Lavoro 21 ottobre 2014

Criticato e non rispettato. Ma con l’obbligo di Pos si combatte l’evasione

Cresce l’esigenza di introdurre le sanzioni non previste dalla legge e le nuove tecnologie offrono già soluzioni per superare le criticità

Immagine articolo

Costi elevati, collegamenti macchinosi e operatività complicata. Sono questi gli alibi con cui si giustifica l’abbondante metà di professionisti – compresi i medici –  che ancora non si sono adeguati all’obbligo di accettare pagamenti attraverso Pos.

La legge, entrata in vigore il 30 giugno, fatica palesemente a trovare applicazione nonostante sia nata – attraverso una gestazione, come si ricorderà, lunga e complicata – con il fine di combattere l’evasione fiscale. Questione di primaria importanza anche per il Governo, che ha chiamato i cittadini a contribuire attivamente alla lotta al sommerso. Sempre dalle Istituzioni è arrivata anche un’apertura ad imprese e professionisti con la volontà di ritoccare la norma, recependo le difficoltà della categoria rappresentate da Confcommercio e Cna nelle recenti audizioni.

Le criticità evidenziate, che stanno generando confusione ed incertezza, non sembrano però insormontabili, tenendo in considerazione i progressi della tecnologia e le tante opportunità presenti sul mercato. È necessario, però, innanzitutto un cambio di mentalità; ma l’Italia – adeguandosi con colpevole ritardo a far circolare la moneta elettronica – ha rallentato un processo che nel resto del continente è stato ormai metabolizzato. In seconda battuta, a questo punto, appare evidente che l’introduzione di sanzioni, al momento non previste, darebbero un colpo di acceleratore decisivo.

Un sistema di contrasto ai pagamenti in nero non può certo arenarsi davanti ad una connessione lenta o la lettura problematica di una carta, solo per citare le scuse più frequenti accampate dai professionisti. Si può discutere sulle commissioni delle banche, ma non mancano le alternative. Ci eravamo occupati ad esempio di DoctorPay, un servizio mobile che attraverso un’applicazione, consente di ricevere pagamenti senza costi di attivazione, senza canone e potendo disporre gratuitamente anche del dispositivo. Una soluzione nata attraverso i consigli di oltre 50mila medici e dunque tarata sulle reali esigenze della categoria.

Per ulteriori informazioni è disponibile il numero verde 800.088.211 e il sito www.doctorpay.it .

Articoli correlati
Obbligo di Pos: nuove tecnologie ed App ancora meglio delle contromisure
Restano le soluzioni con le condizioni più vantaggiose mentre il Governo pensa a sanzioni ed incentivi e nonostante la riduzione dei costi di commissione
In arrivo le sanzioni per far rispettare l’obbligo di Pos 
Si pensa anche ad incentivi per spingere i professionisti ad adeguarsi alla legge
Obbligo di POS: i medici di famiglia si adeguano alla legge grazie alle nuove tecnologie 
Il segretario della FIMMG Lazio, Bartoletti: "DoctorPay soluzione innovativa, intelligente, senza canone e costi per l'apparecchio
Obbligo di POS: i medici cercano una soluzione low cost 
Secondo un recente sondaggio per l'85% dei professionisti il prodotto ideale è senza canone e costi di attivazione e con il device gratuito
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...