Lavoro 26 gennaio 2016

Turni massacranti: si torna alla carica con proteste e azioni legali

Proclamate altre due giornate di sciopero nazionale il 17 ed il 18 marzo. Ospedali di tutta Italia al collasso: il caso del Sant’Andrea di Roma. Raccolta firme di Ugl e Fials per i nuovi orari di lavoro: «Turni improponibili e decisioni unilaterali»

Immagine articolo

Nelle piazze e nei tribunali. Prosegue senza soste la battaglia degli operatori sanitari. Dopo le migliaia di ricorsi già avviati e lo sciopero del 16 dicembre scorso per la questione degli orari di lavoro, i medici incroceranno le braccia il 17 ed il 18 marzo con il blocco delle prestazioni che stavolta sarà di 48 ore.


«Vogliamo ribadire il no ai tagli delle prestazioni erogate ai cittadini, protestare contro l’indifferenza del governo ai problemi della Sanità con un unico obiettivo: la salvaguardia del Sevizio sanitario nazionale», si legge nella nota congiunta dell’Intersindacale, che rappresenta 250mila medici, dipendenti e convenzionati, liberi professionisti e specialisti ambulatoriali, pediatri, medici veterinari, dirigenti sanitari.

Attraverso il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo, dal governo è giunto, in risposta all’annuncio della protesta, il proposito «di fare di tutto per intensificare il dialogo affinché i problemi e le situazioni difficili si affrontino con metodi diversi dallo sciopero». Un invito, insomma, a parlarne. Questo tenendo in considerazione quanto già messo in cantiere: il concorso per l’assunzione di 6mila unità tra medici e infermieri ed il via libera a tamponare l’emergenza sostanzialmente prolungando, e laddove necessario rinforzando, il precariato con contratti a termine su indicazione delle Regioni.

Misure considerate evidentemente non sufficienti, anche alla luce della difficile situazione che si vive negli ospedali di tutta Italia dall’ingresso della legge 161/2014 che ha dato applicazione alla direttiva europea 2003/88 sugli orari di lavoro. Come era prevedibile, con gli organici ridotti all’osso, non è stato possibile garantire una turnazione con un riposo di almeno 11 ore, se non andando a penalizzare l’utenza con la chiusura dei reparti e l’allungamento delle liste d’attesa.

In tutta Italia numerosi ospedali sono già al collasso. Al Sant’Andrea di Roma, solo per citare uno degli ultimi casi, l’Ugl ha lanciato una raccolta firme tra i dipendenti proprio contro i nuovi turni. «Hanno aderito diverse sigle, tra cui Flp, Fials, Si Cel e Nursing up, – spiega Giuseppe Pascucci, Rsa al Sant’Andrea dell’Ugl – contestando decisioni aziendali unilaterali, o meglio, concordate solo con Cgil, Cisl e Uil. La stragrande maggioranza però non li condivideva perché, ancora una volta, non ci sono state equità e trasparenza. Questo vale anche per fondi incentivanti e di avanzamento, gestione della formazione e modalità di attribuzione di incarichi e posizioni organizzative».

In trincea anche gli infermieri, soprattutto per l’introduzione del turno notturno ”spinto” di 12 ore. «La situazione si è fatta insostenibile – commenta Leonardo Violante, territoriale Fials in forza al Sant’Andrea – e la raccolta firme, cui ha seguito un’assemblea, si prefiggeva lo scopo di far comprendere che queste decisioni vanno prese con i lavoratori che sono in prima linea». Fials e Ugl dimostrano scetticismo sulle nuove assunzioni previste dal ministero.  «Ad oggi – risponde Violante – noi non vediamo niente di tutto ciò. La sanità è sotto il pesante macigno della spending review e sono in difficoltà non solo gli operatori ma soprattutto gli utenti. Quando le soluzioni saranno vere allora ci sarà una sanità migliore e potremo parlare di una sanità d’eccellenza, come è quella dell’ospedale Sant’Andrea, veramente rivolta al pubblico».

«Non ci fermeremo qui – gli fa eco Pascucci – e dopo petizione e assemblea, abbiamo chiesto ai lavoratori di esprimere la loro idea su come organizzare i turni con una sorta di referendum. Chiaramente se le cose non cambieranno saremo pronti a scioperare e, se necessario, avviare azioni legali. D’altronde rivolgersi ai tribunali è sempre più spesso la scelta migliore. Noi abbiamo, ad esempio, un precedente positivo per gli uffici amministrativi di via Brembate: appena ci siamo rivolti ad un organo esterno, l’azienda è stata costretta ad esaudire le nostre richieste».

Articoli correlati
Bonaccini (Regioni): «A passi spediti verso chiusura contratti dirigenza medico-sanitaria»
Andrea Filippi (Fp Cgil): «Registriamo favorevolmente l'impegno a trovare un accordo per chiudere nel più breve tempo possibile questa tornata contrattuale. Manteniamo ferma la necessità di coniugare l'aspetto economico del contratto con l'esigibilità di alcuni punti fondamentali della parte normativa»
Lazio, protesta dei lavoratori della sanità privata a Montecitorio. Cgil, Cisl e Uil: «Rinnovo contratto o sciopero»
I sindacati confederali chiedono che non ci siano lavoratori di serie A e di serie B. L’assessore D’Amato: «Ogni professionista deve avere le medesime opportunità e tutele». Faroni (Aiop Lazio): «Stop a disparità di trattamento tra le varie regioni»
Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro
Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma attesa da 9 anni, la strada è in salita: da una parte vanno reperite risorse adeguate per l'aumento (che dovrà superare i fatidici 85 euro) e per le altre voci; dall'altra ci sono aspetti normativi importanti da definire come orario di lavoro, reperibilità, esigibilità del contratto
Sciopero medici, strappo di Cgil e Uil. Filippi: «Revochiamo la protesta. Abbiamo vinto su tutti i fronti»
Anche la Uil interrompe la mobilitazione. «Abbiamo avuto garanzia dalle regioni di un rinnovo contrattuale rapido, abbiamo avuto garanzie sul finanziamento» sottolinea il segretario della Fp Cgil Medici
Contratto, Cozza (Cgil): «Aumenti oltre gli 85 euro, riposo e basta con il Far West delle assunzioni»
Aumenti salariali, turni di lavoro, nuove assunzioni e coperture assicurative: sono questi gli argomenti principali che secondo Massimo Cozza, segretario nazionale della Cgil medici, dovranno essere affrontati in autunno dal tavolo negoziale che, dopo otto anni di attesa, dovrà trovare un accordo sul rinnovo del contratto dei camici bianchi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...