Lavoro 11 maggio 2016

Quelle 16 ore di lavoro che “spaccano” i medici di famiglia

Parere positivo al rinnovo della convenzione da FIMMG. Forti critiche da Cgil Medici e SMI, che annuncia protesta a Montecitorio e rilancia: «Prescrizioni? Non basta la sospensione, serve nuova legge»

Appropriatezza prescrittiva e assistenza H16 al centro del braccio di ferro tra medici di famiglia e ministero della Salute.

Dopo le polemica per il taglio alle prescrizioni che ha portato alla sospensione del provvedimento, si è sollevato un polverone anche sull’atto di indirizzo per il rinnovo della convenzione di medicina generale e dei pediatri di libera scelta approvato dal Comitato di settore Regioni-Sanità secondo cui gli studi dei medici di famiglia resteranno aperti – sette giorni su sette – per le 16 ore al giorno dalle 8 alle 24. Nelle ore notturne l’assistenza sarà invece affidata all’Emergenza-Urgenza-118. Inizialmente si era parlato di una copertura H24, ma l’atto di indirizzo si ferma a 16 ore.Un monte ore comunque sufficiente ad accendere polemiche al pari delle 11 ore di riposo che continuano spesso ad essere negate ai medici ospedalieri. In questo caso la violazione della direttiva europea 2003/88, che doveva essere applicata con l’entrata in vigore della legge 161 (dal 25 novembre dello scorso anno), ha già prodotto migliaia di ricorsi. Non è escluso, ora, che anche la vicenda dell’H16 possa finire all’attenzione dei tribunali di tutta Italia.

Solo la FIMMG con il segretario Giacomo Milillo approva il provvedimento, parlando di «staffetta che consente di avere più medici disponibili nell’arco della giornata» e non manifesta alcun timore che possano esserci ripercussioni su organici e retribuzioni.

Per Massimo Cozza, segretario di Cgil Medici, invece, «questa decisione avrà inevitabilmente ricadute sull’affollamento dei pronto soccorso perché il 118 non sarà in grado di risolvere l’emergenza come in molti casi poteva fare la guardia medica a domicilio». Cozza è poi preoccupato «per come possano essere penalizzate le zone rurali o quelle di montagna dove il punto di riferimento è sempre stato proprio la guardia medica, che ora non sarà più in servizio di notte».

Forti le remore di Pina Onotri. Il segretario dello SMI, il sindaco dei Medici Italiani, ritiene che l’ «atto di indirizzo provocherà un buco nel settore e manderà a casa migliaia di medici a tempo determinato che operano nei servizi di continuità assistenziale. Questo – prosegue – avrà ripercussioni sulle liste d’attesa oltre che sul carico di lavoro per il 118». Lo SMI ha già organizzato una manifestazione di protesta sotto Montecitorio per l’11 maggio. Il malcontento, però, non si limita al rinnovo della convenzione, ma si estende anche al decreto sull’appropriatezza prescrittiva, entrato in vigore tra le proteste e poi sospeso. «Una prima vittoria l’abbiamo ottenuta – commenta Pina Onotri – e sono state riconosciute le nostre posizioni con il fatto che le sanzioni ai medici sono sospese. Però va rimarcato che quello è un decreto attuativo di un Ddl e quindi può essere in pratica rivisto solamente con uguale provvedimento legislativo, che non c’è stato ad oggi. Quindi aspettiamo, in tal senso, un atto concreto».

Articoli correlati
Acn medicina convenzionata, arriva il via libera definitivo da parte della Conferenza Stato-Regioni
Antonio Magi, segretario generale SUMAI Assoprof: «Ora ci aspettiamo che venga attuato quanto prevede la Convenzione, ovvero che sia riconosciuto il ruolo degli Specialisti Ambulatoriali Interni nella realizzazione degli obiettivi prioritari di politica sanitaria nazionale». Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg: «L’Acn è un punto d’arrivo, ma anche un punto di partenza per ragionare in maniera costruttiva sul futuro della Sanità pubblica e dell’SSN»
Congresso SMI, Onotri riconfermata Segretario: «Declino sanità per privatizzazioni, tagli e decentramento»
A Napoli l'assise del Sindacato Medici Italiani aperto dal saluto del Ministro della Salute Giulia Grillo. Affondo contro la corruzione: «Ogni singolo atto corruttivo è un attacco al nostro SSN. Tutti i medici devono essere chiamati a sostenere il merito nella Sanità e a denunciare eventuali episodi che squalificano la categoria»
Sanità, la ricetta di Silvestro Scotti (FIMMG): «Puntare sulla medicina generale per rilanciare l’occupazione»
Il Segretario della Federazione dei Medici di medicina generale chiede di investire sull’innovazione tecnologica: «Medico deve avere strumenti tecnologici che permettano nelle sedi vicino al paziente di aumentare l’intensità di cura»
Caos SMI, parla la vicesegretaria Triozzi: «Onotri sfiduciata, non siamo noi fronda»
Spaccatura nel Sindacato Medici Italiani: nei prossimi giorni si svolgeranno due Congressi contrapposti a Tivoli e Napoli. La ricostruzione del Segretario contestata dalla vice: «Collegio dei probiviri ha espulso dirigenti senza motivazioni valide. Maggioranza consiglieri è con noi»
Fumo, medici di medicina generale sempre più ‘sentinelle’ delle abitudini dei pazienti
Oltre 560 medici di base hanno partecipato al nuovo questionario del Centro Studi della Fimmg sul fumo. Un test che ha verificato l’importanza dei medici di famiglia come ‘sentinelle’ sull’abitudine al fumo. «L’indagine evidenzia come, ancora una volta, i medici di base siano efficaci sentinelle rispetto a fenomeni connessi a fattori di rischio comportamentali – sottolinea Paolo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...