Lavoro 19 gennaio 2016

«Turni e assunzioni: le strategie di Anaao»

Parla Domenico Iscaro, presidente della sigla sindacale: «La sanità deve essere una priorità nell’agenda del Governo. Il 2016 sarà un nuovo anno di battaglie per i medici italiani»

Immagine articolo

Siamo stanchi di tutto questo. Il nostro lavoro peggiora ogni giorno di più». Una lunga stagione di lotta si è conclusa per i medici, ma il nuovo anno li vede ancora sul piede di guerra. Tante le istanze, spesso complementari tra loro, che ancora non trovano risposte concrete e soddisfacenti.


Dal blocco del turn over agli orari di lavoro, Sanità informazione ha approfondito con Domenico Iscaro, presidente Anaao – Assomed, le principali criticità che, in questo avvio di 2016, non smettono di preoccupare i camici bianchi italiani.

«L’efficienza della nostra sanità è fortemente minata dalle recenti manovre economiche – attacca Iscaro -. Meno servizi, meno posti letto, liste d’attesa più lunghe e rincaro del ticket. Risulta sempre più difficile per il medico esercitare la professione con adeguati standard di qualità. Per i medici, inoltre, soggiunge il gravissimo problema delle dotazioni organiche: è da 7 anni ormai che il turnover è bloccato, e che quindi coloro che vanno in pensione non possono essere sostituiti. Le Regioni, dal canto loro – spiega -, ricorrono al lavoro precario quando possono, pagandolo in modo inadeguato, oppure non erogano il servizio. La conseguenza è che i cittadini sono costretti a rivolgersi a strutture private o, peggio, a rinunciare alle cure. Noi medici siamo stanchi di tutto questo – sbotta il presidente di Anaao -. Il nostro lavoro peggiora ogni giorno di più e, dal punto di vista etico e deontologico non ci sentiamo più in grado di rispondere a quella domanda di salute che dovremmo invece prioritariamente assolvere».

C’è un altro tema in questa protesta: quello dei turni massacranti. Lo scorso 25 novembre è entrata in vigore una legge per adempiere alla norma europea sugli orari di lavoro. Ma effettivamente, negli ospedali, si riescono a rispettare gli orari imposti da questa norma?
«Siamo l’unico Paese europeo che ha derogato rispetto alla normativa sull’orario di lavoro, ma a seguito della procedura di infrazione l’Italia ha dovuto adeguarsi e l’avrebbe dovuto fare con la legge del 25 novembre. Tuttavia – commenta Iscaro -, niente è cambiato. Siamo fermi alla proposta del ministro della Sanità di un emendamento in legge di Stabilità, che dovrebbe prevedere l’assunzione di 6000 medici. Ma pensare che le Regioni, già sottofinanziate e in grave deficit provvedano a queste assunzioni con risorse proprie, è un’utopia. I medici  – continua – sono quindi costretti ancora una volta a ricorrere a migliaia di ore di straordinario non retribuite, con un maggiore carico di stanchezza e un maggiore rischio per il cittadino/paziente».

Una delle forme di resistenza per vedersi almeno riconoscere questo sacrificio è fare ricorso in tribunale. Laddove lo Stato non riesce a garantire un diritto forse potranno farlo i tribunali…
«Certo, è possibile ricorrere ai Tribunali dal momento che ormai l’orario è fissato per legge. Il nostro servizio sanitario come standard di qualità e performance è fra i migliori in Europa, con dati concreti a dimostrarlo. È da lì  – conclude il presidente Iscaro – che dobbiamo ripartire e possiamo farcela, ma è ormai non più procrastinabile per il governo inserire la sanità tra le priorità in agenda».

Articoli correlati
Contratto medici, il vox populi dei sindacati dopo il primo incontro: «Inizio deludente, ci aspettavamo di più»
Parte in salita la trattativa con Aran per il rinnovo contrattuale. In molti preoccupati dell’avvicinarsi della scadenza elettorale. Ettore (Fesmed): «Non hanno capito il disagio che vive il mondo della sanità e della dirigenza medica. Grasselli (FVM): «Revochiamo sciopero ma se non avremo risposte soddisfacenti lo riproporremo»
Medici, studio Fimmg – Anaao lancia l’allarme: «Nei prossimi 5 anni via in 45mila». Scotti: «14 milioni di italiani resteranno senza medico di base»
Nei prossimi 10 anni la cifra raddoppia: a causa dei pensionamenti andranno via 80676 camici bianchi. Nuove assunzioni non compenseranno calo. A rischio carenza, oltre ai generici, soprattutto pediatri, chirurghi, ginecologi e cardiologi
Contratto a rischio, servono 1,3 miliardi. Garavaglia: «Senza risorse si rinvia all’anno prossimo». La rabbia dei sindacati
Anaao: «Senza soldi non si firmano contratti»; Cimo: «Ecco che inizia il ping pong tra le Istituzioni»; FVM: «È dialogo tra sordi, che non sentono malcontento dei lavoratori»
«Vogliamo solo specializzarci», il grido dei giovani medici davanti al Miur nella protesta di Anaao e Fimmg
Oltre 9mila neolaureati in medicina non riusciranno ad entrare nelle scuole di specializzazione e nei corsi di formazione di medicina generale. La manifestazione per chiedere l’aumento delle borse di studio e l’introduzione degli scorrimenti della graduatoria
Specializzazioni, la rabbia dei giovani. ANAAO e FIMMG: basta ritardi pronti a manifestazione
Gli ultimi aggiornamenti che pervengono dal MIUR lasciano presagire ulteriori ritardi per l’emanazione del bando di concorso per l’accesso alle specializzazioni mediche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...