Lavoro 19 settembre 2016

Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»

Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale

Il numero dei medici non cambia ma il lavoro è quintuplicato. Per questo molti camici bianchi si trovano costretti ad aumentare la mole del proprio lavoro per far fronte alla ormai cronica carenza di personale. Il dottor Franco Romeo, dell’Università degli Studi di Tor Vergata, intervenuto nel corso del congresso Esc (il prestigioso incontro degli iscritti alla European Society of Cardiology), ai nostri microfoni parla della difficile situazione in cui versa la realtà in cui lavora, dove l’impegno lavorativo richiesto è sempre maggiore e il personale esiguo è composto principalmente da giovani precari. Il rischio che si corre è quello di scoprire il fianco ai ricorsi dei camici bianchi che non riescono a rispettare i periodi di riposo tra un turno e l’altro.

Dottor Romeo, si parla da tempo di eliminare il blocco del turn over e riprendere con le assunzioni e, in questo senso, gli sforzi fatti sono stati numerosi. Potrebbe dirci qual è invece la situazione attuale?

«Purtroppo lavoro in un ospedale dove dal 2008 c’è stata un’interruzione nell’acquisizione di personale, e io che ho un personale giovane senza turn over mi trovo con un numero di cardiologi che viene considerato assolutamente ridicolo rispetto alla mole di lavoro che abbiamo ma noi lo facciamo. Ovviamente c’è un problema di frazionalizzazione perché ci sono altri ospedali che hanno il triplo del mio personale medico, quindi c’è ancora una vecchia pletora di medici. Assistiamo quindi ad una grave disorganizzazione e ad un mancata frazionalizzazione. E poi il problema dell’assunzione dei giovani non è da meno. È triste vedere tanti giovani che sono in una situazione precaria dopo cinque, sei o sette anni. Questo non crea quello spirito di collaborazione e di impegno che è fondamentale nella sanità. Sono giovani che vengono pagati ugualmente ma vivono in una situazione precaria che gli impedisce, ad esempio, di accedere ad un mutuo. Questa è una situazione drammatica, non si può fare finta di nulla e non si può non fare qualcosa per risolvere questi problemi».

Tra l’altro il numero di medici è, nel vostro caso, fermo dal 2008 mentre l’impegno è sempre più gravoso. Sappiamo che il medico non si tira mai indietro quindi fa turni doppi o tripli non è vero?

«Sicuramente il numero dei medici è rimasto lo stesso ma la nostra attività si è almeno quintuplicata, quindi immagini che cosa significhi e quanto sia difficile. In più, oggi per le norme europee ci sono dei limiti molto stretti e rischiamo di andare incontro alle rivalse da parte dei medici stessi nell’organizzazione dei turni. Perciò dobbiamo rispettare dei periodi di riposo tra un turno e un altro, altrimenti diventa una situazione impossibile».

Articoli correlati
Nasce la Casa della Salute Valdese. Saitta: «Sarà un modello»
«Il nostro obiettivo era sanare una ferita della nostra città, e nel farlo abbiamo deciso di riprendere un elemento caratterizzante dell’ospedale Valdese: la presa in carico del paziente. Non a caso si chiamerà Casa della Salute Valdese». Lo ha sottolineato questa mattina l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta intervenendo all’apertura della Casa della Salute di […]
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Medici incaricati definitivi degli istituti penitenziari: può una norma regionale imporre il tetto massimo orario?
Una norma regionale non può imporre autoritativamente il tetto massimo orario in 48 ore settimanali ai medici incaricati definitivi degli istituti penitenziari perché viola l’art. 117 secondo comma, lettera l), della Costituzione e invade la materia riservata alla competenza esclusiva dello Stato. La Consulta, con la sentenza n. 121/2017, ha bocciato così l’articolo 21, comma […]
Macron e la sanità: ecco quello che cambierà in Francia
Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità. “Le Quotidien” riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario. Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una […]
Fake news in sanità: il corso FNOMCeO in occasione del Festival della Tv e dei nuovi media
Come nasce una notizia falsa? Come combattere bufale e fake news sulla salute e la sanità? Quale ruolo sono chiamati a svolgere i media ? Sono questi i temi di cui si discuterà sabato 6 maggio 2017 dalle ore 15.00 alle ore 18.00 durante il corso “Mitologia della salute e false argomentazioni: l’era delle bufale” […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...