Lavoro 11 maggio 2016

È tempo di 730 per i medici: ecco tutti i consigli. Il commercialista: «Attenzione al precompilato»

Ai microfoni di Sanità informazione l’esperto di questioni contabili dei professionisti sanitari

Ritrovare scontrini e fatture di farmaci e prestazioni mediche, cercare il CUD fornito qualche mese fa dal proprio datore di lavoro, individuare tutti gli altri documenti utili, metterli tutti insieme e portarli al Caf o al commercialista di fiducia. Sono i “rituali” a cui si sottopongono – ormai rigorosamente nel mese di maggio – milioni di italiani impegnati a presentare la dichiarazione dei redditi tra sofferenze e patemi d’animo.

 Ora, però, con l’introduzione del 730 precompilato dovrebbe essere tutto meno complicato. I dati, comprese le spese sanitarie già comunicate dai medici (come si ricorderà non senza problemi e polemiche…), sono caricati direttamente sul modello insieme a tutto il resto. Tutto semplificato? Apparentemente sì, ma come consiglia il dottor Giulio Palazzo, titolare di uno dei più importanti studi commerciali di Roma, meglio non fidarsi fino in fondo. Un invito, rivolto anche ai medici chiamati a presentare il 730, a verificare con attenzione che ci sia davvero tutto perché ogni sistema rischia di avere le sue falle e non si può correre il rischio di commettere errori che si pagano ed il conto può essere davvero salato.

Dottor Palazzo, tra montagne di scartoffie e adempimenti di natura fiscale e tributaria, il medico si sente sempre più “ingabbiato” nel ruolo del burocrate. Ed in queste giorni, poi, deve fare i conti con le insidie della dichiarazione dei redditi. Partiamo dal ricordare chi deve presentare il modello 730?
«Iniziano con il ricordare che questa è la seconda stagione del 730 precompilato. Quest’anno, però, c’è il debutto del modello UNICO persone fisiche precompilato. Dal 15 aprile scorso c’era la possibilità di accedere direttamente al sito dell’Agenzia dell’Entrate e verificare i dati messi online dall’Agenzia relativamente ai propri redditi. I soggetti interessati, sulla base della stima fornita dall’Agenzia dell’Entrate, sono circa 30 milioni e si tratta in particolare di cittadini che nel 2015 hanno conseguito redditi di lavoro dipendente, o redditi assimilati al lavoro dipendente o pensionati».

Allora quali sono le principali novità, che riguardano dunque medici dipendenti e pensionati, e a cosa si dovrà prestare attenzione?
«Il modello 730 precompilato si arricchisce di ulteriori dichiarazioni in termini sia di oneri deducibili sia di oneri detraibili. Volendo fare un esempio concreto: nel 730 precompilato 2016 figurano le spese universitarie, e mentre quelle degli atenei statali verranno riportate già nella dichiarazione precompilata, quelle delle università non statali sono inserite nel foglio riepilogativo che il contribuente dovrà preventivamente verificare e accettare. In particolare, segnalo che le altre spese universitarie detraibili, come i test di ammissione, non vengono inserite automaticamente e quindi dovranno essere oggetto di attenzione da parte del medico dipendente o del pensionato, che potrà inserirle e portarle poi come oneri detraibili».

Quindi, nel caso in esempio, chi opterà per il 730 precompilato, se ha un figlio che ha sostenuto un test di ammissione all’Università, dovrà fare un’integrazione al documento?
«Esatto. Verificherà se occorre inserire questa voce di spesa che non è inserita automaticamente e quindi di poterne beneficiare».

C’è qualcuno che è escluso dalla possibilità di optare per il 730 precompilato?
«Non può presentarlo chi ha conseguito redditi di lavoro autonomo, quindi con partita IVA, redditi di impresa, chi nel 2015 era residente all’estero, chi ha ceduto partecipazioni qualificate nel 2015 o chi eventualmente ha conseguito redditi diversi non inseriti nel quadro della dichiarazione».

Quali sono le date e procedure da rispettare?
«Il modello, che è a disposizione dallo scorso 2 maggio, va presentato entro il 7 luglio di quest’anno. Dal 15 aprile l’Agenzia delle Entrate ha messo online i dati dei contribuenti che beneficeranno del 730 precompilato».

Per eventuali somme a credito o da versare, bisogna fare calcoli particolari o anche qui è stato tutto semplificato?
«Sicuramente la dichiarazione precompilata, in assenza di modifiche, è molto agevole perché non implica calcoli per il contribuente. Eventuali somme in eccedenza verranno recuperate nelle dichiarazioni e nella busta paga già di luglio prossimo e di agosto–settembre per i pensionati, mentre eventuali somme a debito verranno trattenute dalla retribuzione».

Con lo Studio Palazzo – Consulenza Tributaria e Societaria, si inaugura una collaborazione editoriale che ci porterà ad affrontare tutte le principali questioni tributarie dei camici bianchi, ma anche di rispondere ai quesiti dei nostri lettori. Chi volesse suggerire delle tematiche può scriverci a redazione@sanitainformazione.it.

Articoli correlati
Arriva il 730 “precompilato” dai medici. Ecco come funziona.
Dopo le polemiche e la tempesta burocratica della compilazione saranno online oltre 500 milioni di ricette e prestazioni mediche. Ecco come cittadini e camici bianchi potranno gestirle.
Caos 730: l’allarme di Roma. Ancora 30mila pin da attivare
Quando la burocrazia diventa la “malattia” dei medici. Intervista al presidente OMCeO Roma, Roberto Lala: «Bene l’innovazione, ma deve essere gestita meglio. Vogliamo solo curare le persone»
«Multa di 100 euro per ogni fattura non trasmessa». Caos 730 precompilato: FNOMCeO chiede proroga 
Ecco i problemi tecnici incontrati e tutti i chiarimenti sul sistema Tessera Sanitaria. Parla il presidente OMCeO Milano, Roberto Carlo Rossi: «Non possiamo pagare per le inadempienze dello Stato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...