Lavoro 2 agosto 2017

Ricerca biomedica italiana: CIMO si oppone alla bancarotta del settore

«Si continua a dire che la ricerca italiana in campo biomedico produce molto pur ricevendo pochi finanziamenti rispetto ai concorrenti internazionali ma nello stesso tempo non si fa nulla per garantire continuità alla carriera dei ricercatori» la denuncia del Sindacato dei Medici

Oltre un anno fa dopo un serrato confronto al Ministero della Salute era stata definita una proposta per inquadrare con contratti a tempo determinato e con una progressione di carriera legata alla produttività scientifica, il personale che attualmente lavora negli IRCCS con contratti di collaborazione continuativa e professionale o con borse di ricerca. Si continua a dire che la ricerca italiana in campo biomedico produce molto pur ricevendo pochi finanziamenti rispetto ai concorrenti internazionali ma nello stesso tempo non si fa nulla per garantire continuità alla carriera dei ricercatori. Si tratta di professionisti portatori di competenze elevate e che le condizioni attuali spesso spingono a cercare all’estero quello che non trovano da noi con un doppio danno per il Paese (perdita del capitale investito per formarli e dei futuri ricavi legati al progresso scientifico nell’ambito soprattutto delle ricerca traslazionale).

Dal momento che il fattore tempo è di fondamentale importanza CIMO ritiene indispensabile spingere perché venga posta in essere la proposta che era uscita dagli incontri tenuti al Ministero della Salute. Infatti la possibilità del mancato rinnovo dei contratti atipici in essere metterebbe in ginocchio la ricerca biomedica italiana condannandola alla marginalità più assoluta. E’ quindi essenziale che la legge di bilancio sia finanziata la stabilizzazione dei ricercatori. Si fa notare che al contrario di altre uscite dello Stato che finiscono per mantenere in essere situazioni con poche o nessuna prospettiva di sviluppo gli investimenti fatti in ricerca e nello specifico quello per i ricercatori sicuramente ripagheranno con gli interessi quanto stanziato.

Ci sono 3300 persone che hanno dato al Paese più di quello che hanno ricevuto e che hanno il diritto di vedere riconosciuto il proprio contributo alla ricchezza nazionale. Chi è che sta ostacolando il percorso di stabilizzazione che aveva visto la convergenza della quasi totalità degli attori? CIMO si appella al Governo perché si faccia carico delle proposte uscite dal Ministero della Salute e si decida a finanziare una spesa produttiva, che mira allo sviluppo del Paese e che caratterizza le economie avanzate se ancora riteniamo che l’Italia ne faccia parte.

Articoli correlati
Contratto medici, ancora fumata nera. Intersindacale: «Mancano certezze su risorse economiche, manteniamo agitazione»
Al termine dell’incontro con l’Agenzia preposta alle contrattazioni, l’Intersindacale esprime insoddisfazione rispetto all’assenza di certezza sulle risorse economiche disponibili e mantiene lo stato di agitazione
Contratto, sbloccato l’Atto di indirizzo, Quici (Cimo): «Se c’è vera volontà di chiudere revocheremo lo sciopero»
Il Presidente della Cimo Guido Quici a Sanità Informazione: «Sotto elezioni tutti vogliono dimostrare di voler chiudere i contratti, ma dobbiamo vedere come. Se è l’ennesima presa in giro per tacitare il mondo sanitario, non firmiamo e confermiamo proteste»
Sciopero medici: «Cittadini e camici bianchi insieme contro lo ‘smagrimento’ del SSN» l’intervista al Presidente Quici (Cimo)
«Il Sistema Sanitario Nazionale è come un acquedotto che perde acqua: a voler riempire il bicchiere ci sono i cittadini e i sanitari che rimangono a bocca asciutta» così Guido Quici, Presidente Cimo
Mobilitazione medici, manifestazione a Piazza Montecitorio e confermato sciopero il 12 dicembre
Palermo (Anaao): «Necessaria assunzione di responsabilità politica per evitare taglio dei servizi e la protesta di 650mila addetti del SSN». Ecco le ragioni dello sciopero
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout

«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla...
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche