Lavoro 23 febbraio 2016

Turni massacranti, Ugl e il caso “11 ore di riposo”: «Personale in difficoltà. Non bastano 6mila assunti»

Nuova tappa del viaggio di Sanità informazione nelle strutture sanitarie italiane. Gianluca Giuliano, Segretario Provinciale Ugl Sanità e professionista dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma: «Rispettare normative su orario lavoro e sbloccare il turnover»

Immagine articolo

Una goccia nell’oceano». Così Gianluca Giuliano, segretario provinciale dell’Ugl Sanità di Roma e professionista sanitario dell’Ospedale Sant’Andrea della Capitale, definisce la volontà espressa dal Ministero della Salute di procedere all’assunzione di seimila figure professionali, da inserire nel comparto sanitario con un concorso nazionale.


Un innesto di forze non sufficiente a superare definitivamente tutti i deficit che hanno costretto e costringono tutt’ora gli operatori sanitari in servizio a svolgere turni massacranti. Con la legge 161 del 2014, l’Italia si è adeguata alla direttiva europea 2003/88 sugli orari di lavoro, dal 25 novembre scorso (data di entrata in vigore della legge), ma non sempre e non dovunque la normativa ha trovato applicazione soprattutto sul riposo obbligatorio di 11 ore tra un turno e l’altro.

La stessa Ugl, nei giorni scorsi ha indetto un sit in sotto la sede della Regione Lazio per protestare contro i «continui tagli» e il «declino inesorabile della sanità pubblica». Sanità informazione ha parlato con il segretario Giuliano per capire meglio in che condizioni lavorano i medici del Lazio, a partire proprio dai turni massacranti.

«Senza dubbio, l’entrata in vigore della legge 161 del 2014 non ha trovato il riscontro sperato nell’effettiva organizzazione degli ospedali. I lavoratori continuano ancora molte volte a svolgere turni massacranti. In questa situazione, gli ospedali si vedono costretti a cercare delle soluzioni che, però, spesso rappresentano soltanto dei palliativi. Per questo motivo noi, come Ugl Sanità, chiediamo non soltanto il rispetto delle normative europee sugli orari di lavoro, ma anche lo sblocco del turnover in maniera nettamente più decisa, perché le misure adottate dalla legge di stabilità non bastano. Seimila assunzioni rappresentano, all’interno del sistema sanitario italiano, soltanto una goccia nell’oceano. Ne servono di più, senza alcun dubbio».

Voi raccogliete la sofferenza di tanti camici bianchi che non ce la fanno più a sopportare i turni massacranti. Contestualmente, molti medici stanno passando alle vie legali, rivolgendosi ai tribunali per fare ricorso ed ottenere giustizia.
«Nei nostri giri nelle varie strutture e negli ospedali, abbiamo notato come i lavoratori continuino tuttora a fare salti mortali per garantire un’assistenza di qualità. Ciò che chiediamo alle istituzioni, Regione in primis ma anche al Governo, è che si attuino finalmente delle misure forti che possano risolvere definitivamente una problematica così importante. I lavoratori sono stanchi, non ce la fanno più a continuare ad andare avanti con contratti fermi da diversi anni e in condizioni lavorative sempre peggiori».

In tanti si sono rivolti ai ricorsi in tribunale per ottenere dallo Stato almeno un risarcimento per il diritto dal 2008 al 2015.
«I ricorsi rappresentano l’extrema ratio. Noi cercheremo in ogni modo di trovare soluzioni adeguate nei vari tavoli di trattativa. È chiaro che laddove non avremo riscontro, la protesta si farà sempre più forte e continueranno azioni di sciopero, volantinaggi come quelli fatti al Sant’Andrea e in diverse strutture, assemblee dei lavoratori, perché sono i lavoratori a dover decidere qual è il loro futuro all’interno della sanità. Chiediamo un maggiore coinvolgimento dei vari lavoratori del comparto e dei medici».

Articoli correlati
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»
Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale
Massa: la prima estate del Nuovo Ospedale Apuano, tra turni massacranti e casi di buona sanità
Un bambino di appena 4 anni, azzannato al volto e alla testa da un molosso, è stato ricoverato d’urgenza per una delicata operazione al Nuovo Ospedale Apuano, da gennaio 2016 punto di riferimento di tutta la provincia di Massa Carrara. Secondo quanto riportato dal quotidiano “La Nazione” soccorso e cure sono state prestate con celerità, consentendo al bambino di conservare l’uso della vista ed evitare conseguenze più gravi. Un risultato non indifferente, considerati i sit-in recentemente organizzati dalle principali sigle sindacali per denunciare la carenza strutturale di personale e il ricorso a turni di lavoro massacranti.
Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…
Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Medici e burn-out: un corso per “difendersi”
Non esiste una soluzione facile, né permanente. È una amara constatazione quella del dottor Dike Drummond, medico di famiglia e uno dei massimi esperti americani nella prevenzione e cura della sindrome da burn-out, lo stress psicoemotivo che affligge i camici bianchi sottoposti a turni massacranti e alla pressione dovuta dalle responsabilità di un mestiere così […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...