Mondo assicurativo 10 marzo 2015

Il mondo delle assicurazioni

Responsabilità professionale per errore dei propri collaboratori: ecco quando si è coperti

di Assicurazione

Sono un odontoiatra libero professionista con uno studio abbastanza avviato del quale sono titolare e direttore sanitario. Giorni scorsi ho ricevuto una richiesta di risarcimento per un errore imputabile ad un mio collaboratore durante un intervento di implantologia. Preciso che il mio collaboratore non è mio dipendente, tantomeno dello studio da me diretto. Desidero sapere se la mia polizza di responsabilità professionale copre questo evento.

Non conoscendo il contenuto della sua polizza non sono nelle condizioni di darle una risposta riferita specificatamente al suo caso. Posso invece in termini generali riportarle alcuni principi, aggiornati anche in riferimento al recente decreto legge n. 90 tramutato in legge nell’agosto 2014. In sostanza il contenuto di questo decreto conferma l’interpretazione per la quale la struttura sanitaria pubblica o privata deve provvedere alla copertura assicurativa del proprio collaboratore dipendente. Nel suo caso il presunto responsabile, in quanto  collaboratore e non dipendente, deve provvedere personalmente a munirsi di una propria copertura assicurativa.

Nel suo caso, la sua polizza personale copre la sua responsabilità, a condizione che sia ricompresa nelle garanzie la sua posizione di direttore sanitario. In altre parole la copertura assicurativa non deve limitarsi alla sola responsabilità professionale personale ma anche a tutte le attività organizzative, di indirizzo e controllo dello studio, proprie del direttore sanitario. La previsione della garanzia del “direttore sanitario” ovviamente non esclude la responsabilità del suo collaboratore (il quale per legge – ricordo- è obbligato ad assicurarsi). In tal caso le due polizze parteciperanno alla liquidazione del danno in proporzione alla quota di responsabilità attribuita dal giudice a Lei ed al suo collaboratore.

Pertanto le suggerisco di: indicare nella sua denuncia di sinistro gli estremi del suo collaboratore e della polizza di responsabilità da questo stipulata; comunicare al suo collaboratore il ricevimento della richiesta di risarcimento di danno invitandolo a presentare a sua volta la denuncia al suo assicuratore; raccogliere, se già non ha provveduto, le polizze di responsabilità professionale dei suoi collaboratori. Chiedere una consulenza al suo broker circa la adeguatezza delle polizza alla tipologia di interventi eseguite nel suo studio. Verificare annualmente il rinnovo e quindi la validità delle polizze. In questo modo potrà essere sufficientemente sicuro riguardo la piena efficacia della copertura assicurativa del suo studio.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura  

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano