Meteo 12 ottobre 2017

Milano, Ospedale San Giuseppe: inaugurata la nuova ala di Radiologia

Stamattina, presso l’Aula Pampuri dell’Ospedale San Giuseppe di Milano ed alla presenza dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera e del Direttore Generale ATS Milano Marco Bosio, è stata inaugurata la nuova ala di Radiologia dell’Ospedale San Giuseppe. La struttura ospiterà due Tac caratterizzate da sistemi hardware e software di ultima generazione in grado […]

Stamattina, presso l’Aula Pampuri dell’Ospedale San Giuseppe di Milano ed alla presenza dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera e del Direttore Generale ATS Milano Marco Bosio, è stata inaugurata la nuova ala di Radiologia dell’Ospedale San Giuseppe. La struttura ospiterà due Tac caratterizzate da sistemi hardware e software di ultima generazione in grado di coniugare una qualità d’immagine tale da mettere a fuoco anche il più piccolo dettaglio anatomico, con una riduzione fino all’80% delle radiazioni assorbite dal paziente. Molte indagini potranno così essere eseguite con una dose di radiazioni inferiore a 1 mSv, compresa la Tac coronarica che fino a pochi anni fa comportava dosi di 15-20 mSv.

Da oggi, dunque, è possibile eseguire una Tac del cuore e delle coronarie in meno di un secondo e in un unico battito cardiaco, grazie  alla nuova strumentazione acquisita dalla struttura che permette di ottenere immagini accurate, proteggendo al contempo il paziente, sottoposto a meno radiazioni. Tra le funzioni dei nuovi macchinari, anche la “mappa dello iodio” che consente, ad esempio, di stabilire l’eventuale carattere tumorale di una lesione, mettendone in evidenza la vascolarizzazione.

«Sono onorato – ha dichiarato l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera – di inaugurare oggi questi macchinari di ultima generazione perché impreziosiscono la già eccellente dotazione della sanità lombarda. Nell’ottica della nostra Riforma di passare ‘dalla cura’ al ‘prendersi cura’ del paziente, queste nuove Tac, altamente sofisticate che contengono al massimo la quantità di radiazioni irradiate, sono molto importanti soprattutto per chi è costretto a continui controlli diagnostici. Sono, inoltre, importanti perché si trovano in una struttura ubicata in centro a Milano, utili quindi non solo ai tanti cittadini lombardi che vi accedono ma anche ai tanti turisti di passaggio».

«Grazie a questa innovativa strumentazione potremo lavorare con un’elevata velocità di acquisizione delle immagini», sottolinea Maurizio Zompatori, Direttore Unità di Diagnostica per Immagini del Gruppo MultiMedica. «Parliamo di 46 centimetri al secondo. Questo vuol dire che è possibile eseguire una Tac in alta risoluzione del torace in meno di un secondo o valutazioni delle coronarie e del cuore in meno di un secondo e in un unico battito cardiaco. Se il processo dura poco, il paziente è sottoposto a meno radiazioni e ci sono meno probabilità che si muova, problema che a volte rende necessario ripetere la scansione o trattare preventivamente il soggetto con farmaci betabloccanti che ne rallentano il ritmo cardiaco».

«Oltre alla velocità e alla riduzione del tempo di esposizione dei pazienti alle radiazioni, la nuova tecnologia in uso all’Ospedale San Giuseppe consentirà diagnosi particolarmente accurate. Abbiamo la possibilità di ‘scomporre i materiali’ – prosegue Zompatori – ossia di analizzare la composizione dei tessuti, sulla base di tre mappe di densità: tessuti molli, grasso e iodio, che di fatto è il liquido di contrasto. Quest’ultima mappa, in particolare, ha diverse applicazioni. Permette, ad esempio, di individuare e caratterizzare le lesioni tumorali, mostrandoci se sono vascolarizzate. Per certe neoplasie è anche possibile osservare se rispondono o meno alle terapie, perché andando in necrosi o cicatrizzazione saranno meno irrorate di sangue. Oppure si può valutare in modo non invasivo la composizione dei calcoli renali e stabilire la cura più adeguata. Gli impieghi sono moltissimi e la precisione della mappa dello iodio ci consente, inoltre, di ridurre la quantità di liquido di contrasto da iniettare al paziente e i relativi rischi».

«L’aggiornamento tecnologico è da sempre un asset fondamentale per la nostra azienda», commenta Daniele Schwarz, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo MultiMedica. «Questa recente acquisizione, grazie alla quale il parco tecnologico del Gruppo MultiMedica si arricchisce di due strumenti estremamente sofisticati, si inserisce in un ampio piano di investimenti che nel 2017 può essere quantificato in oltre 15 milioni di euro».

 

Articoli correlati
Policlinico di Milano: trapiantato un rene da donatore anonimo
Un gesto di solidarietà estremo, il terzo in questo ospedale milanese. Donare un organo a una persona che non si conosce, con la quale non si hanno legami affettivi e non si condivide nulla è davvero un’azione nobile e rarissima. Per questo, viene definita “donazione samaritana”. Al Policlinico di Milano, è arrivato un rene “anonimo” che […]
Lombardia, parla l’assessore al Welfare Giulio Gallera: «Serve più autonomia per le regioni virtuose. Piano cronicità è modello che salverà Ssn»
«La centralizzazione del sistema sanitario è stata bocciata dagli italiani con l’ultimo referendum. Basta pagare per le inefficienze di altri», spiega il forzista riconfermato nella Giunta Fontana. Poi aggiunge: «Servirebbero presìdi della polizia nei pronto soccorso contro le aggressioni al personale sanitario»
Obesità, crescono gli accessi alle strutture sanitarie. Domani il raduno della SIRM
Cresce l’allarme obesità nel mondo. Se ne parlerà al Raduno del gruppo Toscano SIRM (Società Scientifica Radiologia Medica ed interventistica) che si tiene domani 14 aprile a Montecatini. Già nel 2000 l’OMS aveva inserito nella definizione di obesità una precisa relazione con l’incremento di mortalità e morbilità. Da qualche anno assistiamo al costante incremento di […]
Presa in carico cronicità: i sistemi innovativi di Iniziativa Medica Lombarda, la più grande cooperativa di MMG
È la cooperativa di medici di famiglia più grande d’Italia. Riunisce 700 camici bianchi che hanno in carico oltre un milione di cittadini lombardi. Un terzo dei quali è affetto da patologie croniche. Si chiama Iniziativa Medica Lombarda (IML) e sabato 7 aprile inaugura la sua nuova sede centrale con un innovativo Centro Servizi per la presa […]
Ge Healthcare Italia: riparte il Learning Center per formare i professionisti sanitari
GE Healthcare riapre le porte del suo Learning Center, un’accademia specializzata nell’utilizzo di tecnologie medicali d’avanguardia, con lezioni in aula e da remoto, per formare i professionisti sanitari di tutto il Paese. Dopo il grande successo del 2017 – durante il quale oltre 1.000 medici hanno preso parte alle attività formative – ripartono i corsi gratuiti di formazione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...