Farmaci omeopatici: come dovrebbero essere scritte le etichette?

Etichette sui medicinali omeopatici poco trasparenti? È quello che sostiene il Comitato Nazionale di Bioetica che, pochi giorni fa, ha segnalato che le informazioni presenti sui medicinali non assicurano «la necessaria trasparenza informativa e il rigore, pre-requisito essenziale per la commercializzazione di qualsiasi farmaco». Per «ridurre potenziali effetti confondenti», sono tre gli elementi che secondo […]

Etichette sui medicinali omeopatici poco trasparenti? È quello che sostiene il Comitato Nazionale di Bioetica che, pochi giorni fa, ha segnalato che le informazioni presenti sui medicinali non assicurano «la necessaria trasparenza informativa e il rigore, pre-requisito essenziale per la commercializzazione di qualsiasi farmaco».

Per «ridurre potenziali effetti confondenti», sono tre gli elementi che secondo il Comitato andrebbero cambiati, in vista della scadenza per il rinnovo dell’autorizzazione all’immissione in commercio dei farmaci omeopatici prevista per il prossimo 30 giugno:

  • Tradurre in italiano la denominazione scientifica del ceppo o dei ceppi omeopatici, presente per lo più in latino, cui andrebbero aggiunte altre informazioni obbligatorie per i farmaci tradizionali quali le modalità di somministrazione o la scadenza;
  • Modificare l’attuale dicitura “medicinale omeopatico senza indicazioni terapeutiche approvate” in “preparato omeopatico di efficacia non convalidata scientificamente e senza indicazioni terapeutiche approvate”;
  • Infine, sottolineare in «caratteri chiari e leggibili» la natura omeopatica del medicinale, termine tra l’altro da sostituire con “preparato”.

Immediata la reazione delle Associazioni e le Società scientifica del settore, che sottolineano come il termine ‘medicinale’ per indicare prodotti omeopatici sia già previsto dalla Direttiva europea 2001/83/CE recepita in Italia nel 2006. Concludono poi sottolineando come la denominazione in latino dei ceppi omeopatici coincida con i termini già conosciuti nella tradizione omeopatica e come qualunque ulteriore modifica avrebbe il solo effetto di confondere ulteriormente medici e pazienti utilizzatori e non di far chiarezza.

 

Articoli correlati
L’omeopatia diventa farmaco. Omeoimprese: «Finalmente qualcosa è cambiato»
Le composizioni omeopatiche sono farmaci a tutti gli effetti. È scaduto il 30 giugno 2017 il termine di presentazione dei dossier di registrazione dei prodotti omeopatici, che entro il 2019 otterranno l’AIC, l’autorizzazione all’immissione in commercio e «con buona pace dei detrattori delle medicine complementari – ha spiegato Giovanni Gorga, presidente di Omeoimprese, l’associazione delle aziende dell’industria dell’omeopatia – d’ora […]
Morto per otite non curata. Lavra (OMCeO Roma): «Come può essere messa in discussione la legittimità delle medicine complementari?»
Avrebbe fatto sette anni a breve il bambino di Pesaro morto per un'infezione non curata. Ad essere indagati il medico curante insieme ai genitori. Lorenzin: «Omeopatia complementare, non sostitutiva». Dario Chiriacò, coordinatore della Commissione per le Medicine non Convenzionali della FNOMCeO: «L'antibiotico è un grande dono, utile per patologie acute. L'omeopatia può affiancare la cura per rinforzarla e tonificarla».
Una soluzione alle allergie primaverili ed estive? Ecco le proposte ‘alternative’
Il periodo primaverile ed estivo risulta essere la fase dell’anno in cui la maggior parte delle persone si rivolge alle terapie della medicina alternativa e non convenzionale per far fronte alle allergie stagionali. Irrigazioni nasali con soluzione salina, agopuntura, probiotici, miele e farfaraccio: ecco tutte le cure ‘non convenzionali’ per le allergie che affliggono migliaia di […]
Giornata Internazionale dell’Omeopatia: rimedi naturali per ogni specializzazione medica
Omeopatia e naturopatia, le medicine non convenzionali che registrano un numero sempre maggiore di adesioni. In quest’ottica occorre una continua formazione da parte del personale sanitario
Chiriacò (FNOMCeO): «Ecco perché una convivenza (felice) è possibile»
Ai nostri microfoni il Coordinatore dell’Osservatorio sulle Medicine e Pratiche non Convenzionali della FNOMCeO, spiega perché il settore sta ricevendo un’attenzione sempre maggiore in tutto il mondo: «Medicina tradizionale e medicina “non convenzionale” possono e, anzi, devono convivere per una cura completa al paziente. Viene prima la scienza, ma noi medici dobbiamo continuamente aggiornarci su nuove pratiche sempre più efficaci per i pazienti».
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...