbastanza elevato. Tuttavia mi sono reso […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un medico internista, da qualche mese nominato direttore sanitario presso una grande clinica privata ove da tempo opero come dirigente medico. Ho immediatamente richiesto ed ottenuto dal mio assicuratore l’adeguamento della mia copertura assicurativa in relazione all’ampliamento delle mie funzioni presso la struttura, versando un supplemento di premio abbastanza elevato. Tuttavia mi sono reso conto solo successivamente che questo ampliamento non si estende a tutte le nuove funzioni a me assegnate con il nuovo ruolo, quali ad esempio: la gestione del personale, la supervisione nella scelta e negli acquisti di materiale ed attrezzature di carattere sanitario ed anche la partecipazione ad alcuni comitati interni nell’area contabile/amministrativa/bilancistica. Il mio Assicuratore, da me nuovamente interpellato, mi ha escluso questa volta la possibilità di estendere la copertura a queste attività fornendomi una assai vaga motivazione. Vorrei conoscere la sua opinione. È effettivamente impossibile assicurare queste ulteriori funzioni? E quale ne sarebbe il motivo?

Le rispondo prima spiegandole il motivo per il quale il suo Assicuratore le ha negato la estensione della copertura alle ulteriori sue funzioni correlate alla Direzione Sanitaria. In effetti, la sua polizza di assicurazione copre essenzialmente la sua responsabilità di carattere sanitario, quindi la tiene indenne dai danni economici conseguenti a lesioni o decesso procurati a persone, escludendo quelli che non possono essere fatti risalire a quelle cause. La estensione concessa dal suo Assicuratore non ha modificato questo principio limitandosi a prevedere la copertura nel caso in cui tali danni fisici siano conseguenza anche della sua attività di Direttore Sanitario. Altra faccenda invece è quella che riguarda le altre sue funzioni, le quali non soltanto non hanno un preciso profilo sanitario (quello relativo alla cura dei pazienti) ma soprattutto per la loro natura non possono cagionare danni fisici e materiali. Queste funzioni in realtà, attendendo alla sfera organizzativa/amministrativa piuttosto che a quella sanitaria, possono essere assicurate a parte con specifiche coperture (come quelle rivolte al direttore generale o al direttore amministrativo). Non nascondo che, mentre risulta semplice reperire la copertura assicurativa per colpa grave per un direttore sanitario di una struttura pubblica, più difficoltoso è il compito quando si tratti di coprire individualmente, come nel suo caso, il rischio di Direzione Sanitaria presso una struttura privata.

Articoli correlati
Come vengono stabilite dalle Compagnie di Assicurazione le tariffe delle polizze di responsabilità professionale sanitaria?
Sono un medico chirurgo specialista; preferisco non fare alcun riferimento alla mia specializzazione in quanto desidero assolutamente evitare che la mia questione non appaia una polemica personale per il mio interesse nei confronti di alcuno, siano essi assicuratori, società scientifiche ovvero organizzazioni sindacali. Vengo ai fatti: sono da alcuni anni assicurato per la mia responsabilità professionale […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Nuovi LEA in Gazzetta, AAROI-EMAC: «La partoanalgesia rimane un diritto non esigibile»
L’AAROI-EMAC sottolinea senza mezzi termini quanto già manifestato più volte nel corso dell’iter legislativo compiuto dal DPCM, facendo presente che non è mai stato applicato quanto previsto dall’Accordo Stato-Regioni 2010, in base al quale, come ricordato dal DPCM, le Regioni, di concerto con il Ministero della Salute, avrebbero dovuto obbligatoriamente individuare i Punti Nascita ove […]
Responsabilità professionale, Biondi (OMCeO Catania): «Formazione requisito per assicurazioni»
Antonio Biondi, Vicepresidente dell'Ordine di Catania sulla Legge Gelli: «Allo stato attuale, un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato, potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione»
L’estensione dell’obbligo di assicurazione per le strutture sanitarie a tutti coloro che operano al loro interno
Sono il titolare di uno studio odontoiatrico in provincia di Milano nel quale operano quattro medici e tre sanitari igienisti dentari dei quali in totale tre con un contratto di collaborazione. Ho letto che la nuova legge Gelli mi obbligherà ad assicurare indiscriminatamente tutti i miei collaboratori a prescindere dal tipo di contratto stipulato con […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Responsabilità fuori dai confini nazionali, quando è efficace?
Sono un professore associato di chirurgia, cioè dipendente universitario e convenzionato con l’azienda ospedaliera per ciò che riguarda l’attività cinica. Ho in corso una polizza per la mia responsabilità professionale in caso di colpa grave. Avrei bisogno di alcuni chiarimenti su una clausola relativa ai “Limiti territoriali” della mia polizza RC colpa grave. Infatti io […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...