Lavoro 12 luglio 2017

Responsabilità professionale, Fineschi (“La Sapienza”): «Nuova normativa ha fatto maturare il sistema»

Limiti ai risarcimenti per i professionisti sanitari e un fondo di garanzia per i pazienti. La Legge Gelli-Bianco ha rivoluzionato la gestione del rischio, la sicurezza delle cure e gli obblighi assicurativi. Pietro Di Tosto, Consigliere Segretario dell’Ordine degli avvocati di Roma: «Certezze per un settore che non ne aveva»

«Medici con maggiori garanzie economiche, avvocati con più certezze normative e pazienti tutelati dal Fondo di Garanzia in via di attuazione. La Legge Gelli-Bianco rivoluziona il settore e soddisfa tutti». Lo dichiara Pietro Di Tosto, Consigliere Segretario dell’Ordine degli avvocati di Roma parlando della riforma sulla Responsabilità Professionale in occasione del convegno “Le novità introdotte dalla Legge 24/2017 Gelli”, organizzato da Sapienza, Ordine avvocati Roma, studio legale Quorum e Consulcesi & Partners. «Si tratta di un appuntamento molto importante – conferma ai nostri microfoni Vittorio Fineschi, Professore Ordinario di Medicina Legale La Sapienza – visto che l’Ordine degli avvocati ha aderito in maniera così massiccia, visto anche il livello dei relatori. Cosa cambia con questa legge? Siamo già a circa 3 mesi dall’introduzione di questa normativa e quel che cambia innanzitutto è la mentalità. I medici – spiega Fineschi – stanno lentamente recependo tutte le disposizioni e gli avvocati stanno assimilando un nuovo modo di gestire le pratiche nel contenzioso sanitario. Tutto ciò ci sta portando ad una maturazione del sistema che può solo far bene, visto il livello dove eravamo giunti».

 

In attesa dei decreti attuativi che definiranno in via conclusiva la forma della Legge, il Consigliere conferma che «un cambiamento c’è già stato e, dal punto di vista legale, noi addetti ai lavori siamo soddisfatti. Ancor più della nostra categoria, lo sono i professionisti sanitari». Il perché? «Prima di tutto – prosegue Di Tosto –, la Legge Gelli-Bianco riordina un settore dove c’era una estrema confusione. Attualmente, con la legge in vigore, un medico responsabile di aver causato dei danni ad un paziente ha anche la certezza di quello che potrà essere il limite del risarcimento che dovrà versare alla struttura sanitaria». Non è cosa da poco, commenta Di Tosto, infatti «la norma prevede che si debba versare un risarcimento fino al triplo (massimo) di quello che è lo stipendio lordo annuo. Questa novità riordina il settore medico e fornisce delle certezze che prima non c’erano. Per esempio, prima della Legge, l’entità di una polizza assicurativa o di eventuali costi connessi era assolutamente incerta».

«Tuttavia – prosegue – si tratta anche di una norma di equilibrio: la Legge favorisce il settore medico ma allo stesso tempo tutela i danneggiati. Poter citare direttamente la compagnia assicuratrice e l’obbligo di assicurazione per tutte le strutture sanitarie è, infatti, una certezza per tutte le parti coinvolte».

«Inoltre, una norma molto importante è la previsione del fondo di garanzia». Tale Fondo, in attesa di decreto attuativo, andrà a tutelare i pazienti e il loro diritto al risarcimento anche quando i massimali assicurativi dovessero essere di importo inferiore rispetto all’ammontare del danno o, peggio ancora, quando il paziente non è assicurato. «Aspettiamo il decreto atteso entro il 31 luglio – conclude Di Tosto – però una norma che tuteli il danneggiato nell’ipotesi in cui ci sia una copertura assicurativa, credo che sia un segnale di civiltà a garanzia dedicato al paziente».

Articoli correlati
Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»
Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»
Responsabilità professionale, Gelli: «La Legge 24/17 ha costruito un ponte tra diritto e sanità»
«La Legge ha ottenuto un ottimo riscontro anche in altri Paesi. C'è chi vuole trarre esempio dall’Italia e districare la questione». Così l'ex deputato al convengo in Cassazione
Aggressioni: non solo personale sanitario ma anche scolastico. Alleanza educativa genitori-insegnanti-medici
«Non sono tollerabili le aggressioni nei confronti degli educatori, che rivestono un ruolo strategico per il futuro della nazione, e nemmeno contro gli operatori sanitari, che lavorano per la salute di tutti i cittadini» così Antonello Giannelli, Presidente dell’Associazione Nazionale Presidi (ANP)
I progetti che rendono le cure più sicure: al via la terza edizione del premio Sham
Al via la terza edizione del Premio Sham-Federsanità ANCI, il concorso annuale che premia e fa conoscere i progetti messi in pratica dalle Aziende sanitarie locali per la prevenzione e la gestione del rischio. Per iscriversi, c’è tempo fino al 30 settembre 2018. Nel 2017, per la seconda edizione del Premio, sono state 11 le […]
Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai stata attuata. Ora puntiamo al riconoscimento delle differenze retributive»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»