Lavoro 8 settembre 2015

Tessera sanitaria e Irap: tasse e burocrazia stroncano i medici

Camici bianchi costretti a fare anche i “commercialisti” sobbarcandosi nuovi carichi di lavoro

Immagine articolo

Sommersi dal lavoro e dalla burocrazia. Persino quando si imbocca la strada della semplificazione e del digitale si finisce per appesantire ulteriormente il carico ai danni dei medici e non solo. Con un effetto domino che finisce per avere poi ripercussioni sui pazienti.


Una situazione ben evidente nel recente caso della Tessera Sanitaria che va a sommarsi ai numerosi grattacapi fiscali, tra cui spicca la vecchia diatriba relativa all’Irap. Ma andiamo con ordine. Con un decreto, uscito il 31 luglio, il Ministero dell’Economia impone ai medici liberi professionisti di caricare direttamente sulla tessera sanitaria le spese mediche sostenute dai cittadini. Questi ultimi, a partire dal prossimo anno, non dovranno dunque più necessariamente conservare scontrini e ricevute e si ritroveranno gli oneri delle prestazioni già nel 730 precompilato. Una notizia che inizialmente aveva incontrato principalmente le resistenze della classe medica, ma che, ora, con il passare dei giorni comincia a creare preoccupazioni anche tra gli stessi cittadini, ammaliati inizialmente dal servizio salvo poi comprendere che non potrà essere a costo zero.

Il medico, già pieno di lavoro, sarebbe infatti costretto a sobbarcarsi anche i classici compiti di un commercialista, investendo soldi e tempo per adeguare e aggiornare le apparecchiature informatiche oltre che per acquisire le nozioni necessarie per gli adempimenti fiscali richiesti. Probabile che in molti chiedano supporto ad un professionista o deleghino il compito ad una risorsa già in forza allo studio. Ci sarà, insomma, un costo aggiuntivo da coprire e come ha già fatto notare il presidente dell’OMCeO Napoli, Silvestro Scotti, «questo si riverbererà sul costo della prestazione per il paziente».  Secondo lo stesso Scotti, che è un medico di famiglia, a pagar dazio non saranno solo i liberi professionisti puri e per essere ancora più chiaro utilizza esempi concreti. Cita, infatti, certificati sportivi, assicurativi e Inail, ma anche le visite occasionali, sia del medico di assistenza primaria sia del medico di guardia. Ci sono poi le situazioni disciplinate diversamente da una regione all’altra a rendere ancora più complessa ed ingarbugliata la situazione.

Comprensibili, dunque, timori e sfoghi dei camici bianchi, legittimamente preoccupati non solo dell’incremento del lavoro ma anche di poter entrare in rotta di collisione con i pazienti su una materia delicata come la privacy. Ci sono infatti spese che il cittadino può decidere di non comunicare allo Stato, rinunciando alle detrazioni. Il medico, però, deve fare comunque una comunicazione di diniego attraverso il sistema con l’autorizzazione verbale del paziente. Una situazione estremamente delicata, oltre che rischiosa, che si somma alle esenzioni dal ticket per reddito, note Aifa, giustificazioni per i farmaci branded prescritti in presenza di equivalenti, nuovi obblighi legati alla prescrizione “appropriata” di Tac e Risonanza magnetica. Un bel rompicapo, un altro in più, nella giungla di tasse e adempimenti fiscali cui sono sottoposti i camici bianchi.

E non c’è solo da appuntare le date di scadenza con l’incubo di acconti e saldi, ma anche destreggiarsi tra normative che cambiano o che resistono anni anacronisticamente producendo, in entrambi i casi, una giurisprudenza incerta e contraddittoria. Come, solo per citare un esempio, per il pagamento dell’Irap, ovvero l’imposta da versare nel caso ci si avvalga di una collaboratrice: sentenze della Commissione Tributaria vanno in un senso e pronunce della Cassazione in un altro e nel frattempo Agenzia delle Entrate ed Equitalia chiedono periodicamente di regolare i conti. Un caos che ben si inserisce nell’ingorgo fiscale di settembre, che prevede oltre 400 adempimenti per 20 milioni di italiani. Oltre ad Iva, Irpef e la stessa Irap il grande appuntamento è l’invio del Modello 770 e le Certificazioni Uniche dei lavoratori autonomi.  Con l’Unico si può anche correggere la dichiarazione dei redditi, già presentata, dai lavoratori dipendenti con il 730. Entro il 30 settembre sarà possibile aderire alla procedura di collaborazione volontaria (“voluntary disclosure”) per il rientro agevolato dei capitali illecitamente detenuti all’estero.

Articoli correlati
Medico Convenzionato ed IRAP: quali sono i beni strumentali che rientrano nel “minimo indispensabile”?
In materia di IRAP del medico convenzionato, il requisito della autonoma organizzazione non ricorre quando il contribuente responsabile dell’organizzazione impieghi beni strumentali non eccedenti il minimo indispensabile all’esercizio dell’attività e si avvalga di lavoro altrui non eccedente l’impiego di un dipendente con mansioni esecutive. La Corte di Cassazione con la sentenza del 17 maggio 2017 […]
«Ecco come ho recuperato 5 anni di IRAP non dovuta». Parlano i medici
Il caso dei medici assistiti dai commercialisti di Consulcesi e le indicazioni per chi vuole intervenire presentando l’apposita integrazione alla prossima dichiarazione dei redditi recuperando 5 anni di tasse ingiustamente versate, da compensare con i crediti maturati
IRAP e medicina di gruppo, quali novità?
Con la sentenza n. 6370 pubblicata il 13 marzo 2017 la Corte di Cassazione ha affermato che in materia di IRAP, la medicina di gruppo non è un’associazione tra professionisti ma un organismo promosso dal servizio sanitario nazionale. L’attività della medicina di gruppo integra il presupposto impositivo non per la forma associativa del suo esercizio, […]
IRAP e medicina di gruppo. Quali novità dalla Cassazione?
La Corte di Cassazione con la recentissima sentenza n. 27267 del 28 dicembre 2016 ha ribadito che, in materia di IRAP, la medicina di gruppo non è un’associazione tra professionisti ma un organismo promosso dal Servizio sanitario nazionale, quindi la sua attività diventa rilevante ai fini dell’imposizione fiscale non per la forma associativa del suo […]
Novità Irap: ora è possibile recuperare 5 anni di tasse “in un colpo solo”. Mario Cicala: «Procedere rapidamente»
Presentando l’integrazione prima della fine dell’anno si recupera l’imposta illegittimamente versata dal 2011 al 2015. L'ex presidente della Sezione Tributaria della Corte di Cassazione, ora avvocato, ai camici bianchi: «Assolutamente corretto fare domanda»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...