Lavoro 23 giugno 2015

«Turni massacranti, sindacati e Asl dalla parte dei medici»

Intervista a Danilo Mazzacane, segretario generale della Cisl Medici Milano Metropoli

Immagine articolo

Non esiste una lotta tra il medico e il direttore generale dell’azienda. Perché il direttore generale dell’azienda è anche un medico ed è perfettamente a conoscenza delle difficoltà nelle quali lui si trova ad operare e in cui costringe, di conseguenza, ad operare i suoi colleghi medici».


Il tema al centro della riflessione di Danilo Mazzacane, segretario generale della Cisl Medici Milano Metropoli, è quello spinoso dei “turni massacranti” a cui sono costretti sempre più spesso i medici italiani. Un tema che coinvolge direttamente lo Stato, finora inadempiente, e non le aziende sanitarie che, come sottolineato dall’esponente sindacale, sono vicine al medico nel chiedere alle istituzioni di riparare il torto al più presto e di risarcire i camici bianchi di quanto dovuto.

«Sicuramente anche le Regioni, purtroppo, subendo i tagli, devono ottemperare a quelle che sono le decisioni che arrivano dalla politica nazionale e quindi adeguarsi. Abbiamo Regioni che sono in difficoltà con i piani di rientro, ma anche quelle virtuose sono in difficoltà perché il discorso del recupero dei costi standard purtroppo è rimasto sulla carta. C’è un livellamento verso il basso e proprio al fine di mantenere aperti i servizi con degli organici ridotti sia ospedalieri sia a livello della medicina territoriale si cerca di fare i salti mortali per soddisfare i pazienti, pazienti che si riversano di più nelle strutture pubbliche anche tenendo conto l’attuale difficoltà economica nazionale e per lo più ricevono ottime prestazioni».

Da più parti, sia dalla politica che dai sindacati, si chiede un intervento istituzionale, un ddl che chiarisca finalmente questa situazione sugli orari di lavoro e sui turni massacranti dei medici.

«Da parte della Cisl Medici come sindacato, in collaborazione con la Consulcesi, c’è la massima intenzione di trovare qualsiasi compromesso che possa portare un reale beneficio in termini di qualità di servizio sanitario per il cittadino, permettendo al medico di lavorare in serenità e tornando a casa la sera gratificato senza doversi rivolgere ogni volta all’avvocato per valutare se deve difendersi o piuttosto deve intentare causa a qualcuno, dobbiamo sicuramente credere di riprendere un rapporto sereno e questo sicuramente andrà a beneficio di tutti, anche dal punto di vista economico del Paese».

Articoli correlati
Rinnovo contratto, Mazzacane (Cisl Medici Lombardia): «Prospettive tutt’altro che rosee. Serve nuova programmazione della sanità»
Il Segretario Generale del sindacato lombardo commenta ai nostri microfoni il dibattito sul contratto e le principali problematiche in sanità. Sulle elezioni per il Consiglio Direttivo dell’OMCeO Milano: «Fondamentale tutelare l’indipendenza dell’Ordine»
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Medici, stangata RC Auto nel 2017. Magi (Sumai): «Camici bianchi disattenti alla guida? Colpa del blocco del turnover…»
Dal rapporto di Facile.it operatori sanitari bollati come ‘disattenti’. Il 4,66% di loro subirà un aumento dei premi assicurativi. Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali Sumai-Assoprof: «Medici anziani costretti a turni massacranti»
«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)
Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»
Danilo Mazzacane nuovo segretario generale della Cisl Medici Lombardia
Danilo Mazzacane è il nuovo segretario generale della Cisl Medici della Lombardia. Lo ha eletto il Consiglio Generale del Sindacato che rappresenta tutte le categorie della professione medica e veterinaria, sia dipendenti che convenzionati. Eletta, nel segno della continuità, anche la nuova segreteria regionale. Con Mazzacane, alla guida della Cisl Medici Lombardia, saranno: Maria Polosa, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...