Lavoro 23 aprile 2018

Sanità, è tempo di digitalizzare. Andrea Zorzan (Consulcesi): «Cambiare paradigma per mettere al centro il medico e anticiparne i bisogni»

«Sistemi sempre più efficienti per personalizzare servizi e produrre analisi predittive» questo, secondo lo Strategic Analysis & Reporting Manager di Consulcesi, il futuro per le aziende operanti dell’healthcare business

L’industria della salute digitale è in continua evoluzione e l’implementazione della tecnologia è tra le priorità del settore. Ad allinearsi con le richieste del mercato e a rappresentare un esempio virtuoso nell’healtcare business è Consulcesi, network leader nel settore sanitario. Sanità Informazione ha intervistato Andrea Zorzan, Strategic Analysis & Reporting Manager di Consulcesi Tech che racconta come le aziende operanti nell’assistenza sanitaria si stiano adoperando per digitalizzare i sistemi produttivi e divenire sempre più efficaci nella risposta al cliente.

LEGGI ANCHE: LA SALUTE NELL’ERA DEI BIG DATA: MOLTE LE OPPORTUNITÀ, QUALI I RISCHI?

La digitalizzazione, soprattutto in campo sanitario, sta diventando imprescindibile. Le aziende si stanno muovendo in questa direzione, Consulcesi come si sta allineando su questi binari?

«Consulcesi sta facendo un grosso investimento nell’opera di digitalizzazione, soprattutto per quel che riguarda le fasi successive, ovvero estrarre il maggior valore possibile dai dati raccolti e archiviati nei nostri database aziendali. Con il mio dipartimento – Strategic Analysis and Reporting – stiamo adoperandoci per elaborare dati secondo tre linee direttive: sviluppo delle capacità professionali all’interno del team, scelta degli strumenti di analisi e l’ultimo asset, non ultimo per importanza, ottimizzazione delle procedure di raccolta e organizzazione dei dati».

Per quanto riguarda la raccolta dati è tutto in evoluzione, soprattutto a fronte delle nuove normative sulla privacy. Consulcesi come si sta allineando alle prospettive future e alle nuove modifiche?

«Il nostro ufficio legale sta fornendo linee guida interne per il trattamento dei dati personali. Proprio a fronte di questi nuovi aggiornamenti in campo privacy, siamo in continuo contatto con i nostri consulenti e, proprio la settimana scorsa, in fase sviluppo del data warehouse [archivio informatico, ndr] abbiamo avuto i primi contatti per concordare un allineamento continuo sui futuri sviluppi. Purtroppo, un problema che abbiamo riscontrato tutti, è che la normativa in uscita non è chiara e sarà da interpretare in ottica probabilmente diversa rispetto a quella che siamo abituati a fare in Italia. Di fatto credo che una normativa più corposa determini più sicurezza nei confronti del cliente ed è dunque corretto adeguarsi».

Insomma, una realtà che sta nascendo e prendendo corpo: quali saranno i vantaggi fattivi per il cliente ma anche per l’azienda stessa?

«Per il cliente avremo un punto di svolta notevole, un cambio di paradigma: con la creazione di un data warehouse metteremo il medico al centro di tutti i servizi offerti dall’azienda. Per quanto riguarda il beneficio interno invece ottimizzeremo sicuramente i processi produttivi di analisi per fornire al business degli insights specifici, un’analisi cosiddetta descrittiva degli attuali processi e, in una fase più evoluta, probabilmente riusciremo ad evolverci verso analisi predittive anticipando le esigenze dei nostri attuali clienti e degli utenti prospect. Indubbiamente verranno ridisegnati nuovi servizi e arriveranno prodotti personalizzati ad hoc per il singolo medico».

 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
La medicina incontra il futuro: alla Sapienza nasce il Centro di ricerca STITCH
Nasce STITCH – Sapienza Information-Based Technology InnovaTion Center for Health – il primo centro di ricerca targato Sapienza che coniuga la medicina con le più innovative tecnologie dell’informazione, come la network medicine, i big data, la realtà virtuale, l’intelligenza artificiale e la robotica. Il nuovo Centro, frutto della collaborazione tra dipartimenti di area ingegneristica, informatica […]
Numero chiuso, irregolarità? Avvocato Saurini (Consulcesi): «Vogliamo realizzare sogno di tanti giovani»
«Violazioni dell’anonimato, utilizzo di telefonini: tutti gli anni purtroppo si ripetono difformità materiali e burocratiche, ecco cosa fare» così Sara Saurini, legale del network di riferimento per la tutela dei medici
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
Medici in corsia senza essere pagati, lo Stato li risarcisce con oltre 15 milioni di euro
Marco Tortorella, avvocato specialista del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi: «Come confermato dal recente e autorevole parere pro veritate il termine di prescrizione non è decorso, noi continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici»
Ex specializzandi, a Firenze arrivano i rimborsi ai medici e nuove interpretazioni giuridiche riaprono i termini della prescrizione
Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario, giovedì 21 giugno, consegnerà a Firenze gli assegni ai medici fiorentini e delle altre province toscane. Tra i relatori Federico Gelli, Responsabile del Rischio in Sanità di Federsanità Anci
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...