Lavoro 4 marzo 2014

Rimborsi ex specializzandi: a Firenze restituiti altri 6 milioni ai camici bianchi

I medici rimborsati: “Fate come noi, aderite alle cause collettive!” Il 20 marzo nuova azione Consulcesi.
 

Immagine articolo

Nuova consegna milionaria di rimborsi per i medici ex specializzandi. E’ toccato a Firenze accogliere lo scorso 25 febbraio decine di  camici bianchi che, non avendo ricevuto alcuna borsa di studio per gli anni di scuola post-laurea, hanno fatto ricorso ed hanno vinto. “Dopo Venezia, Genova, Roma, Milano e Torino, questa volta gli assegni consegnati ai professionisti sanitari hanno raggiunto l’ennesima cifra record di 6 milioni, completamente esentasse”. E’ quanto fanno sapere da Consulcesi, la grande associazione medica Italiana che oggi conta oltre 50 mila medici associati e che, ci dice “solo nell’ultimo anno abbiamo riconsegnato oltre 25,5 milioni di euro”.

“Sono lieto per i singoli medici – ha dichiarato il presidente dell’OMCeO di Firenze Antonio Panti – che oggi hanno visto riconosciuto un diritto a lungo negato e hanno potuto ricevere un compenso che premia l’impegno e la dedizione con cui hanno svolto la specializzazione”.

 “Congratulazioni a tutti i professionisti rimborsati oggi, un ottimo augurio per il futuro” arrivano anche dal presidente dell’OMCeO di Pisa, Giuseppe Figlini.

Doppia la specializzazione e doppio il rimborso: invito tutti i colleghi a richiedere quanto è loro diritto ricevere per ottenere da Consulcesi quella che non è una speranza, ma una certezza

 

Fino ad ora i rimborsi riconosciuti dai tribunali di tutta Italia ai camici bianchi danneggiati hanno superato la cifra record di 327 milioni di euro, dato riferito  soltanto alle cause portate avanti da Consulcesi. La vicenda, come è noto, risale agli inizi degli anni ottanta, quando l’Unione Europea impose a tutti gli Stati membri di corrispondere un giusto compenso ai medici che stavano frequentando le scuole di specializzazione, normativa a cui il nostro Paese si è adeguata in ritardo.
I professionisti specializzati tra l’82-’83 e il ’90-’91 non hanno quindi ricevuto quanto spettava loro di diritto. In aggiunta a questo, un altro fronte si è aperto più recentemente, e riguarda i medici che si sono iscritti ad un corso di specializzazione tra il ’94 ed il 2006. In questo caso le borse di studio vennero pagate ma non comprendevano copertura assicurativa dei rischi e oneri previdenziali.
Ma se sono tanti i medici che hanno finalmente ricevuto quel che spettava loro, molto più numerosi sono quelli che non hanno ancora ottenuto giustizia: si calcola che nella sola Toscana i camici bianchi che hanno diritto ai rimborsi siano più di 5mila, 120 mila in tutta Italia. È per questo che i professionisti che sono giunti vittoriosi al termine dell’iter processuale hanno invitato i colleghi che ancora non lo hanno fatto a partecipare alle prossime cause collettive organizzate da Consulcesi: “Doppia la specializzazione che ho frequentato – ha dichiarato la dottoressa Monica Puttini, specializzata in Odontostomatologia e Medicina Legale – e doppio il rimborso. Invito tutti i colleghi a richiedere quanto è loro diritto ricevere per ottenere da Consulcesi quella che non è una speranza, ma una certezza”
“Ormai quasi ogni mese – spiega Edoardo Pantano, Vice Presidente dell’Associazione –, i nostri Associati vedono premiata la propria fiducia e costanza con rimborsi milionari. Ma non ci fermiamo qui: il prossimo 20 marzo parte un’altra azione collettiva di rimborso per tutti i medici specializzati tra il 1982 e il 2006. Invito dunque tutti gli interessati a richiedere una consulenza, totalmente gratuita, sulla propria situazione specifica al numero verde 800.122.777 o collegandosi al sito www.consulcesi.it”.
Articoli correlati
Specializzazioni, SIGM: bene miglioramento scuole ma ora accelerare. Il 5 scatta il #GiovaniMediciDay
Segretariato Italiano dei Giovani Medici (SIGM): situazione andava affrontata, ci sono specializzandi di area chirurgica costretti a sola attività ambulatoriale perché iscritti a scuole mancanti di sale operatorie o sale parto
Ex specializzandi, slitta data azione collettiva: ricorsi possibili fino al 25 luglio
Boom di adesioni alla nuova azione collettiva di Consulcesi sulla scia della campagna "37 milioni in 37 giorni", con il quale sono stati rimborsati oltre 1.100 camici bianchi di tutta Italia. «Ricevute oltre 5mila richieste in meno di un mese»
Rimborsi ex specializzandi: 37 milioni in 37 giorni in tutta Italia. Ma ora c’è il rischio prescrizione
Grande successo per il “giro d’Italia” con cui Consulcesi consegna gli assegni per gli anni di scuola post-laurea non pagati: «Attese nuove sentenze in breve tempo ma resta il rischio prescrizione. Per non perdere il rimborso produrre un atto interruttivo gratuito o aderire alla prossima azione collettiva»
Ex specializzandi lavoravano senza essere pagati: lo Stato li risarcisce con oltre 8 milioni di euro
L’iniziativa "37 milioni in 37 giorni" fa tappa a Modena. L’Amministratore Delegato di Consulcesi, Andrea Tortorella: «Il diritto dei medici specialisti è riconosciuto da tutti i tribunali. Per non lasciare nessuno senza rimborso, il 15 luglio parte la nuova azione collettiva»
Ex Specializzandi: “37 milioni in 37 giorni”. Arrivano rimborsi in tutta Italia
Partita dalla Sardegna la nuova iniziativa di Consulcesi: fino al 13 luglio rimborsi in tutte le Regioni italiane per le borse di studio negate ai medici specialisti il 1978 ed il 2006. Nuove tappe nelle Marche, in Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania e via via tutte le altre. Intanto accordo transattivo ancora al palo, ma rischio prescrizione. Consulcesi lancia nuova azione collettiva il 15 luglio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

Miraggio contratto, Cavallero (Cosmed): «Non giochiamo a Robin Hood. Grave ipotesi di un rinnovo senza aumento alla dirigenza»

Intervista al segretario generale Cosmed Giorgio Cavallero sul rinnovo contrattuale dei medici: «Speriamo che trattativa inizi presto, ma aspettiamo atto di indirizzo e Legge di bilancio. E senza fon...