Lavoro 28 marzo 2017

Rottamazione Cartelle Equitalia, la parola all’esperto: «Ecco cosa devono fare i medici ed entro quando…»

Ai microfoni di Sanità Informazione, il consulente fiscale Giampiero Pantano spiega come risparmiare fino al 30% per le cartelle ricevute tra il 2000 e il 2016: «Attivata partnership con Consulcesi per aiutare gli operatori sanitari a districarsi in queste pratiche così complesse»

Mancano pochi giorni al termine ultimo per presentare richiesta per la rottamazione delle cartelle di Equitalia. La scadenza, in un primo momento prevista per il 31 marzo, è stata prorogata al 21 aprile. Qualunque medico che abbia ricevuto una cartella esattoriale tra il 2000 e il 31 dicembre 2016 può aderire per vedersi eliminata una somma che può anche superare il 30% dell’importo complessivo, risparmiando su sanzioni e interessi di mora. La materia, però, è più complessa di quel che può sembrare. Per questo abbiamo intervistato Giampiero Pantano, consulente fiscale che in partnership con Consulcesi si occupa proprio della rottamazione delle cartelle per i professionisti sanitari.

Dottor Pantano, il personale medico sanitario ha fino al 21 aprile per rottamare le cartelle Equitalia. Come funziona il tutto?

«Va presentata un’istanza all’agente della riscossione chiedendo di aderire a questa sanatoria per tutte o anche solo per alcune delle cartelle che si hanno in carico. Una volta presentata questa istanza, Equitalia ha di tempo fino al 31 maggio per dare una risposta, in cui sono contenute sia la quantificazione delle somme da pagare che il piano delle scadenze. È possibile infatti scegliere se pagare la somma in un’unica soluzione o in cinque rate, con un piano di ammortamento che verrà fornito dalla stessa Equitalia».

Quanto si può risparmiare, aderendo alla rottamazione?

«In media possiamo parlare di un 30% per i tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate. Questa somma corrisponde alle sanzioni richieste dall’Agenzia stessa sugli omessi versamenti. In aggiunta, si risparmieranno anche gli interessi di mora, che non saranno più esigibili da Equitalia».

A livello pratico, cosa deve fare un medico che intende aderire alla rottamazione delle cartelle?

«Il medico deve innanzitutto avere contezza del proprio debito, ovvero delle cartelle esattoriali che gli sono state recapitate tra il 2000 e il 2016. Noi consigliamo l’acquisizione di un documento denominato “estratto del debito”, rilasciato dall’agente della riscossione, che certifica tutti i carichi esattoriali che sono pendenti per quella determinata persona. In questo senso, abbiamo attivato una partnership con Consulcesi per affrontare questo tipo di pratiche, che spesso non sono di semplice gestione. È dunque meglio rivolgersi agli addetti ai lavori e, in questo caso, ad una realtà come Consulcesi che assiste i medici da anni. In questo modo il tutto può essere maggiormente efficace».

Articoli correlati
Carenza medici, Consulcesi: «Bene SIGM, elezioni occasione per riprogrammare la sanità»
Anche la principale realtà di tutela della classe medica appoggia la posizione di Andrea Silenzi, Presidente SIGM: «Felici che il tema della programmazione dei medici sia entrato nel dibattito della campagna elettorale. Prioritaria nuova programmazione quali-quantitativa metodologicamente fondata»
Ex specializzandi, parla l’esperto della vertenza: «Rimborsi anche a chi si è iscritto prima del 1983 e importi da rivedere al rialzo»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, con oltre 530 milioni di euro fatti riconoscere dai tribunali in favore dei medici tutelati dal network legale Consulcesi, spiega cosa cambia con la recente pronuncia della Corte di Giustizia Europea. Nel frattempo una sentenza del Tribunale di Roma conferma i rimborsi a chi ha interrotto la prescrizione prima del 20 ottobre 2017
Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»
Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gradi di giudizio, inoltre le somme riconosciute potrebbero triplicarsi e vengono meno i termini di prescrizione»
Medici ex specializzandi, Corte Giustizia Ue ribadisce diritto a «remunerazione adeguata»
Da Lussemburgo arriva altra sentenza favorevole per gli specializzati tra il 1983 e il 2006. Obbligo sorge immediatamente e, eventualmente, c’è diritto al risarcimento anche senza legge ad hoc. Stato rischia esborso complessivo di 5 miliardi di euro. Consulcesi rappresenta 80% degli interessati
Medici e Irap non dovuta: scatta il conto alla rovescia per recuperare 5 anni di tasse
Tempo solo fino al 31 dicembre 2017 per recuperare anche l’IRAP non dovuta nel 2012. Consulcesi a disposizione con il suo partner tecnico specializzato in consulenza tributaria per predisporre la “dichiarazione integrativa a favore del contribuente” modificata dall’articolo 5 del Dl fiscale 2016
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...