Lavoro 28 luglio 2015

Scuole di Specializzazione, test al via: corsa ad ostacoli per i giovani medici

6mila borse ancora insufficienti a fronte di oltre 13mila candidati. Il vice-presidente del SIGM, Andrea Silenzi: «La pressione sul MIUR è servita per il concorso. Ora lavoriamo sulla programmazione».

Immagine articolo

Partite le selezioni per l’accesso alle Scuole di Specializzazione. Da questa mattina e per tutta la settimana, oltre 13mila giovani medici cercheranno di conquistare le 6mila borse di studio messe a disposizione.


Le prove sono iniziate evitando di ripetere gli errori tecnici che lo scorso anno avevano generato critiche, polemiche e soprattutto valanghe di ricorsi. Non sono mancate però le polemiche per i quesiti e le criticità organizzative. Situazioni sulle quali il SIGM, la principale associazione di riferimento per i Giovani Medici, ha già posto l’attenzione. Ma l’associazione vede già il bicchiere mezzo pieno, considerando produttivo lo sforzo fatto – insieme a tante altre realtà del mondo medico-sanitario – nel corso di questi mesi. Una pressione costante che ha portato ad ottenere dal MIUR maggiori garanzie sul regolare svolgimento delle prove. Resta però l’incognita del futuro dei camici bianchi, stretti tra i continui tagli alla sanità ed una programmazione carente, come ha fatto notare il vicepresidente nazionale del SIGM, Andrea Silenzi, ai microfoni di Sanità informazione.

Appena conclusa la prima giornata di prove per l’accesso alle scuole di specializzazione, quali sono i primi feedback che arrivano alla vostra associazione?
«Sembra che le criticità riscontrate lo scorso anno siano state evitate, anche grazie ad una attenzione pressante da parte della nostra Associazione, ma anche di tutte le altre organizzazioni che hanno spinto affinché ci fosse massima attenzione in questo momento che, di fatto, decide della vita professionale dei giovani medici. Fortunatamente sono state evitate criticità organizzative. Certo, alcuni malumori sono stati registrati in merito alla natura delle domande: nonostante la sbandierata modifica al regolamento del Ministero, sembrerebbe che la prova generale fosse molto orientata sul lato pre-clinico, nonostante si fosse annunciato il contrario. Questa è stata la maggiore criticità. Speriamo inoltre che le forze dell’ordine, presenti grazie alla circolare concordata dal Miur e dal Ministero degli Interni,  possano garantire presìdi fissi in aula».

Si è arrivati a questa prova sotto pressione, dopo mesi di proteste, manifestazioni al Miur e lettere aperte al Ministro Giannini. Dopo questi giorni di concorso bisogna, forse, guardare più avanti e intervenire a monte sulla programmazione…
«“Programmazione” è la parola chiave di tutto ciò che riguarda il mondo dei giovani medici. Senza, tutto ciò che stiamo facendo in questi giorni, ovvero lavorare perché il concorso dia la possibilità di accedere al post-laurea a migliaia di giovani medici, è strettamente collegato alla pianificazione quantitativa e qualitativa delle risorse umane che da qui ai prossimi anni dovranno garantire la tutela della salute dei cittadini. In un momento di blocco del turn over e in cui, contando anche gli accessi in esubero e tutte le criticità derivanti dal numero programmato, c’è difficoltà a sapere quanti saranno gli immatricolati a Medicina, è proprio alla programmazione che va data la massima attenzione. Dobbiamo ritornare a presidiare quello che abbiamo perso  e che i cittadini rischiano di scontare sulla propria pelle non trovando giovani medici specialisti nelle strutture pubbliche. Ma soprattutto non c’è chiarezza sulla vocazione: sono più di 60mila i candidati all’accesso ai corsi di laurea, un numero spropositato. Bene quindi l’iniziativa del Ministero di fare dei test psicoattitudinali alle scuole superiori, è una delle strade per garantire una corretta programmazione».

Articoli correlati
Carenza di medici, la cura di Anaao: contributi delle Regioni, teaching hospital e libera professione per gli specializzandi
Pierino Di Silverio di Anaao Giovani a Sanità Informazione: «Abbiamo sviluppato un algoritmo che consente di calcolare il fabbisogno reale di medici nei prossimi anni. Dobbiamo ridurre gli accessi a medicina ed aumentare le borse per la formazione post lauream»
Giovani medici, Tarsitano (OMCeO Roma): «Lavoro, equo compenso e borse di specializzazione tra le priorità»
È la Consigliera più giovane dell’Ordine dei Medici di Roma. Ecco cosa vuole fare per migliorare la situazione dei suoi coetanei
Rinnovo FNOMCeO, AIM e SIGM: «Si avvii rifondazione della Professione medica in linea con evoluzione del sistema salute»
In merito al rinnovo del Comitato Centrale FNOMCeO, l’Associazione Italiana Medici (AIM) e l’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) si dichiarano solidali con la posizione del Presidente dell’Ordine dei Medici di Piacenza, ossia ad avviare un percorso di rifondazione della Professione medica e dell’istituzione ordinistica che sia in linea con l’evoluzione del sistema salute. L’Associazione Italiana Medici (AIM) e […]
Anaao Giovani a favore del numero chiuso: tutela gli studenti più bravi e meritevoli
Anaao Giovani esprime «profonda preoccupazione e disappunto per la proposta, lanciata in campagna elettorale da autorevoli esponenti politici, di abolire il numero chiuso per l’accesso ai corsi di studio universitari. Per quello che riguarda il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, infatti, una corretta programmazione del fabbisogno presente e futuro di medici e personale […]
Un 2018 di lotta al precariato per i giovani medici: «Basta con pagamenti in ‘pizza e birra’ e altre proposte indecenti…»
Il gruppo Facebook “Giovani Medici Anti Sfruttamento” raccoglie le esperienze di ragazzi laureati cui vengono offerte pizze e birre o 200 euro al mese per ruoli di elevata responsabilità. La fondatrice Lucrezia Trozzi: «Chiediamo l’introduzione dell’equo compenso per la nostra dignità professionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...