Lavoro 21 settembre 2016

Tasse e fisco: i consigli dell’esperto

Sono indietro con le tasse, cosa devo fare? Posso passare al regime forfettario? Come devo comportarmi se ho un conflitto tra i contributi versati ad Enpam ed Inps? Sono solo alcune delle numerose richieste di chiarimenti e informazioni giunte all’indirizzo mail redazione@sanitainformazione.it. Abbiamo chiesto al tributarista Giulio Palazzo, dottore commercialista con il quale prosegue la nostra collaborazione, di rispondere alle domande più frequenti e di maggiore interesse per la classe medica in tema di fisco e tasse.

INDIETRO CON LE TASSE? ECCO COSA SUCCEDE E COME METTERSI IN REGOLA

Quesito: Non sono riuscito a pagare tutte le rate delle tasse relative allo scorso anno. In attesa della convocazione dell’Agenzia delle Entrate per il pagamento come devo comportarmi? È possibile stimare il tempo d’attesa della convocazione?

Risposta: Non è possibile effettuare una stima delle tempistiche tuttavia, trattandosi di redditi di imposta 2014 (parlando di dichiarazione 2015), è prevedibile che entro la fine dell’anno 2017pervenga una comunicazione di irregolarità ex art. 36 bis D.p.r. 600/1973. In tal caso potrà regolarizzare la sua situazione saldando quanto dovuto con l’aggiunta di una sanzione “agevolata” pari al 10% di quella ordinariamente prevista. Nel caso in cui si volesse invece sanare anticipatamente la sua situazione si potrà accedere all’istituto del ravvedimento operoso il quale prevede delle sanzioni agevolate che variano a seconda dei tempi di esecuzione del ravvedimento stesso. Tale istituto non richiede comunicazioni o convocazioni, è possibile attivarlo in qualsiasi momento antecedente al controllo dell’Agenzia delle Entrate.

 

REGIME DEI MINIMI: CHI PUÒ ACCEDERE AL FORFETTARIO

Quesito: Chi completa con il 2016 il quinquennio dei minimi ed ha un reddito di pensione superiore a 30.000 € pro/ anno può passare al regime forfettario a partire dal 2017?

Risposta: Non è possibile, ma non perché il passaggio da regime dei minimi al regime forfettario non sia di per sé possibile, ma perché la produzione di un altro reddito (sia questo anche derivante dalla pensione) superiore alla soglia minima prevista (30mila euro), non permette accesso a tale regime agevolato.

 

CONFLITTO CONTRIBUTI ENPAM-INPS: COME CI SI COMPORTA

Quesito: da quando sono pensione ricopro il ruolo di amministratore in una scuola di psicoterapia. Ho un compenso mensile ed ho sempre versato i contributi all’INPS. Qualche tempo fa l’Enpam mi ha comminato una multa secondo loro avrei dovuto versare i contributi appunto all’Enpam. Adesso in questa situazione paradossale ho dovuto pagare questa multa e naturalmente non riuscirò ad avere indietro quanto ho versato regolarmente all’Inps. Come si dipana questa matassa?

Risposta: Nel caso in cui i contributi previdenziali da lei versati negli anni all’Inps abbiano riguardato la sola attività di amministratore della Scuola – e non anche la sua attività professionale – non si potrà richiedere una ricongiunzione di quanto versato all’Inps e quanto richiesto dall’Enpam sembrerebbe dovuto. Differente è l’ipotesi in cui risulti che i contributi versati all’Inps siano stati calcolati negli anni tanto sul reddito derivante dall’attività di amministratore quanto da quello prodotto nello svolgimento dell’attività medica. Sembrerebbe dunque opportuna un analisi più approfondita della situazione da parte di un professionista.

 

 

Articoli correlati
Protocollo d’intesa tutela disabilità oncologica INPS-REGIONE-IFO
Oggi, presso Palazzo Wedekind a Roma (piazza Colonna, 366) alle ore 12:30, si terrà la conferenza stampa di presentazione e firma del protocollo sperimentale di intesa finalizzato alla tutela della disabilità da patologie oncologiche. Il protocollo permetterà di semplificare l’iter sanitario per il riconoscimento delle prestazioni assistenziali di invalidità e di handicap alle quali hanno diritto i malati […]
L’Enpam ha approvato il bilancio 2017: utile superiore a 1,16 miliardi di euro
L’Assemblea nazionale della Fondazione Enpam ha approvato il Bilancio consuntivo 2017. L’ente di previdenza di medici e odontoiatri ha chiuso l’anno con un utile superiore a 1,16 miliardi di euro, che ha portato il patrimonio netto a 19,7 miliardi di euro con una crescita del 7,1 per cento rispetto all’anno precedente. Il patrimonio supera, a valori […]
Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni
L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pensione in cumulo
Fisco, quali sono i dispositivi medici detraibili per il 2018? Ecco la guida
Siringhe, cerotti e termometri: tutti strumenti ‘del mestiere’ che possono essere deducibili. Come funziona, chi può godere delle detrazioni e quanto gli viene riconosciuto
Addio a Eolo Parodi, presidente Enpam in anni privatizzazione
Si è spento Eolo Parodi, alla guida dell’ente previdenziale dei medici e degli odontoiatri dal 1993 al 2012. Entrò nel 1993 come vicecommissario per poi diventarne presidente poco tempo dopo. Gli anni della sua presidenza sono stati quelli del passaggio alla privatizzazione e della ripresa economica, dopo il difficile periodo che portò al commissariamento dell’Enpam. Eolo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»