Lavoro 23 giugno 2015

TURNI MASSACRANTI: «Pronti a far passare un emendamento per difendere i medici»

Dopo l’interrogazione il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri annuncia le prossime tappe della ‘crociata’ per i diritti dei camici bianchi: «Chi fa ricorso ora ha un’autostrada spianata. Attendiamo le mosse del Governo, altrimenti pronta una mozione, un Ddl e un emendamento.»

Immagine articolo

Più che una battaglia, una vera e propria “crociata”. Così il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri (CRi) ha definito il suo impegno concreto nel combattere il problema dei turni di lavoro massacranti cui sono sottoposti i medici.

Una missione che prende le mosse dall’interrogazione parlamentare di cui Lettieri è proponente e primo firmatario e a cui si sono aggiunte le firme dei senatori Piero Aiello (Ncd), Emilio Floris (FI), Antonio Scavone (GAL) e Maria Rizzotti (FI).

Ma questo è solo il primo passo. Se l’interrogazione non dovesse dare l’esito sperato, altre tappe via via più stringenti sono all’orizzonte. Sanità informazione ha chiesto i dettagli di questa iniziativa al protagonista della conferenza stampa sul tema tenutasi in Sala Nassirya al Senato: il primo firmatario dell’interrogazione, il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri.

«La nostra crociata nasce affinché venga ripristinato e mai più leso un diritto riconosciuto da leggi nazionali ed europee. I turni massacranti cui sono sottoposti i medici, tra l’altro, hanno effetti devastanti sull’ intero Ssn, e di conseguenza sulla comunità. E’ evidente che dopo aver lavorato per 24 ore il medico non può garantire prestazioni ottimali. Ci siamo mossi con questa interrogazione ai ministri della Salute e dell’Economia, per comprendere quali iniziative vogliano adottare – e in quali tempi – per ripristinare la normalità. Dopodiché valuteremo se presentare una mozione di impegno per il Governo, che spero sia sostenuta da tutte le forze politiche, visto che le ragioni che presentiamo non sono viziate da pregiudizi di parte o da finalità politiche. L’alternativa all’inerzia del Governo si concretizzerà in un Disegno di Legge o in un emendamento per risolvere il problema con criteri validi e legittimi».

Si tratta insomma di colmare una vera e propria falla nel sistema normativo, apertasi anche per la mancanza di coperture economiche. Se non venisse chiusa, tuttavia, il rischio di esborso per le Casse per lo Stato sarebbe ancora più pesante, vista l’ondata di ricorsi.

«È palese che il fatto che il Governo abbia modificato provvedimenti già approvati proprio dall’esecutivo. Stando così le cose, il medico che volesse fare ricorso troverebbe un’autostrada spianata davanti a sé, e raggiungerebbe l’obiettivo. Proprio perché penso a quanto possa essere pesante tutto ciò per i conti pubblici, in un momento di forte incertezza economica, se sarà necessario arriverò alla proposta legislativa, come già fatto per gli ex specializzandi. Saranno altrimenti le sentenze dei tribunali, con costi ulteriori, a confermare la ragione dei ricorrenti».

Articoli correlati
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Medici, stangata RC Auto nel 2017. Magi (Sumai): «Camici bianchi disattenti alla guida? Colpa del blocco del turnover…»
Dal rapporto di Facile.it operatori sanitari bollati come ‘disattenti’. Il 4,66% di loro subirà un aumento dei premi assicurativi. Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali Sumai-Assoprof: «Medici anziani costretti a turni massacranti»
«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)
Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...