Lavoro 12 luglio 2017

Responsabilità professionale, Fineschi (“La Sapienza”): «Nuova normativa ha fatto maturare il sistema»

Limiti ai risarcimenti per i professionisti sanitari e un fondo di garanzia per i pazienti. La Legge Gelli-Bianco ha rivoluzionato la gestione del rischio, la sicurezza delle cure e gli obblighi assicurativi. Pietro Di Tosto, Consigliere Segretario dell’Ordine degli avvocati di Roma: «Certezze per un settore che non ne aveva»

«Medici con maggiori garanzie economiche, avvocati con più certezze normative e pazienti tutelati dal Fondo di Garanzia in via di attuazione. La Legge Gelli-Bianco rivoluziona il settore e soddisfa tutti». Lo dichiara Pietro Di Tosto, Consigliere Segretario dell’Ordine degli avvocati di Roma parlando della riforma sulla Responsabilità Professionale in occasione del convegno “Le novità introdotte dalla Legge 24/2017 Gelli”, organizzato da Sapienza, Ordine avvocati Roma, studio legale Quorum e Consulcesi & Partners. «Si tratta di un appuntamento molto importante – conferma ai nostri microfoni Vittorio Fineschi, Professore Ordinario di Medicina Legale La Sapienza – visto che l’Ordine degli avvocati ha aderito in maniera così massiccia, visto anche il livello dei relatori. Cosa cambia con questa legge? Siamo già a circa 3 mesi dall’introduzione di questa normativa e quel che cambia innanzitutto è la mentalità. I medici – spiega Fineschi – stanno lentamente recependo tutte le disposizioni e gli avvocati stanno assimilando un nuovo modo di gestire le pratiche nel contenzioso sanitario. Tutto ciò ci sta portando ad una maturazione del sistema che può solo far bene, visto il livello dove eravamo giunti».

 

In attesa dei decreti attuativi che definiranno in via conclusiva la forma della Legge, il Consigliere conferma che «un cambiamento c’è già stato e, dal punto di vista legale, noi addetti ai lavori siamo soddisfatti. Ancor più della nostra categoria, lo sono i professionisti sanitari». Il perché? «Prima di tutto – prosegue Di Tosto –, la Legge Gelli-Bianco riordina un settore dove c’era una estrema confusione. Attualmente, con la legge in vigore, un medico responsabile di aver causato dei danni ad un paziente ha anche la certezza di quello che potrà essere il limite del risarcimento che dovrà versare alla struttura sanitaria». Non è cosa da poco, commenta Di Tosto, infatti «la norma prevede che si debba versare un risarcimento fino al triplo (massimo) di quello che è lo stipendio lordo annuo. Questa novità riordina il settore medico e fornisce delle certezze che prima non c’erano. Per esempio, prima della Legge, l’entità di una polizza assicurativa o di eventuali costi connessi era assolutamente incerta».

«Tuttavia – prosegue – si tratta anche di una norma di equilibrio: la Legge favorisce il settore medico ma allo stesso tempo tutela i danneggiati. Poter citare direttamente la compagnia assicuratrice e l’obbligo di assicurazione per tutte le strutture sanitarie è, infatti, una certezza per tutte le parti coinvolte».

«Inoltre, una norma molto importante è la previsione del fondo di garanzia». Tale Fondo, in attesa di decreto attuativo, andrà a tutelare i pazienti e il loro diritto al risarcimento anche quando i massimali assicurativi dovessero essere di importo inferiore rispetto all’ammontare del danno o, peggio ancora, quando il paziente non è assicurato. «Aspettiamo il decreto atteso entro il 31 luglio – conclude Di Tosto – però una norma che tuteli il danneggiato nell’ipotesi in cui ci sia una copertura assicurativa, credo che sia un segnale di civiltà a garanzia dedicato al paziente».

Articoli correlati
Ex specializzandi, slitta data azione collettiva: ricorsi possibili fino al 25 luglio
Boom di adesioni alla nuova azione collettiva di Consulcesi sulla scia della campagna "37 milioni in 37 giorni", con il quale sono stati rimborsati oltre 1.100 camici bianchi di tutta Italia. «Ricevute oltre 5mila richieste in meno di un mese»
Rimborsi ex specializzandi: 37 milioni in 37 giorni in tutta Italia. Ma ora c’è il rischio prescrizione
Grande successo per il “giro d’Italia” con cui Consulcesi consegna gli assegni per gli anni di scuola post-laurea non pagati: «Attese nuove sentenze in breve tempo ma resta il rischio prescrizione. Per non perdere il rimborso produrre un atto interruttivo gratuito o aderire alla prossima azione collettiva»
Incubo pensione per i medici: l’81% teme crollo dei redditi e punta sulla previdenza complementare
Consulcesi, realtà leader nella tutela dei camici bianchi, ha raccolto i pareri di oltre 2mila medici sulla previdenza complementare: il 51% degli intervistati ha già scelto un fondo pensione, privilegiando i privati. I medici chiedono intervento legislativo per incentivare l’adesione grazie alla maggiore deducibilità fiscale
Ex specializzandi lavoravano senza essere pagati: lo Stato li risarcisce con oltre 8 milioni di euro
L’iniziativa "37 milioni in 37 giorni" fa tappa a Modena. L’Amministratore Delegato di Consulcesi, Andrea Tortorella: «Il diritto dei medici specialisti è riconosciuto da tutti i tribunali. Per non lasciare nessuno senza rimborso, il 15 luglio parte la nuova azione collettiva»
Una mostra fotografica per festeggiare i 10 anni di “Emergenza Sorrisi”
Presso SpazioCima di via Ombrone 9, avra’ luogo la mostra fotografica “Ten”, promossa da Emergenza Sorrisi – Doctors for Smiling Children, dedicata ai 10 anni di attivita’ della ONG in favore di bambini dei paesi in via di sviluppo affetti da gravi malformazioni facciali, esiti di ustioni, traumi di guerra. 10 Fotografi volontari esporranno i […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...