Lavoro 1 giugno 2016

Turni massacranti, i DG “fanno squadra” con i medici

Formazione, e-health e blocco del turnover i temi toccati al FORUM PA. Angelo Lino Del Favero (Federsanità): «I ricorsi sono una realtà, serve un intervento…»

Deve essere un manager il direttore generale delle Asl. Perfettamente a suo agio nell’interpretare ed applicare normative in continua evoluzione, attento alle esigenze del personale in tema di formazione e aggiornamento ECM, è chiamato ad assicurare servizi efficienti ai cittadini anche davanti all’esiguità delle risorse e al blocco del turnover.

In un lungo confronto, nell’ambito del FORUM PA, i Dg hanno messo sul tavolo le principali criticità del momento, ma non si sono limitati a “piangersi addosso”. Un serrato confronto, arricchito da numerose e veraci testimonianze della platea, hanno portato a condividere strategie d’azione e nuovi obiettivi da raggiungere. Una leva da azionare è senza dubbio quella della sanità digitale, ma prima dell’e-health c’è il personale sanitario. Per questo si è parlato soprattutto di formazione e personale attraverso gli interventi di Pier Guido Carpani (Capo di Gabinetto Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), Federico Gelli (Responsabile Sanità del PD),  Enrico Desideri (Vicario Federsanità ANCI) e il Dg del dipartimento Programmazione del Ministero della Salute, Renato Botti. A tirare le fila del confronto il presidente di Federsanità ANCI, Angelo Lino Del Favero, ai nostri microfoni.
Presidente, siete partiti dalle classiche parole da convegno, come governance, riorganizzazione, interpretazioni normative, ma poi il dibattito si è acceso sui temi concreti della professione e su quello che bisogna garantire ai cittadini.

«Si parla della grande trasformazione in atto nella sanità italiana soprattutto all’interno delle Regioni. È un processo “bottom-up”  che porta a rendere più efficienti le aziende e vincere la gara della sostenibilità ad ampliarne i confini a riorganizzare e quindi ridurre i costi di carattere amministrativo generale per investire più sul paziente e sui servizi strettamente sanitari. Ci sono diversi modelli, diversi metodi utilizzati nelle varie parti d’Italia però che convergono verso un unico obiettivo, quello di essere più efficienti ma soprattutto più efficaci in termini qualitativi per la cura del paziente».

A proposito di qualità, un tema centrale è stato quello della formazione e anche dalla platea gli interventi sono andati in questo senso. Una formazione di qualità viene chiesta da direttori generali e medici.

«Il tema della formazione è importantissimo, forse un po’ trascurato in questi anni. Abbiamo bisogno di far formazione e aggiornamento per i direttori generali, ma anche e soprattutto per i direttori di ospedale, di distretto, per tutti coloro che costituiscono il telaio, l’ossatura della responsabilità all’interno dell’azienda».

Un altro tema importante toccato anche con il direttore Botti (Ministero della Salute) è stato quello degli orari di lavoro. Per voi direttori generali è una grande responsabilità dover gestire la sofferenza del personale, chiamato ancora a turni massacranti per via del blocco del turnover.

«Certamente, i piani di rientro regionali e il blocco del turnover hanno creato seri disagi al personale. Ora spero ci siano le condizioni per rimediare, perché la qualità è anche legata ad una attività che non può essere iperstressante».

La legge 161, che doveva dare attuazione alla direttiva Ue 2003/88 sugli orari di lavoro, al momento non ha sortito gli effetti previsti. Qual è la strada che suggeriscono i Dg?

«Al momento è difficile, noi confidiamo che ci possa essere un colpo d’ala per la risoluzione».

Anche perché nel frattempo ci sono molti ricorsi, molte azioni legali contro lo Stato inadempiente sulla direttiva europea, e sempre più spesso voi direttori le appoggiate anche.

«È una realtà. Non aggiungo altro…».

Articoli correlati
Napoli, all’ospedale Santobono iniettato un monitor cardiaco
Il cuore dei bambini monitorato con una siringa sotto cute. L’intervento di eccellenza è avvenuto all’ospedale Santobono di Napoli, dove qualche giorno fa un bambino è stato ricoverato dopo aver avuto una sincope dovuta ad un’improvvisa alterazione del ritmo cardiaco.Per questo motivo, come riporta Repubblica, l’equipe del dottor Paladini ha provveduto ad iniettare sotto pelle un […]
Caldo, Regione Lazio: «In campo 5mila medici di famiglia e una nuova app»
Per contrastare il grande caldo che sta interessando l’intero territorio regionale nelle ultime ore, è stato attivato il Piano della Regione Lazio per le Ondate di Calore. Il Piano è rivolto in particolare agli anziani dai 65 anni con l’obiettivo di garantire l’assistenza nelle giornate con le temperature più alte. La copertura assistenziale è assicurata da oltre 5.000 medici di medicina generale che […]
“Qualità di vita nelle città”, al via l’intergruppo. Pella-Sbrollini: «Sport e prevenzione entrino nei LEA. Al lavoro sul welfare urbano»
Circa duecento le adesioni in Parlamento, tra cui quella del Ministro Giulia Grillo. Tra gli obiettivi assicurare un alto livello di alfabetizzazione e di accessibilità all’informazione sanitaria, incoraggiare stili di vita sani nei luoghi di lavoro, ampliare e migliorare l’accesso alle pratiche sportive e motorie per tutti i cittadini
Nuovo traguardo per la chirurgia oftalmica italiana: 52° impianto di protesi su pazienti con retinite pigmentosa
Sono ora ben 52 gli interventi di impianto di protesi retinica Argus II eseguiti in Italia in quasi 7 anni. Un traguardo importante per il nostro Paese, raggiunto grazie ad eccellenze italiane nel campo della chirurgia oftalmica e alla possibilità di usufruire in alcune Regioni della copertura del servizio sanitario nazionale, quali Toscana, Lombardia e […]
A Roma dal 5 al 7 luglio medici e giuristi a confronto sulla medicina legale e l’accertamento della verità
Guidati dai responsabili scientifici Prof. Vittorio Fineschi e Prof.ssa Paola Frati, gli ospiti affronteranno la metodologia medico-legale, il ruolo dei consulenti e dei periti, le novità della legge Gelli, e la legge sul consenso informato e le disposizioni anticipate di trattamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...