Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Benessere 3 agosto 2018

SOS caldo: le regole per combattere l’afa

Emergenza caldo. In questi primi giorni di agosto, i bollettini del sistema di previsione e allarme delle ondate di calore coordinato dal ministero della Salute, evidenziano condizioni di rischio per la salute. Siamo ai livelli 2-3, nella maggior parte delle città del Nord e del Centro con temperature in ulteriore aumento nei prossimi giorni. Si tratta della prima […]

Immagine articolo

Emergenza caldo. In questi primi giorni di agosto, i bollettini del sistema di previsione e allarme delle ondate di calore coordinato dal ministero della Salute, evidenziano condizioni di rischio per la salute. Siamo ai livelli 2-3, nella maggior parte delle città del Nord e del Centro con temperature in ulteriore aumento nei prossimi giorni. Si tratta della prima vera ondata di calore di elevata intensità estesa a gran parte del Paese nel 2018.

E come ogni estate, si registra un aumento degli arrivi al pronto soccorso e delle chiamate al 118 tra gli over 75 anni, in particolare per cause direttamente collegate all’esposizione al caldo.

Per sapere come comportarsi per combattere l’ondata di calore, è consigliato consultare lo specifico sito del Ministero della Salute (Ondate di calore) dove sono riportate le raccomandazioni, le accortezze ed i consigli utili per il cittadino.

L’Istituto Superiore di Sanità specifica come tutelare la nostra salute al meglio durante i giorni caratterizzati dalle ondate di calore. In queste giornate torride è sicuramente importante:

  • Areare la casa durante la notte e il mattino presto, cercando di impedire l’ingresso diretto dei raggi di sole e, se possibile, mantenere fresca l’abitazione con l’aiuto di ventilatori e condizionatori. Dentro casa è bene regolare la temperatura dei condizionatori intorno a 25-27 gradi per evitare fastidiosi sbalzi termici. È opportuno ricordare che i ventilatori smuovono solo l’aria, ma non abbassano la temperatura. Inoltre, stimolano la sudorazione aumentando il rischio di disidratazione per cui bisogna bere di più e non vanno mai indirizzati direttamente sulla persona;
  • Uscire, se possibile, nelle ore più fresche, fino alle 11 di mattina e dopo le 18 di sera;
  • Programmare i viaggi in auto per evitare di restare a lungo sotto il sole, controllando le condizioni del traffico, evitando le ore più calde e portandosi dietro sempre bottiglie d’acqua;
  • Vestirsi con abiti comodi e leggeri, in fibre naturali (cotone, lino, etc.) e di colore chiaro;
  • Coprire il capo e utilizzare gli occhiali da sole per proteggersi meglio dai raggi solari;
  • Assumere cibi adatti al caldo.  Frutta e verdura, almeno due litri d’acqua al giorno, non esagerare con i condimenti piccanti e preferire pesce e carni bianche. È sconsigliato l’uso di alcolici, vino, caffè, bevande zuccherate e gassate.

 

Una mela al giorno

Entra nella più grande comunità sulla salute
Dialoga direttamente con i lettori
Invia i tuoi consigli
per il benessere e la prevenzione
scrivi il tuo articolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...