Lavoro 9 giugno 2015

«Tra 10 anni non ci saranno abbastanza medici di famiglia»

Lancia l’allarme Joseph Portelli Demajo, vicepresidente Uemo. «Sempre meno giovani iscritti, necessario uniformare la legislazione europea»

Immagine articolo

Il medico di famiglia è riconosciuto come specialista in sedici delle ventotto nazioni che compongono l’Unione Europea. L’Italia non fa parte di queste. Una differenza di legislazione che non è giustificata dal tipo di formazione ricevuta, che è praticamente la stessa ovunque, e che crea disagi non solo ai professionisti, ma anche ai pazienti che vogliono farsi curare in nazioni diverse da quella di provenienza.

L’Uemo (Unione Europea dei Medici di Medicina Generale) è l’organizzazione che si occupa di coordinare diversi nuclei nazionali e che raccoglie i rappresentanti dei camici bianchi di medicina generale di quasi tutti i Paesi europei. I membri si riuniscono ogni sei mesi in un forum in cui si discutono i vari problemi che i medici di famiglia riscontrano nei Paesi di appartenenza. «Da circa tre anni – spiega ai microfoni di Sanità informazione Joseph Portelli Demajo, vicepresidente Uemo – lavoriamo affinché il medico generalista venga riconosciuto come specialista in tutti i Paesi dell’Unione Europea. Si tratta di un problema molto sentito in nazioni come Inghilterra, Austria o la stessa Italia e che crea difficoltà non solo al professionista, che in alcuni Paesi ha un tipo di qualifica e in altri una qualifica diversa, ma anche al paziente: in Europa – spiega Demajo – ci sono frontiere che i cittadini comunitari possono superare senza fatica né problemi. Quel che manca loro è però la sicurezza di trovare, nel nuovo Paese, medici generici specializzati. Questo è un problema».

Una differenza, quella evidenziata da Demajo, che non trova però giustificazioni se si guarda al sistema educativo adottato dall’Europa: «Ci sono molti studi – continua il vicepresidente Uemo – che dimostrano come la formazione del medico nei Paesi appartenenti all’UE sia praticamente la stessa ovunque. Esiste però una resistenza, che forse è politica, di accettare che la “scienza” del medico generalista possa e debba essere considerata una specializzazione a tutti gli effetti. Noi stiamo lavorando per ottenere questo riconoscimento, perché siamo certi che questa mancanza di uniformità rappresenti un fattore negativo per il settore: gli studenti non si sentono attratti da questo tipo di strada, non sono incoraggiati a percorrerla, e andando avanti, in particolare nei prossimi dieci anni, ci troveremo con una grande carenza di medici generici. Se questo problema non è riconosciuto a livello comunitario e non faremo passi concreti per affrontarlo ci saranno grossi problemi sia per i pazienti che per i governi». Il motivo? Mancanza di risorse economiche con cui sostenere la sanità: «È un fatto riconosciuto – conclude Demajo – che la cura meno costosa è quella primaria. Se questa non basta si passa ai vari tipi di cure secondarie che, però, costano allo Stato molto di più. Per questo motivo gli sforzi e le risorse vanno concentrate nel sostenere le cure primarie, ovvero quelle portate avanti dai medici generici. Se non viene risolto questo problema, ne conseguiranno molti altri, sia economici che sociali».

Articoli correlati
Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita
«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a catturarmi. È lì, del resto, che vengono salvate le vite». Atul Gawande, chirurgo statunitense e Professore alla Harvard Medical School, ricorda così l’inizio della sua carriera […]
Irregolarità al concorso di medicina generale, Lavra: «Verificheremo, ma va assicurato un posto a tutti i neolaureati»
In occasione delle prove di concorso per l’accesso al corso di formazione in medicina generale, diversi candidati hanno denunciato irregolarità e scorrettezze tali da richiedere l’intervento dei Carabinieri. La denuncia della Fimmg e il commento della Presidente FNOMCeO Roberta Chersevani
Il medico che frequenta il corso di formazione in Medicina Generale può svolgere attività libero professionale?
La Corte dei Conti con la sentenza n. 240 del 5 ottobre 2017 ha condannato il medico a restituire alla Regione Toscana la borsa di studio (pari a € 29.008,80) per l’ammissione e la frequenza di un corso di formazione in medicina generale relativa al triennio 2004 – 2006, per avere svolto, contestualmente alla frequenza […]
Medici e genitori anti-vax: come comportarsi di fronte agli ‘scettici’? Lo spiega il virologo Roberto Burioni
«Un medico che sconsiglia i vaccini è come un poliziotto della stradale che incoraggia il cittadino a guidare ubriaco» lo dichiara il virologo divenuto una ‘star’ del web per la sua battaglia pro-vax
Formazione medicina generale, Lopes (FIMMG Giovani): «Vigileremo sulle novità»
Senza ricambio generazionale, il sistema sanitario nazionale collasserà. Margherita Lopes, Segretario Nazionale di FIMMG Formazione: «Le parole del Segretario Scotti e del Ministro Lorenzin ci danno speranza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...