Lavoro 2 ottobre 2017

Scuole di specializzazione: ecco il bando. Iscrizioni dal 5 al 16 ottobre: ecco i dettagli sull’esame e sulle graduatorie

Disponibile il bando tanto atteso per le scuole di specializzazione. La prova nazionale si svolgerà il 28 novembre prossimo. Le borse a disposizione sono 6.676

Immagine articolo

Sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è pubblico il bando per l’accesso alle Scuole di specializzazione in Medicina: la prova nazionale si svolgerà il 28 novembre prossimo e le borse a disposizione sono 6.676, di cui 6.105 messe a disposizione dallo Stato, 499 dalle Regioni, le rimanenti 72 da altri enti pubblici o privati. Il concorso si svolgerà secondo nuove regole tese a garantire una maggiore qualità e un controllo ancor più attento della selezione.

LEGGI ANCHE: «VOGLIAMO SOLO SPECIALIZZARCI», IL GRIDO DEI GIOVANI MEDICI DAVANTI AL MIUR NELLA PROTESTA DI ANAAO E FIMMG

Le scuole attivate destinatarie dei contratti, sono 1.256 su un totale di 1.300 scuole accreditate in base alle nuove regole previste dal decreto Miur-Salute. Quest’anno, infatti, è partito un nuovo e più rigoroso sistema di accreditamento delle Scuole di specializzazione, atteso da oltre dieci anni e improntato a garantire una sempre maggiore qualità della formazione dei futuri professionisti medici.

LEGGI ANCHE: SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN MEDICINA: «ECCO IL PERCHÉ DELLE BOCCIATURE»

Il concorso resta nazionale, per titoli ed esami. Entro martedì 7 novembre sul sito www.universitaly.it le candidate e i candidati potranno conoscere la sede in cui svolgeranno la prova che sarà unica a livello nazionale, uguale, cioè, per tutte le partecipanti e tutti i partecipanti. Le iscrizioni alla prova nazionale potranno essere effettuate da giovedì 5 ottobre fino alle ore 15.00 di lunedì 16 ottobre 2017, esclusivamente on line, attraverso il portale www.universitaly.it. Graduatoria unica nazionale di merito e aggregazione delle sedi d’esame per aree geografiche sono fra le principali novità introdotte quest’anno per garantire una maggiore qualità del concorso nazionale, anche su sollecitazione delle associazioni delle specializzande e degli specializzandi, della Conferenza dei Rettori, del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari.

LEGGI ANCHE: «RITARDI E PENALIZZAZIONI, NO A ITALIA SENZA MEDICI» PARLA NOEMI LOPES (FIMMG GIOVANI), IN PIAZZA IL 28 SETTEMBRE

I quesiti saranno 140 con un punteggio pari a 1 per ogni risposta esatta, 0 per ogni risposta non data, -0,25 per ogni risposta errata. Al concorso potranno partecipare le laureate e i laureati in Medicina e Chirurgia che abbiano conseguito la laurea in data anteriore al termine di scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione. L’ammissione alle lezioni sarà subordinata al conseguimento dell’abilitazione all’esercizio della professione di medico-chirurgo entro la data di inizio delle attività didattiche (dunque entro e non oltre il 29 dicembre del 2017). In relazione al numero di domande pervenute e comunque almeno venti giorni prima della prova di esame, il Ministero comunicherà le sedi, con relativa assegnazione dei candidati presso le diverse sedi e l’orario di svolgimento della prova di esame.

Al termine della valutazione delle prove d’esame, il Ministero pubblicherà un’unica graduatoria nazionale di merito nella quale verrà indicato il punteggio complessivo conseguito da ciascuna candidata e ciascun candidato per i titoli e nella prova d’esame. A parità di punteggio complessivo, verrà data priorità alla candidata o al candidato con voto d’esame più alto. In caso di ulteriore parità, prevarrà il più giovane per età anagrafica.

Quindi, a partire dal 4 dicembre inizieranno le procedure di scorrimento e le conseguenti scelte da parte delle e dei candidati. Gli scorrimenti prevederanno non più di sette scaglioni, ognuno dei quali si svolgerà nell’arco di tre giorni fino al 29 dicembre. In seguito alla pubblicazione della graduatoria nazionale, infatti, ciascuna candidata e ciascun candidato dovrà scegliere le tipologia di Scuola e le sedi di suo interesse, indicandole in ordine di preferenza. A questo punto interverrà un’importante innovazione voluta dal MIUR per venire incontro alle richieste delle e degli aspiranti specializzandi per garantire il merito evitando la possibile dispersione di borse. Alle candidate e ai candidati che vedono saturate le proprie scelte all’interno del proprio scaglione sarà garantita automaticamente l’aggregazione al successivo e la possibilità di effettuare le proprie tre scelte. Terminate le operazioni di scelta da parte dei candidati, il Ministero procederà alla pubblicazione delle assegnazioni alle specifiche Scuole. L’assegnazione definitiva di candidate e candidati alle Scuole avverrà prima dell’inizio delle attività didattiche previsto per il 29 dicembre.

 

Articoli correlati
Pubblicato il bando di ammissione alle Scuole di Specializzazione. Ecco requisiti, prova d’esame e regole di assegnazione
La prova d’esame si svolgerà il prossimo 17 luglio. Tutte le informazioni utili ai tanti giovani camici bianchi che tenteranno di accaparrarsi uno dei contratti disponibili: sono 6200 quelli finanziati dallo Stato
Formazione, MIUR firma nuovo Regolamento per l’esame di abilitazione alla professione di medico-chirurgo
Novità principale, l’inserimento del tirocinio trimestrale obbligatorio all’interno dei sei anni del corso di studi in Medicina e Chirurgia. Una scelta che nasce dalla volontà di uniformare il percorso italiano di formazione e abilitazione professionale dei medici a quello della maggior parte dei Paesi europei
Sanità, parla la neo senatrice Laura Stabile (Forza Italia): «Basta considerare il medico un costo, si torni a investire su Ssn»
Ex sindacalista Anaao- Assomed in Friuli, è direttore di medicina di urgenza a Trieste. «Il sistema afferma - comincia a scricchiolare. Bisogna fermare il definanziamento del sistema sanitario»
Progetto Tris, la scuola arriva a casa di chi non può frequentare grazie a Fondazione Tim
La tecnologia per l’inclusione socio educativa e per garantire lo studio a chi non può frequentare le lezioni in classe per motivi di salute. È  questo l’obiettivo del progetto TRIS giunto alla sua seconda fase e realizzato da Fondazione TIM in collaborazione con CNR – Istituto delle Tecnologie Didattiche e ANP – associazione nazionale dei dirigenti […]
Obbligo vaccini dal 10 marzo, Rusconi (Associazione Presidi): «Famiglie ‘no vax’? Organizzati con ‘scuole familiari’ e bimbi a casa»
Tutte le procedure per famiglie, medici, Asl e scuole. Il Presidente dell’Associazione Nazionale Presidi: «C’è il rischio che la scuola diventi ‘il capro espiatorio’ dei non adempienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»