Lavoro 19 settembre 2016

Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»

Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale

Il numero dei medici non cambia ma il lavoro è quintuplicato. Per questo molti camici bianchi si trovano costretti ad aumentare la mole del proprio lavoro per far fronte alla ormai cronica carenza di personale. Il dottor Franco Romeo, dell’Università degli Studi di Tor Vergata, intervenuto nel corso del congresso Esc (il prestigioso incontro degli iscritti alla European Society of Cardiology), ai nostri microfoni parla della difficile situazione in cui versa la realtà in cui lavora, dove l’impegno lavorativo richiesto è sempre maggiore e il personale esiguo è composto principalmente da giovani precari. Il rischio che si corre è quello di scoprire il fianco ai ricorsi dei camici bianchi che non riescono a rispettare i periodi di riposo tra un turno e l’altro.

Dottor Romeo, si parla da tempo di eliminare il blocco del turn over e riprendere con le assunzioni e, in questo senso, gli sforzi fatti sono stati numerosi. Potrebbe dirci qual è invece la situazione attuale?

«Purtroppo lavoro in un ospedale dove dal 2008 c’è stata un’interruzione nell’acquisizione di personale, e io che ho un personale giovane senza turn over mi trovo con un numero di cardiologi che viene considerato assolutamente ridicolo rispetto alla mole di lavoro che abbiamo ma noi lo facciamo. Ovviamente c’è un problema di frazionalizzazione perché ci sono altri ospedali che hanno il triplo del mio personale medico, quindi c’è ancora una vecchia pletora di medici. Assistiamo quindi ad una grave disorganizzazione e ad un mancata frazionalizzazione. E poi il problema dell’assunzione dei giovani non è da meno. È triste vedere tanti giovani che sono in una situazione precaria dopo cinque, sei o sette anni. Questo non crea quello spirito di collaborazione e di impegno che è fondamentale nella sanità. Sono giovani che vengono pagati ugualmente ma vivono in una situazione precaria che gli impedisce, ad esempio, di accedere ad un mutuo. Questa è una situazione drammatica, non si può fare finta di nulla e non si può non fare qualcosa per risolvere questi problemi».

Tra l’altro il numero di medici è, nel vostro caso, fermo dal 2008 mentre l’impegno è sempre più gravoso. Sappiamo che il medico non si tira mai indietro quindi fa turni doppi o tripli non è vero?

«Sicuramente il numero dei medici è rimasto lo stesso ma la nostra attività si è almeno quintuplicata, quindi immagini che cosa significhi e quanto sia difficile. In più, oggi per le norme europee ci sono dei limiti molto stretti e rischiamo di andare incontro alle rivalse da parte dei medici stessi nell’organizzazione dei turni. Perciò dobbiamo rispettare dei periodi di riposo tra un turno e un altro, altrimenti diventa una situazione impossibile».

Articoli correlati
Rapporto Aiop, aumentano italiani insoddisfatti della sanità. Delai: «Sistema pubblico va integrato»
Cresce l’insoddisfazione degli italiani, arrivata al 32,2%, oltre il 50% al Sud. Il curatore: “C’è stato un taglio dei costi ma non una riorganizzazione dei servizi”. In calo la spesa sanitaria in percentuale sul Pil, dato sotto la media dei paesi europei
Sanità, il ministro Lorenzin nomina componenti Osservatorio nazionale sicurezza in sanità
«Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in attuazione dell’art. 3 della legge n. 24 del 2017, recante “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, ha nominato i componenti dell’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza in Sanità –  fa sapere il ministero. Sono […]
Privacy, cartella clinica e aderenza terapeutica. Ecco come Blockchain (e Bitcoin) cambieranno la sanità
Le criptomonete e la tecnologia che sta alla loro base stanno rivoluzionando il mondo, trasformando internet in un sistema più sicuro e a prova di hacker. Ecco come questa evoluzione può migliorare la vita a operatori sanitari e pazienti
Paziente oncologico: agli IFO meno attese e prenotazioni immediate
“La persona prima di tutto”, meno attese, meno sportelli e prenotazioni immediate per i pazienti degli Ifo di Roma.  Ѐ questa l’anima del progetto pilota dedicato alla semplificazione, accesso, accoglienza ed informazione degli Ifo che consentirà ai pazienti oncologici di prenotare in breve tutte le prestazioni necessarie al percorso di diagnosi e cura. ll direttore generale Francesco Ripa […]
Firenze, confermata esenzione ticket per disoccupati, in cassa integrazione e in mobilità
Buone notizie per i residenti in Toscana e i loro familiari a carico. Come riportato dal’Ansa, è stato infatti confermato fino al 31 dicembre 2018  il riconoscimento dell’esenzione dal ticket per le prestazioni specialistiche ambulatoriali per i lavoratori disoccupati, in cassa integrazione e in mobilità residenti in Toscana e loro familiari a carico. Lo stabilisce […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...